Slider Home

Consiglio UGEIConsiglio UGEI16 Aprile 2019
c373c2f7-23a9-4000-84af-227843a78998.jpg

2min82
COMUNICATO STAMPA
UNIONE GIOVANI EBREI D’ITALIA – U.G.E.I.
 
                                                   Antisemitismo a Ferrara. La condanna e la preoccupazione dell’Unione Giovani Ebrei d’Italia

 

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia condanna con fermezza l’episodio di bullismo di stampo antisemita accaduto in una scuola media di Ferrara, città significativa per l’ebraismo italiano in quanto sede del Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah.

Esprime preoccupazione in quanto questo episodio è accaduto in un ambito scolastico e tra ragazzi molto giovani. Auspica che la stessa scuola adotti un percorso di conoscenza della cultura ebraica e di quello che è stato il capitolo terribile della Shoah.

Come espresso dalla Presidente Keren Perugia “È fondamentale che i giovani approfondiscano la loro conoscenza della cultura ebraica e capiscano che la Shoah è stato un capitolo buio e tragico per gli ebrei ma anche per tutta l’umanità. È importante rispondere agli episodi di odio antisemita con estrema fermezza ma anche con l’immensa ricchezza che per tutto il mondo è la cultura ebraica”.

 

Consiglio UGEI 2019


Consiglio UGEIConsiglio UGEI15 Aprile 2019

5min193

HaTikwa (D. Zebuloni)To Bibi or not to Bibi? Questo è stato il grande dilemma delle appena concluse elezioni politiche israeliane. Si è parlato poco di economia e sviluppo, di politiche interne ed estere. Persino il tema della sicurezza è passato in secondo piano, nonostante un missile partito da Gaza abbia abbattuto una casa nel centro di Israele proprio due settimane prima dell’election day. L’argomento di tutte le campagne elettorali era uno ed uno solo: Bibi o Gantz? O meglio, Bibi o non Bibi?

Non sono dunque i 36 mandati da lui ottenuti ad averlo reso il grande vincitore di queste elezioni. Non è stata nemmeno la sua nomina di Primo Ministro per la quinta volta dal ’96 ad oggi ad averlo inserito nell’olimpo dei grandi leader della storia dello Stato di Israele. Il trionfo di Bibi si misura nella straordinaria e al contempo sinistra capacità di attirare a sé i riflettori senza dire una parola. Sono state poche e ben studiate infatti le interviste che Netanyahu ha concesso ai media, le uniche per altro da lui concesse in tutti e quattro gli anni del suo ultimo mandato. Nonostante ciò, o forse proprio a causa di ciò, quest’ultime sono state le interviste più trasmesse dai media nazionali e internazionali, nonché le più discusse sui social e per le strade del paese.

Per citare l’opinionista politico Amit Segal: “Bibi ha vinto le elezioni con il 70% dei voti, di cui il 35% erano a suo favore e il 35% a suo sfavore”. Ecco, non potrei riassumere in maniera più efficace l’esito di queste elezioni. Tutti hanno votato in funzione di Bibi, ma solo la metà dei votanti l’ha fatto a suo favore. Il restante 35% degli israeliani non ha votato con la speranza di avere il generale Gantz al governo, bensì ha votato con il disperato desiderio di non riavere Netanyahu al governo, di non vivere in un paese la cui atmosfera ricordi vagamente quella della Russia di Putin.

Eppure chi ha commentato la vincita del Likud definendola “la morte della democrazia israeliana”, o peggio ancora alludendo ad uno sterile parallelismo con il Presidente turco Erdogan, non ha capito nulla della politica israeliana in generale e della società israeliana in particolare. Per ogni cittadino israeliano che condanna Bibi ce n’è uno che lo venera. Per ogni israeliano che attacca Bibi ce n’è uno che lo difende. Per ogni israeliano che vede Israele nel baratro ce n’è un altro che vede Israele all’apice. La verità è che il bianco e il nero, anche nel caso di Bibi, non esistono. Esistono invece cinquanta sfumature di grigio (!) che rendono Bibi un eroe e al contempo un antieroe. O in parole semplici, un umano. Un comune mortale.

