Italia

Consiglio UGEIConsiglio UGEI15 Marzo 2019
WhatsApp-Image-2019-03-14-at-20.39.12-1280x960.jpeg

3min616

HaTikwa (D. Coen)Non capita tutti i giorni di ricevere a casa il primo ministro del tuo Paese. Ebbene sì, a mio fratello e a me, è successo. Era un giorno come tutti gli altri: università e lavoro, quando ad un certo punto ricevo una chiamata da mio padre, che mi è venuto a trovare dall’Italia, per dirmi che devo annullare tutti gli impegni e non far venire a casa nessuno nelle prossime ore. Nella mia mente iniziano a viaggiare un sacco di idee. Comincio a domandarmi cosa possa essere successo e, quindi, di corsa torno a casa. Dopo qualche minuto bussano alla porta, Benjamin Netanyahu, il Primo Ministro dello Stato di Israele, è fuori dalla porta di casa con due deputati della Knesset ed una scatola di cioccolatini. Entrano e ci sediamo introno al tavolo, emozionati iniziamo a parlare di politica e di Israele.

Molti possono pensare che sia stato soltanto una farsa mediatica per ricevere più voti in prossimità delle elezioni, forse è così, ma mio fratello ed io abbiamo avuto modo di parlare direttamente con lui su argomenti importanti ed attuali. Abbiamo condiviso con lui la nostra esperienza di Olyim Hadashim e gli abbiamo spiegato cosa secondo noi si può ancora migliorare in tutto questo delicato processo. In poche parole, un modo per confrontarci e cercare di cambiare qualcosa. Benjamin Netanyahu è una persona simpatica, con un alto senso dell’umorismo, con un tono di voce profondo e diretto.

Insieme abbiamo discusso dei maggiori cambiamenti che Israele ha avuto negli ultimi vent’anni, in ambito economico e di relazioni estere. Un’economia che ha raggiunto il Giappone, con le tasse che si sono abbassate di quasi la metà per favorire la creazione della Startup Nation, per dare la possibilità ai giovani di iniziare la propria carriera e mettersi in gioco. Israele ormai è leader, non soltanto nel campo economico, ma anche nelle relazioni internazionali, negli addestramenti militari comuni con Italia, Francia, America, Grecia e non solo. Israele ha aperto relazioni con molti Paesi africani ed arabi (sunniti musulmani) così come si è ben distinta per gli aiuti umanitari in Paesi colpiti da disastri naturali. Israele, insomma, da piccolo e povero Paese del Medio Oriente ad una delle potenze nel mondo in tutti gli ambiti. Dopo quasi un’ora di discussioni purtroppo ci siamo dovuti salutare, ma con una sua promessa a me e ai miei amici della marina: il prossimo incontro, tutti insieme con Benjamin Netanyahu nei suoi uffici a Gerusalemme.


Consiglio UGEIConsiglio UGEI21 Febbraio 2019
Schermata-2019-02-13-alle-19.55.48-1280x798.png

29min2472

HaTikwà (D.Moresco-R.Spizzichino)Spesso c’è diffidenza nei confronti dei politici. Un po’ schivi, quasi mai raggiungibili, quasi sempre distanti. L’Onorevole Emanuele Fiano con noi è stato di una disponibilità quasi disarmante, di una gentilezza che ha pochi simili. L’intervista è stata divisa in tre capitoli. Lo abbiamo fatto sia per necessità, visto che la lunghezza complessiva avrebbe inficiato la qualità del lavoro, sia per renderla più fruibile, pubblicando giorno per giorno una delle tre parti.

