rav della rocca

Consiglio UGEIConsiglio UGEI3 aprile 2017
irua-500x281.jpg

7min179

Irua – “Il pluralismo è la nostra forza, i giovani ne facciano tesoro”

IMG-20170402-WA0004Si è concluso in queste ore Irua (in ebraico, evento) il grande appuntamento dedicato ai giovani dell’Italia ebraica, organizzato dall’Area Cultura e Formazione dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, con la collaborazione dell’Unione giovani ebrei d’Italia e diverse associazioni ebraiche. Quattro giorni alle porte di Firenze con attività, incontri, riflessioni concentrati sul futuro dell’ebraismo e sul ruolo e le aspettative delle nuove generazioni. “In questi giorni si è respirata una bellissima atmosfera – sottolinea rav Della Rocca, direttore dell’Area Cultura e Formazione – Tutti gli incontri sono stati di altissimo profilo con un’ottima partecipazione dei ragazzi. È stato emozionante celebrare shabbat insieme, con duecento giovani provenienti da tutta Italia, con minaghim diversi, gradi di religiosità
differenti ma con valori da condividere: nonostante una diversa adesione alle mitzvot , tutti hanno cantato insieme per shabbat. Si sentiva chiaramente che i valori che condividiamo sono più forti e grandi di ciò che ci divide”. “Non si percepivano le divisioni – conferma rav Jacov Di Segni, scelto come rabbino di riferimento del gruppo e tra i più giovani rabbanim d’Italia – Come ha detto rav Della Rocca, questo appuntamento ha cercato di unire tutti e le tefillot di shabbat lo hanno dimostrato. È stata anche una delle prime volte che in Italia è stato organizzato un Tish con le storie hassidiche raccontate da Miriam Arman”.
Grande la partecipazione di ragazzi provenienti da piccole Comunità ebraiche e da realtà dove queste ultime neanche esistono: giovani provenienti da Trento fino a Sannicandro, passando per Firenze e Roma, si sono ritrovati a condividere momenti di riflessioni, come quello guidato da Daniel Segre, educatore esperto in dinamiche istituzionali, comunicazione interpersonale non violenta e in psicologia positiva, che li ha messi alla prova chiedendoli di immaginare l’ebraismo italiano nel 2025. In tantissimi di sabato hanno poi seguito il confronto tra rav Della Rocca e il medico Giuseppe Mallel, su “la sessualità dal punto di vista halakhico e medico”. “Facendo una battuta possiamo dire che il tema della sessualità attira sempre attenzione – spiega il direttore dell’Aera Cultura e Formazione dell’Unione – È una questione importante all’interno della tradizione ebraica: deve esserci in ciascun ebreo un equilibrio tra copro e spirito, non deve esserci una dicotomia tra cuore e testa ma devono andare avanti insieme. Nell’ebraismo poi il sesso non è mercificazione, dobbiamo rispettare il nostro corpo, noi stessi e gli altri”. Altro appuntamento molto seguito, l’incontro tra Daniel Funaro e Simone Mortara, moderato da Daniel Segre sul tema “L’ebraismo di fronte a nuove forme identitarie: problemi e prospettive”. “Ciascuno ha presentato la sua visione in modo coerente e pacato – sottolinea rav Della Rocca – e la cosa più importante è che c’è stato un vero dibattito, un confronto tra visioni diverse e che è sempre rimasto in una cornice di rispetto reciproco. Il mio sogno – prosegue il rav – è che questo Irua possa essere un punto di partenza per molti giovani, che hanno in passato usato i social network per aggredirsi, per ostentare e mostrare le proprie posizioni, per superare questo approccio, sedersi allo stesso tavolo e parlare. È giusto e normale che ci siano posizioni diverse, e questo pluralismo è garantito dal fatto che ci sono delle norme che ci permettono di confrontarci con un ebreo diverso, con un grado diverso di osservanza, ma comunque parte del popolo ebraico. Dobbiamo imparare di più a negoziare, a costruire ponti senza mai far venire meno i nostri paletti fondamentali”. Per Della Rocca l’appuntamento di Irua – a cui i ragazzi di Milano hanno partecipato in pochi e, sottolineano gli organizzatori, questo è un elemento che deve fare riflettere – è stato un laboratorio importante “e adesso devono essere i giovani, Ugei in testa, a raccogliere la sfida, con il supporto dell’Unione e delle Comunità, e continuare ad approfondire questi temi. Le iniziative dall’alto non possono funzionare e un Ugei forte e rappresentativa è importante per il futuro dell’ebraismo italiano”.