“Da giornalista quale sono” ha affermato la conduttrice televisiva israeliana Ilana Dayan, “ho l’obbligo di andare a fondo e condannare ogni singolo sbaglio commesso da Netanyahu, ma ho anche l’obbligo di lodare le sue manovre di sicurezza contro l’Iran. Ho l’obbligo di approfondire le accuse mosse contro di lui, ma ho anche l’obbligo di dargli credito per gli importanti traguardi economici ai quali ci ha condotti. Bisogna dunque capire una volta per tutte che non c’è niente di male a guardare le due facce della medaglia”. Forse Ilana Dayan ha ragione, non c’è proprio nulla di male nel guardare le due facce della medaglia. La politica come la vita d’altronde non è sempre un bivio. La politica come la democrazia non si limita alla domanda esistenziale: to Bibi or not to Bibi.


Consiglio UGEIConsiglio UGEI9 Aprile 2019
golan-1.jpg

7min773

 

HaTikwà (R.Mieli) – La disputa che circonda la sovranità israeliana sul Golan inizia ad assumere tratti ridicoli che si manifestano nella negazione della realtà da parte delle maggiori istituzioni internazionali. Lo sconvolgimento provocato dal riconoscimento della sovranità israeliana sul Golan ha suscitato clamore e sdegno nelle grandi sedi internazionali, apparentemente senza una vera ragione. Nonostante Israele sia ormai abituata all’allontanamento dell’Unione Europea e delle Nazioni Unite dalla causa israelo-americana, stupisce sempre di più il distacco di quest’ultime dalla realtà, e quindi la dimostrazione netta e inequivocabile di non voler avere alcun ruolo nella risoluzione del conflitto (se così possiamo ancora chiamarlo) arabo-israeliano. Il primo dato lampante è proprio questo, ovvero l’incapacità di assimilare una realtà che è già tale, manifestando non già la contrarietà alla stessa, bensì negandola.

La realtà è che le alture del Golan sono Israeliane dal 1967, quando – a seguito di una guerra di aggressione – Israele le ha militarmente conquistate. Le norme comunemente accettate di diritto internazionale dei conflitti prevedono, dato a cui si appellano diversi sostenitori della (ex) causa siriana, che un territorio conquistato a seguito di una guerra di aggressione venga restituito a seguito di un accordo di pace. Ciononostante, questa fattispecie non si è mai verificata, venendo a mancare inequivocabilmente le due caratteristiche principali che renderebbero effettivamente illegale l’annessione israeliana del Golan: 1) Israele non ha aggredito, ma è stato aggredito, 2) non c’è stato alcun accordo di pace negoziato tra le parti che riguardasse il Golan. In tale circostanza, dunque, la votazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite richiesto con urgenza dalla Siria e che ha votato contro il riconoscimento americano della sovranità israeliana sulle alture del Golan, è stato un chiaro spreco di tempo e risorse. Come prevedibile, l’Alto rappresentante per gli Affari Esteri Federica Mogherini si è affrettata a ribadire come l’Unione Europea consideri il Golan un territorio illegalmente occupato. Eppure, non è stata capace di fornire alcun argomento in difesa di una qualsiasi soluzione alternativa, giacché, in effetti, non è mai esistita alcuna proposta alternativa proveniente dal contendente siriano. Nessun paese al mondo, in nessuna circostanza e per nessuna motivazione, ha mai restituito un territorio strategico essenziale conquistato dopo essere stato militarmente aggredito da uno Stato vicino.

Non solo: la risoluzione 242 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, quella a cui si appellano – credendosi erroneamente nel giusto – coloro che sognano il ritiro di Israele dal Golan, prevede che, a seguito di un accordo tra le parti, Israele si ritiri solo da una porzione delle Alture, non dall’intera zona. Questa circostanza si è già verificata nel maggio del 1974, quando Israele abbandonò una significativa porzione di territorio conquistato, compresa l’importanza città di Quneitra, restituendola alla Siria. Oltre, quindi, all’adempienza di Israele a delle ingiustificate imposizioni del sistema internazionale, negli anni novanta lo Stato Ebraico tentò di siglare con la Siria degli accordi di pace che prevedessero la cessione di ulteriori porzioni di territorio, accordi sistematicamente rifiutati dalla Siria stessa. Era la Conferenza di Madrid. La presa in giro non finisce qua: le alture del Golan non presentano una significativa presenza di siriani che vorrebbero ricollegarsi alla Madre Patria: il territorio è abitato prevalentemente da Drusi, ben felici di essere parte integrante del “leggermente più libero, ricco e stabile” stato di Israele. A differenza, quindi, di quanto si potrebbe affermare per la Cisgiordania, nessun abitante delle Alture ha alcuna intenzione di finire sotto il sanguinario regime di Assad e non ci sono rivendicazioni in tal senso. Perché ne stiamo ancora parlando, dunque? La questione del Golan tratta semplicemente un vantaggio militare, al momento estremamente desiderato dall’Iran – che da mesi ormai ha costruito un corridoio di armi e milizie fino al mediterraneo, e che da altrettanti mesi punta a conquistare il Golan. Ecco spiegata la posizione di alcuni Paesi parte dell’Unione Europea e del Consiglio di Sicurezza Onu: l’incapacità di aver osservare e comprendere le manovre dell’Iran, e dei suoi proxy nell’area (primo su tutti Hezbollah) in Siria.

