Comunicato Stampa

Consiglio UGEIConsiglio UGEI15 Gennaio 2019
fo-1280x720.jpg

2min330

COMUNICATO STAMPA

Unione Giovani Ebrei d’Italia

 

 

 

ROMA – l’Unione Giovani Ebrei d’Italia ha aderito con orgoglio alla decima edizione di Memorie d’inciampo a Roma, promossa da ANED – Associazione Nazionale Ex Deportati; ANEI – Associazione Nazionale Ex Internati; Federazione delle Amicizie Ebraico Cristiane Italiane; Fondazione CDEC – Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea e IRSIFAR – Istituto Romano per la Storia d’Italia dal fascismo alla Resistenza.

All’evento hanno partecipato la Sindaca di Roma Capitale, Virginia Raggi, Il Rabbino Capo, Rav Riccardo Di Segni e la Presidente della Comunità Ebraica di Roma, Ruth Dureghello.

In giornata sono state collocate ventisei Stolpersteine, pietre di inciampo, dell’artista Gunter Demnig nei municipi I,II,III,V,VIII, XII e XIII. Venti delle quali sono state destinate a Via Madonna dei Monti, 82, teatro della rimozione fraudolenta di stampo antisemita. A tal proposito, a margine dell’evento, è intervenuta la Sindaca Virginia Raggi: “Oggi siamo qui per ricollocare delle pietre d’inciampo, che poco tempo fa sono state tolte, rubate. È stato come rubare un pezzo della nostra memoria. Le pietre d’inciampo segnano il cammino e ricordano che una famiglia, in questo caso i Di Consiglio, fu rastrellata. Non ci rassegniamo – conclude la Sindaca – a chi vuole toglierci la memoria. È un atto antisemita che ha offeso Roma”.

Il Consiglio UGEI, che ha contribuito fattivamente alla ricollocazione delle pietre divelte con il successo riscosso in occasione della campagna di crowdfunding, esprime grande soddisfazione per il traguardo raggiunto, a dimostrazione dell’impegno e della dedizione profusi dai giovani, oggi più che mai, figure centrali nel processo sociale.

 

 

Consiglio UGEI 2019


Consiglio UGEIConsiglio UGEI10 Dicembre 2018
133719720-3e26588c-3dc4-4d1d-b0d6-ba5de1473cac.jpg

2min154

Milano,  10 dicembre 2018

La Shoah è stata esattamente questo: vilipendio non solo della persona fisica, ma anche della sua umanità, e in ultima analisi della sua memoria. Ciò che è accaduto stanotte è un atto vandalico senza dubbio: di stampo antisemita? Non se ne ha la certezza, ma è la pista più probabile. Curiosa però la tempistica: il 10 dicembre è la giornata dei diritti umani, poiché fu firmata oggi, nel 1948, la Dichiarazione Universale dei Diritti umani promossa dalle Nazioni Unite. A 70 anni da allora, ciò indica, forse, che per alcuni non tutti gli esseri umani hanno uguali diritti?

Oggi sono stati pubblicati i risultati dell’indagine sull’antisemitismo portata avanti dall’European Union Agency for Fundamental Rights: il 90% degli ebrei europei percepisce un aumento di antisemitismo in Europa, e il 30% ne è stato vittima. Sono dati che dovrebbero fare riflettere soprattutto chi sfrutta l’odio e la paura per il proprio tornaconto politico. Ci sarà un presidio silenzioso stasera in via Madonna dei Monti 82, davanti a dove erano state installate le pietre quasi sette anni fa, promosso dall’Associazione Arte in Memoria e il primo municipio di Roma. Crediamo che la partecipazione sia doverosa per dare un segnale, ed è per questo che UGEI aderisce, a fianco della comunità ebraica di Roma e dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. Invitiamo la società civile nel suo insieme a partecipare al nostro fianco.

 

Carlotta Micaela Jarach
Presidente Unione Giovani Ebrei d’Italia


Consiglio UGEIConsiglio UGEI28 Ottobre 2018
45027246_10217250309640057_5428141610426695680_o.jpg

1min238

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia ha appreso inorridita quanto accaduto ieri nella sinagoga Tree of Life di Pittsburgh, in Pennsylvania, Stati Uniti.

Ci stringiamo alla comunità ebraica e alle famiglie delle vittime. I luoghi di culto sono da sempre simbolo di pace e luogo di rifugio, e la loro violazione è un abominevole segno di intolleranza. Atti di violenza insensata, inaccettabili in qualunque circostanza, e usati troppo spesso come tattica di divisione tra i popoli.

Possa il ricordo di tutte le vittime della strage di Pittsburgh essere di benedizione.

La Presidente Carlotta Micaela Jarach

28 ottobre 2018


Consiglio UGEIConsiglio UGEI31 Maggio 2018
istituto-buddista-italiano.jpg

1min1052

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia accoglie con piacere l’invito dell’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai e il Vicepresidente Ruben Spizzichino, nella sua carica di Consigliere al Dialogo interreligioso, parteciperà alla conferenza stampa del 5 giugno “Appello per la pace”, formulato congiuntamente dal Premio Nobel per la Pace Adolfo Perez Esquivel, vicino a Papa Francesco e al leader buddista della Soka Gakkai Internazionale Daisaku Ikeda.

Mercoledì 6 giugno inoltre Esquivel e il figlio di Ikeda, Hiromasa, in rappresentanza del padre, incontreranno i giovani per poter condividere e affidare loro l’appello.

L’evento è aperto a tutti.

Vi aspettiamo numerosi all’Ex Dogana, Viale dello Scalo S. Lorenzo 10, Roma dalle ore 19:30.

È gradita la conferma a info@ugei.it


Consiglio UGEIConsiglio UGEI16 Maggio 2018

2min375

Di fronte a quanto sta accadendo in questi giorni a Gaza siamo convinti sia necessario mantenere una visione quanto più obiettiva possibile e riconoscere il ruolo che Hamas ha ricoperto e ricopre nell’organizzare le manifestazioni violente. Incitamenti all’odio verso Israele, tentativi di infiltrarsi nel territorio israeliano, auspicio a portare con sé coltelli e pistole, utilizzo di civili come scudi umani: queste le tattiche (di una organizzazione riconosciuta come terroristica!) per proteggere i propri interessi e negare al contempo il diritto di Israele ad esistere.

Quanto succede a Gaza è quanto mai doloroso. Non si tratta di negare la critica politica, ma di distinguere chi davvero desidera la pace da chi invece esporta odio e guerra, distinguere chi invece di guidare il proprio popolo verso il progresso, lo relega al passato, chi invece di proteggere i più deboli, grida e appicca il fuoco dell’intolleranza.

Condanniamo fortemente le strategie perverse e deplorevoli di Hamas, e auspichiamo vengano cessate al più presto.

Consiglio UGEI 2018

 

 

 


Fonti:
Hamas official: 50 of the 62 Gazans killed in border violence were our members
Viral social media post on Palestinian social media
Their message is clear.
European Parliament resolution on the situation in the Gaza Strip