Da Moked.it

IMG-20170402-WA0012


Consiglio UGEIConsiglio UGEI7 giugno 2016
slevidellatorre-luna.png

3min207
Roberto Della Rocca - Con lo sguardo alla luna - Giuntina 2015
Roberto Della Rocca – Con lo sguardo alla luna – Giuntina 2015

Un crocevia di percorsi che si stendono verso molteplici direzioni: questo è “Con lo sguardo alla luna”, il recente libro di rav Roberto della Rocca pubblicato da Giuntina. Quella ebraica è una civiltà lunare, lontana dagli splendori solari di molte altre esperienze che oggi, tramontate ormai da secoli e millenni, trovano spazio nei musei. Perché la civiltà ebraica si sviluppa nel deserto, dalla mancanza, dall’incompletezza, dal negativo che la relazione con l’altro, l’infinito, irriducibile Altro apre.

Quella ebraica prenderà allora le forme di una pratica viva, quotidiana, lontana dall’archeologia, dal monumentalismo museale, dall’immobilità e completezza dell’idolo. Per questo, scrive rav della Rocca, Mosè che rompe le tavole ai piedi del monte Sinai è simbolo di lotta all’idolatria: quelle stesse tavole che, se trasformate in immobile oggetto di adorazione, avrebbero costituito un idolo più forte di un vitello d’oro fuso, una nuova discesa verso le tenebre dell’Egitto.

Disegnodi Stefano Levi Della Torre
Disegno di Stefano Levi Della Torre

Rifuggire la fissità significa anche vivere nel tempo, in quel santuario invisibile perfezionato dalla tradizione rabbinica dopo la distruzione del tempio fisico di Gerusalemme e al cui interno si struttura la pratica quotidiana. Anche in questo caso l’astro notturno ha una parte decisiva nella scansione dei mesi e, insieme al ciclo settimanale, imprime un moto ricorsivo e ascendente in cui trova sviluppo l’intera vita ebraica.

Si scindono in queste e in molte altre direzioni le riflessioni di rav della Rocca, significativamente organizzate in tre sezioni sul significato del tempo, il valore della parola e l’universo dell’etica. Una pluralità di vie che si intrecciano sotto la luce bianca e soffusa della luna.

Su “Con lo sguardo alla luna” anche Michael Sierra ha scritto una breve recensione.

Giorgio Berruto, responsabile di Hatikwà, l'organo dell'Ugei. Vive e lavora a Torino
Giorgio Berruto, responsabile di Hatikwà, l’organo dell’Ugei. Vive e lavora a Torino

Consiglio UGEIConsiglio UGEI5 giugno 2016
gottlieb-387x500.jpg

4min177
Roberto Della Rocca - Con lo sguardo alla luna - Giuntina 2015
Roberto Della Rocca – Con lo sguardo alla luna – Giuntina 2015

כי לקח טוב נתתי לכם

תורתי אל תעזובו

עץ חיים היא למחזיקים בה

ותומכיה מאושר

דרכיה דרכי נעם

וכל נתיבותיה שלום

השיבנו אליך ה’ ונשובה

חדש ימינו כקדם

Vi ho dato un buon insegnamento

Non rifiutate la mia Torah (Proverbi 2;4)

E’ un albero di vita per chi la tiene

E chi la sostiene godrà

Le sue strade sono piacevoli

E tutte le vie sono vie di pace

Fa che ritorneremo da te Signore e ritorneremo

Rinnova i nostri giorni come nel passato (Eicha 5;21)

Mauricy Gottlieb, Ebrei in preghiera a Yom Kippur, 1878 (Museo d'arte moderna di Tel Aviv)
Mauricy Gottlieb, Ebrei in preghiera a Yom Kippur, 1878 (Museo d’arte moderna di Tel Aviv)

Questi versi che si usa cantare alla fine della lettura della Torah, quando il sefer viene riportato nell’aron, trasmettono per me nel modo più chiaro il messaggio contenuto in “Con lo sguardo alla luna”, del mio maestro rav Roberto della Rocca. La prima frase afferma l’esigenza, spiegata nell’introduzione del libro, di risalire alle fonti tradizionali ebraiche che si basano sulla Torah. La Torah, spiega in seguito il canto (e il libro), si rivela così “viva” e “attuale” per chi la studia. La luna che cresce e l’albero che si sviluppa sono forze della natura e simbolizzano entrambe la saggezza ebraica basata su fonti antiche, capace di rinnovarsi e rimanere sempre attuale. Ma sia il canto sia il libro ci spiegano che non basta solo studiare. Bisogna anche vivere un stile di vita ebraico che può portare alla felicità.

Il legame fra la felicità e la scelta della strada giusta viene approfondito nell’ottavo e nono capitolo del libro, sulla storia del profeta Giona e del re Qohelet. Per continuare lungo la stessa linea, l’ultima frase del canto si collega alla prima parte del libro, “Percorsi del tempo” e anche a un capitolo dell’ultima sezione, “Percorsi dell’etica”, che si intitola: “E’ vecchio chi smette di interrogarsi”.

