14 Gennaio 20203min339

Una visita al museo dei fumetti d’Israele

fumetti 1

HaTikwa, di Nathan Greppi 

A differenza dell’Italia, uno dei paesi dove si vendono più fumetti al mondo, Israele non ha una grande industria del fumetto. Ma nonostante ciò, anche lo Stato Ebraico nel corso dei decenni ha saputo produrre artisti di grande talento, soprattutto nel campo della satira. Ed è soprattutto alla satira che in Israele è stato dedicato un intero museo, l’Israeli Cartoon Museum, situato nella città di Holon.

Il museo, fondato nel 2007 grazie a una collaborazione tra il comune di Holon e l’Associazione Vignettisti Israeliani (AKI in ebraico), ospita al suo interno varie mostre su diversi artisti, oltre a ospitare un padiglione che racconta la storia del disegno dalle pitture rupestri ai giorni nostri. Inoltre, vengono organizzati corsi, workshop e visite guidate per bambini e ragazzi. Ogni anno accoglie una media di 20.000 visitatori.

All’inizio di gennaio, ad esempio, sono state organizzate delle mostre sui disegnatori Erez Zadok, che su Instagram conta oltre 110.000 follower, e Danny Kerman, che dagli anni ’80 ai primi anni 2000 ha diretto la rivista satirica Davar Acher e ha illustrato quasi 500 libri per bambini. Inoltre, è stata allestita una mostra di vari vignettisti che commentano l’attualità politica israeliana più recente, come le continue nuove elezioni e le indagini dei magistrati su Netanyahu.

Il museo ha anche creato il Golden Pencil Award, un premio annuale alla carriera per quei vignettisti che hanno lasciato il segno nella memoria collettiva e che sono di ispirazione per le future generazioni di disegnatori israeliani. Su un muro del museo compaiono le foto di tutti i vincitori del premio, di cui l’ultimo nel 2019 è stato il già citato Danny Kerman.

L’unico difetto del museo è che quasi tutto è scritto in ebraico, e ci sono pochissime informazioni in inglese per i turisti stranieri. Ma anche tenendo conto di ciò, rimane comunque un luogo che chiunque coltivi una passione per i fumetti e il disegno potrà apprezzare.