Eppure, la strategia dell’Iran in Siria non è nata ieri, si è sviluppata nel corso degli ultimi cinque anni con buona pace dei grandi colossi internazionali appoggiati da otto anni di era-Obama. Nel 2014 il portale iraniano  Jomhouri Eslami enunciò – per chi non avesse compreso la gravità della cecità euratlantica – la nascita della nuova divisione siriana di Hezbollah e l’apertura di un fronte anti-israeliano proprio ai confini del Golan stesso. A prescindere dal riconoscimento di Donald Trump (un segnale forte ma che non cambia la realtà), Israele in nessuna circostanza, per nessun motivo, e sotto alcun governo (neanche il più progressista, filosiriano o autodistruttivo che sia) abbandonerà la Alture del Golan. Il motivo di questa affermazione forte è che, al momento, il pericolo maggiore per Israele viene dalla presenza iraniana in Siria, dal rischio che questo rappresenta e soprattutto dall’incapacità siriana (anche se domattina Assad si svegliasse “amico di Israele”) di governare i propri confini in piena autonomia dagli Ayatollah.


Consiglio UGEIConsiglio UGEI27 Marzo 2019
Schermata-2019-03-27-alle-12.46.23-1280x547.png

3min589

HaTikwà In questi giorni la mia famiglia è stata scossa dalla notizia di un brutto incidente in moto ai danni di mio fratello Edoardo. Grazie a D., dopo giorni difficili, ora sta bene e può/possiamo raccontare questa storia: sono stati giorni difficili, semplificati e resi migliori da un gruppo di medici che fanno parte dell’A.M.E (Associazione Medica Ebraica). Per chi non lo sapesse, a Roma è presente questo fantastico gruppo, fatto di giovani e meno giovani dottori, fatto sopratutto da persone con un cuore immenso. Loro, fin dai primi minuti dopo l’accaduto, ci hanno assistito e guidato nelle scelte migliori per intere giornate difficili come non mai.

Mi ha spiazzato la cura con cui il Dott. Alessandro Piperno che, prima a distanza, tramite messaggi, e poi fisicamente ha monitorato la situazione di mio fratello. Non possono non citare Gianni Zarfati, che fin dai primi minuti dopo l’incidente si è prodigato per attivare l’A.M.E. In questa lista di ringraziamenti non posso non citare il Presidente della Comunità Ebraica di Roma, Ruth Dureghello, per l’interessamento e il suo essere a disposizione per qualsiasi evenienza. Infine la mia immensa gratitudine va al Dott. David Luzon, che ci ha seguiti dal primo all’ultimo minuto, che nella sera di Purim ha lasciato moglie e figli e ci ha accolto all’Ospedale Israelitico con un sorriso facendoci sentire a casa. La Comunità romana non è mai stata una comunità semplice e vivendola attivamente è spesso avvolta da polemiche e discussioni più o meno futili. Nel momento del bisogno ci sono stati e, dopo questo brutto episodio, ne sono ancora più innamorato. Nel momento critico di un fratello ebreo, che sia io o chiunque altro, si mette tutto da parte e si arriva all’obiettivo senza pensare a null’altro. Non ne avevo dubbi, ma la disponibilità degli addetti ai lavori e soprattutto di tanti amici ebrei mi rimarrà per sempre nel cuore. Come recitava un murales a Tel Aviv, United We Strong: uniti siamo forti.

Grazie ancora di cuore, a nome della mia famiglia.

Andrea Terracina.