Per concludere, il libro è una miscela di riflessioni e approfondimenti che nel loro insieme costituiscono un campionario di tanti possibili modi di articolare i rapporti tra pensiero ebraico e tradizione filosofica occidentale, ispirandosi a un ebraismo vivo che si nutre del passato, proiettato verso il futuro, intriso di significati e valori per l’esistenza che ribadisce una tradizione tesa alla pace e al rispetto delle differenze.

Su “Con lo sguardo alla luna” anche Giorgio Berruto ha scritto una breve recensione.

Michael Sierra vive a Gerusalemme. Sta svolgendo il servizio militare
Michael Sierra vive a Gerusalemme. Sta svolgendo il servizio militare

Consiglio UGEIConsiglio UGEI28 marzo 2016
team.gif

10min272

logoyeudYeud – Future Leader Training è un corso organizzato dall’Ucei a partire dal 2009 per formare quei giovani ebrei italiani che in futuro si occuperanno della gestione delle comunità di cui fanno parte. L’edizione di quest’anno è la seconda che si svolge a Gerusalemme, sotto la direzione scientifica di rav Roberto della Rocca e Dan Wiesenfeld, e con l’indispensabile impegno di Claudia Jonas con il gruppo e di Genny Di Consiglio a Roma. Il programma, molto denso, si è svolto dal 6 al 13 marzo e ha previsto laboratori di team building e leadership, incontri con rabbini e esperti di ebraismo e Israele, visite mirate a luoghi di importanza focale per lo stato di Israele e occasioni di approfondimento su attualità e politica. Il filo rosso che ha unito il programma è stato quello del dialogo e del dibattito: innescato dagli stimoli che sono stati proposti, ha presto superato i muri dell’aula di Kyriat Moriah per trasformarsi in una rete di libero confronto che per tutta la settimana non ha smesso di venire tessuta.
Quelle che seguono sono le riflessioni dei partecipanti.

yeudgruppoElena Gai Ye’ud mi ha dato la possibilità di confrontarmi, di creare un dibattito sano e costruttivo che mi ha permesso non solo di conoscere le opinioni e i punti di vista altrui, ma anche di conoscere meglio i miei punti di forza e i miei limiti. Bisogna sapersi mettere sempre in gioco, saper mostrare ciò in cui si crede e contemporaneamente saper rivalutare le proprie certezze, sapersi confrontare e saper imparare dagli altri. Questo è alla base delle relazioni umane, e comprenderne l’importanza è essenziale per chi si vuole definire “leader”.

Charlotte Eman Quest’esperienza è stata unica e molto formativa. Abbiamo imparato a condividere idee, obiettivi, scopi e strategie, per creare qualcosa di molto importante: un gruppo di amici molto legati, ma, cosa più importante, un team indissolubile in grado di risolvere situazioni.

Ruben Spizzichino Evitare di definire opinioni non affini alle mie “diverse”, ma semplicemente “altrui”. Il diverso presuppone l’autoreferenzialità, comporta l’impossibilità di comunicare e relega la discussione in uno stato stagnante di idee. “Diverso” indica il dislivello di concetti e posizioni. “Altro”, implica il rispetto per il prossimo, pone la parità di idee, condizioni fondamentali per la loro evoluzione. Insomma, solo uno stupido resta cristallizzato sulla propria idea e irrispettoso verso quelle “diverse”.

yeudlezioneSabra Salvadori Yeud per me è stato un modo per conoscere da vicino la realtà israeliana grazie ai numerosi temi affrontati, ma soprattutto un momento di confronto con altri ragazzi che, come me, vivono e partecipano alla vita delle comunità ebraiche italiane. Grazie a questo confronto ho potuto constatare le differenze culturali dei ragazzi a seconda che questi vivano nelle comunità di grandi dimensioni o nelle comunità più piccole.

Nathan Bendaud Come formare un team? Chiedete a Claudia Jonas, Dan Wiesenfeld e rav Roberto della Rocca e vi spiegheranno di prendere 15 ragazzi dai 18 ai 30 anni provenienti da varie comunità italiane con il sogno un giorno di diventarne leader.

Michael Sierra Al di la delle ottime conferenze del programma, penso che Yeud abbia costruito un ottimo team formato da futuri leader di tutte le comunità ebraiche italiane, compresa quella in Israele. L’investimento nella formazione di leadership giovanile per rinforzare i contatti fra le comunità, a mio avviso, è fra i compiti più importanti. Sono sicuro che la scelta di svolgere il seminario in Israele non sia stata casuale. Le comunità in Italia hanno tanto da imparare da Israele e la comunità italiana in Israele ha tanto da imparare dalle comunità italiane. A nome di “Giovane kehilà”- il gruppo giovanile degli italiani in Israele che ha come scopo rinforzare i contatti con le comunità italiane e contribuire allo sviluppo della società israeliana, ringrazio molto l’UCEI, e Rav della Rocca in particolare, per questa occasione. Sono sicuro che presto vedremo i frutti di questo programma.

