17 Gennaio 20203min1044

UN PASSO FONDAMENTALE : L’ITALIA APPROVA LA DEFINIZIONE DI ANTISEMITISMO DELL’IHRA

IMG-20200117-WA0049

 

Nella riunione del Consiglio dei Ministri di questa mattina, in seguito alla nomina di Milena Santerini a Coordinatore Nazionale per la Lotta contro l’Antisemitismo, è stata finalmente approvata la definizione di antisemitismo promossa dall’IHRA (International Holocaust Remembrance Alliance). Un passo avanti determinante, che associa l’Italia ad altri 31 Paesi, che hanno già riconosciuto questa unica e inequivocabile definizione di antisemitismo.
Dopo le ripetute sollecitazioni da parte di numerosi enti internazionali tra cui l’Ambasciata d’Israele a Roma, il Ministero degli Affari Esteri d’Israele, ma anche italiani come la Regione Liguria, la Regione Lombardia, l’UCEI, l’UGEI e le svariate associazioni di Amicizia tra Italia e Israele, finalmente il Governo Italiano ha deciso di procedere con questo necessario provvedimento.
L’importanza del riconoscimento della definizione dell’IHRA è duplice: in primis consiste nell’univocità dei parametri con cui si delinea l’antisemitismo, smarcandosi da equivoci e misinterpretazioni. Inoltre, di pari importanza è l’equiparazione di antisemitismo e antisionismo.
Nella millenaria storia del Popolo Ebraico numerosi imperi, paesi, organizzazioni e privati si sono adoperati per la sua distruzione, ma ogni volta grazie all’aiuto di D-o, i figli d’Israele sono sopravvissuti. Durante le varie persecuzioni, l’antisemitismo ha preso varie forme dall’antigiudaismo romano e russo, passando per l’antisemitismo biologico nazista fino ad arrivare alla sua più moderna maschera: l’ANTISIONISMO. Spesso coloro che negli ultimi anni hanno tentato di minare l’esistenza del Popolo Ebraico, si sono giustificati dicendo che la loro è una inemicizia verso l’entità politica dello Stato di Israele, ma non verso il Popolo Ebraico. In realtà, “negare al popolo ebraico il diritto all’autodeterminazione”(IHRA Definition), consiste in una forma gravissima di antisemitismo, perché abolisce l’identità di ogni singolo ebreo, il quale ha un legame indissolubile con la Terra d’Israele, che è stata per millenni la dimora dei suoi avi e la meta delle sue preghiere.
La critica delle politiche intraprese dallo Stato d’Israele è legittima e bene accolta, tanto è vero che i primi critici del governo israeliano sono gli israeliani stessi, che attraverso libere e democratiche elezioni possono esprimere il loro consenso. La negazione del diritto all’esistenza di Israele è completamente un’altra questione, che deve essere condannata con forza e che finalmente anche l’Italia ripudia.
L’Unione Giovani Ebrei d’Italia mai come oggi è fiera del proprio Paese e gioisce di fronte al nuovo avvicinamento tra Italia e Israele, oltre che tra ebrei italiani e il resto del popolo italiano.

Consiglio Esecutivo 2020.