Consiglio UGEIConsiglio UGEI11 Marzo 2019
Bayer-04-Leverkusen-v-FC-Ingolstadt-04-Bundesliga-1552233307.jpg

5min2150

HaTikwà (L.Clementi)Un derby. Antisemitismo. La notizia non é nuova, ha soltanto cambiato ubicazione. Un tifoso dell’Union Berlino, dopo il match contro i cugini dell’Ingolstadt, ha twittato che il loro capitano, l’israeliano Almog Cohen, “dovrebbe sparire nelle camere”, riferendosi all’orribile metodo di uccisione sistematica perpetrato dai nazisti nei confronti degli ebrei negli anni quaranta. Il tweet è stato pubblicato dopo che Cohen ha ricevuto un cartellino rosso durante la partita di venerdì nella capitale tedesca.

La notizia ha suscitato inevitabilmente le dichiarazioni delle autorità israeliane: Emmanuel Nahshon, il portavoce del Ministro degli Esteri, si dice “scioccato”, aspettandosi “una ferma azione contro il responsabile da parte delle autorità tedesche”, mentre l’Ambasciatore israeliano in Germania Jeremy Issacharoff ha twittato “Almog, non sarai mai solo!”. Anche il Presidente della stessa Union ha pubblicamente difeso Cohen con un comunicato. Il centrocampista ha risposto con un tweet: “Prima di tutto vorrei ringraziarvi, grazie per il supporto infinito. Un ringraziamento speciale va al mio club, che mi supporta e mi rafforza in ogni occasione. Così fa anche il tweet antisemita: mi rafforza solamente. Sono orgoglioso di essere ebreo e di esserlo nel modo in cui sono cresciuto. Sono orgoglioso di sentire un senso di shlichut ogni volta che entro in campo per rappresentare la mia squadra. Come capitano della mia squadra e come giocatore della Nazionale israeliana farò di tutto per continuare a rappresentarti con rispetto”

Purtroppo la notizia dimostra un aumento preoccupante dell’antisemitismo in Germania, ma é anche la prova evidente del fatto che l’odio e le offese nei confronti degli ebrei sono all’ordine del giorno in tutte le tifoserie. La polizia tedesca ha registrato 1.646 reati motivati ​​dall’odio contro gli ebrei lo scorso anno, un aumento di quasi il 10% e il livello più alto in un decennio. Tra questi ci sono 62 reati violenti, contro i 37 del 2017. Destra, sinistra, poco importa. Quando si tratta dell’ebreo o dell’israeliano l’argomento in comune si trova sempre.

Un po’ come è accaduto recentemente a Roma: Forza Nuova, strema destra, ha manifestato a sostegno della Palestina contro “l’occupazione israeliana”. Un po’ come certa sinistra il 25 aprile, e su Twitter sono esplose dichiarazioni come “ebrei fuori dalla Palestina, giudei fuori dall’Europa”. Non si sa bene quale sia il posto di questi ebrei. Né dentro né fuori. E così anche nel calcio: chissà quale squadra dovranno mai tifare. Romanista ebreo, ma anche laziale, interista, milanista, juventino, viola. Un po’ tutti ebrei, un po’ tutti Anna Frank. Non sono citazioni a caso: in tutti questi casi c’è stato o c’è un coro o uno striscione che accusa gli avversari di essere degli ebrei. Eran Zahavi a Palermo? Sul web è stato scritto l’indicibile. Eyal Golasa alla Lazio? I tifosi si sono ampiamente espressi sulle pagine Facebook. E menomale che il trasferimento non si è concluso del tutto. Le campagne di sensibilizzazione sul tema stanno miseramente fallendo, quantomeno in Italia: molti esponenti delle tifoserie sono ben addentrati all’interno di movimenti di estrema destra ed estrema sinistra, e finché non fa clamore, si lascia scivolare il coro o lo striscione del dimenticatoio, in attesa che un bambino, influenzato dal padre o dal vicino di seggiolino, canti “giallorosso ebreo”, per ricominciare il cerchio.

Ad Almog Cohen va il nostro sostegno incondizionato, ma soprattutto la nostra più profonda comprensione: il tifoso ebreo sa bene cosa significa sentirsi estraneo in casa propria, e fino a che ci sarà un solo giocatore ebreo o israeliano offeso per l’unica colpa di esser tale, Almog Cohen non sarà mai solo.



UGEI

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono.


Contattaci