Simone Somekh Mi sono confrontato con docenti e ospiti dalle più svariate idee politiche e religiose, ma anche con gli altri partecipanti. Per sette giorni, ho respirato un’atmosfera di apertura al confronto e voglia di collaborare che ho raramente visto in altri eventi e programmi. Un ebraismo in decadenza come quello italiano necessita urgentemente di leader più lungimiranti e più spazio per i giovani. Valori di base della vita ebraica come l’osservanza dello shabbat e lo studio dei testi si stanno perdendo per dare spazio a faziosità e politica. Il seminario di Yeud è stato un’esperienza per crescere; credo che tutti i ragazzi partecipanti siano di grande esempio per molte figure di spicco dell’ebraismo italiano, che ancora stentano ad adottare vedute più larghe e strumenti di management anglosassoni.

yeudlezDaniel Foà Una settimana dedicata alla scoperta. Abbiamo scoperto luoghi e persone, ma principalmente idee. La conoscenza dell’altro è occasione di crescita. La discussione è ricchezza.

Arièl Nacamulli Yeud è stata un’esperienza fantastica, un’occasione in cui incontrare ragazzi molto diversi tra loro ma con il desiderio comune di mettersi al servizio dell’ebraismo italiano. È quello di cui abbiamo bisogno.

Yael Di Consiglio Yeud è stata un’esperienza fantastica che difficilmente dimenticherò. Pur essendo la più piccola mi sono integrata da subito nel team. Nonostante i ritmi frenetici delle lezioni la curiosità di conoscerci e confrontarci su diverse visioni ci ha spinto a interagire tutto il giorno, discutendo delle nostre opinioni, sempre diverse le une dalle altre. Eppure nessuno voleva prevaricare: siamo stati pronti ad ascoltare le opinioni degli altri e da esse apprendere. E’ stata una settimana con un giusto mix di leadership, Torah, pizza, shawarma e waffles.

Saleyha Leah Hossain Partendo dalla comune convinzione che un leader sia il capobranco di un gruppo meno importante, siamo giunti, grazie al sostegno continuo di Dan Wiesenfeld e di altri rilevanti professori e rabbini, non solo a demolire quest’errata interpretazione ma a creare ed essere un team coeso, arricchito dalle peculiarità di ciascuno di noi e forte grazie alla profonda amicizia che si è creata.

David Giuili E’ stata un’esperienza bella e costruttiva. Durante i giorni di Yeud mi sono sentito proprio a casa. Mi ha emozionato molto la riconoscenza verso Herzl e come viene mantenuto il suo ricordo: in Israele è sentito molto il patriottismo e la fratellanza, in Italia non interessa minimamente…

Giorgio Berruto Se condividere uno spazio è sempre una sfida, tanto più lo è lavorare insieme. Ci insegna Dan Wiesenfeld che anche un team ha una vita. C’è la formazione, un innamoramento in cui l’entusiasmo primeggia. Poi vengono i contrasti: il negativo, la percezione dell’altro, il confrontarsi talvolta sordo. C’è l’assestamento e la fase normativa: la capacità decisiva di codificare regole – regole non scritte – e di stringere il mirino sull’obiettivo e sul metodo. E c’è lo stadio performativo, in cui l’altro è ormai Altro, uno spazio che si dischiude, interlocutore con cui confrontarsi non più per necessità, ma per scelta.

team


Consiglio UGEIConsiglio UGEI21 maggio 2012
RashiSushiCover.jpg

2min146

Due eventi di enorme successo quelli organizzati in concomitanza a Roma e Milano per Yom haTorà, questo 20 maggio.

A Milano, catering di Snubar che porta un eccellente sushi e più di 70 ragazzi sono venuti al tempio di via Guastalla per cenare insieme e gustare un gelato di MyKafè ascoltando le parole di rav Arbib e successivamente di rav Della Rocca. Sicuramente un evento da ripetere al più presto.

Per le foto cliccate qui.

Se invece vi siete persi le lezioni, potete trovare qui quella di rav Arbib e qui quella di rav Della Rocca.

A Roma, l’ormai famoso sushi kasher Daruma ha fatto faville. Con un totale di 140 persone l’evento è stato forse il più grande romano degli ultimi tempi. A coronare questo successo le incredibili lezioni di rav Colombo e rav Carucci.

Gady