10 Dicembre 20202min268

UGEI aderisce alla campagna #NeverAgainRightNow

83242380_107692914125122_1199073586787123200_o


Nella Giornata Mondiale dei Diritti Umani, l’UGEI non può tacere di fronte a una tragica trasgressione della Dichiarazione Universale che oggi celebriamo e ricordiamo. Il complice silenzio della Comunità Internazionale di fronte al genocidio del popolo uiguro ci spinge ancora una volta a denunciare le mostruosità del regime cinese.
Dalle repressioni delle pratiche religiose e culturali uigure, ai campi di rieducazione, in cui si stima si trovino milioni di persone, ciò che sta accadendo nella Regione autonoma dello Xinjiang è deliberatamente un crimine contro l’umanità.

Storicamente, gli uiguri hanno più volte rivendicato la propria indipendenza, in particolare negli anni ’30, fondando la Repubblica del Turkestan Orientale. Tuttavia, dopo essere stati annessi alla Repubblica Popolare Cinese nel 1949, ogni tentativo di ribellione è stato duramente represso nel sangue.

Recentemente, le tensioni si sono riaccese nel 2009, con numerosi scontri tra le autorità cinesi e la minoranza musulmana. Fino ad arrivare alla tragica situazione attuale, che vede, a partire dal 2017, un enorme sforzo nella costituzione di campi di rieducazione e di altre misure volte a soffocare l’identità uigura.

Purtroppo, nonostante le testimonianze pervenuteci dalla cosiddetta Diaspora Uigura, ben 37 Paesi, tra cui paradossalmente anche Egitto e Arabia Saudita, difendono attivamente la Cina. Sono solamente 22, invece, coloro che condannano le azioni del regime comunista. Tra questi, però, manca all’appello l’Italia, che drammaticamente non ha tuttora preso posizione.

É per questi motivi, dunque, che riteniamo di fondamentale importanza ribadire la nostra adesione alla campagna #NeverAgainRightNow, lanciata da EUJS per sensibilizzare l’opinione pubblica rispetto a tali temi di scottante attualità. Il ricordo di ciò che fu lo scorso secolo deve essere un imperativo all’agire nel presente, affinché le tenebre passate non si abbattano ancora sull’umanità.