ITALIA

Cosa significa per lei essere ebreo e sedere al Parlamento?
Le percezioni cambiano nel corso del tempo. Sicuramente inizialmente, questo ha significato una forma di riscatto famigliare, ho pensato ai miei nonni, ai miei zii, a mio cugino Sergio di 18 mesi, perché il loro percorso di morte verso Auschwitz è iniziato in questa aula del parlamento sostanzialmente nel dicembre nel 1938 quando furono approvata all’unanimità le leggi razziali che fecero si che un nonno perdesse il lavoro e che l’altro fosse licenziato, mio padre fosse espulso dalla scuola e tutte le cose che sapete iniziarono qua dentro. Quindi il fatto che un ebreo fosse in parlamento – io non ero l’unico ma comunque siamo sempre stati in pochi – era una forma di riscatto. Poi una volta,  il primo anno, ci fu una cosa che mi colpì molto, perché nei corridoio di questo palazzo immenso, sono esposte delle piante e delle mappe dei posti a sedere dell’aula parlamentare con i nomi di chi ci si sedeva nelle precedenti legislature. E allora, casualmente, mi capitò di vedere una di queste piante e vidi due o tre cognomi ebraici di prima del 1938 e questo mi fortificò nella percezione che ho io della presenza della mia famiglia – e anche delle vostre famiglie – millenaria in questo Paese e nelle istituzioni. Devo dire che quando ho iniziato a fare politica la mia ferita nei confronti di questo paese era più aperta di adesso. Non sentivo che questa ferita che ha riguardato le leggi razziali e la Shoah nei confronti delle nostre famiglie ebraiche fosse sanata. A me la politica ha aiutato a sanare un po’ questa ferita, si è trasformata molto anche in un sentimento di essere una sentinella, avere le antenne più alte di altri su alcune cose che stavano succedendo. Sapendo che non bisogna fare della nostra condizione, radice, percezione, una questione monotematica, però anche le vicende recenti, tra queste la questione complessa della immigrazione, come spesso ha detto Liliana Segrè, che per fortuna, grazie al Presidente, che non smetteremo mai di ringraziare, Mattarella, è diventata è senatrice a vita. Lei stessa dice che le questioni dell’immigrazione la fanno pensare, non sono assolutamente la stessa cosa delle leggi razziali e della Shoah, però alcune questioni la fanno ancora pensare, quindi, dopo aver vissuto questa cosa come il riscatto della ferita, che ancora c’è, ma è stata lenita da centinaia di persone che qui ho conosciuto, che con me condividono l’ideale, non solo del mio partito, anzi di tutti i partiti, che condividono l’ideale di libertà e democrazia, ho sentito che la necessità di stare qua era quella di essere una antenna più sviluppata di altre per la percezione dei fenomeni di discriminazione, d’ingiustizia sociale, che si verificano.

Ebreo, italiano, antifascista. Può metterle nell’ordine che ritiene più corretto?
Non penso che la vita sia un foglio di Excel dove tu hai la possibilità di catalogare con ordine matematico. Io sono insieme italiano, ebreo e antifascista. Ebreo, italiano e antifascista. Le cose sono insieme, anche perché, come forse ci ha insegnato Primo Levi, l’osservazione della vita riserva più aree grigie che aree bianche e nere, dunque la nostra identità è comunque un cumulo di radici. Non potrei mai e per nessuna cosa al mondo, rinunciare alla mia radice ebraica, ma anche non rinuncerei alla mia radice italiana, né alla mia condizione antifascista. Vengo da una famiglia nella quale mio nonno, il papa di mio papa, era fascista. Mio nonno era stato prigioniero degli austriaci nella prima guerra mondiale. Era un combattente dell’esercito regio, orgoglioso di quelle battaglie, dunque aderì. Io non conosco la storia dei suoi sentimenti, ma aderì, come molti altri ebrei a quel partito, perché in Mussolini vedeva, forse prima anche in D’Annunzio, una forma, una idea, una capacità di riscatto di una frustrazione di coloro che erano tornati da quella guerra, vinta dall’Italia, ma che di quella vittoria, come dice D’Annunzio, mutilata, non avevano percepito l’esito positivo nei loro confronti. Lo dico perché la storia è strana: ovviamente mio nonno fu espulso 1938 dal partito nazionale fascista e gli stessi fascisti lo arrestarono nella primavera del 1944, lo incarcerarono nel carcere delle Murate a Firenze, lo portarono al campo di transito di Fossoli, lo consegnarono ai nazisti del comandante Tito di Fossoli, lo misero in viaggio verso Auschwitz e poi morì. Quindi le identità sono un fatto complesso non potrei mai rinunciare a nessuna di queste parti. Io non vengo da una famiglia comunista, no di sicuro: mio padre ha sempre votato repubblicano, mia madre socialista. Una famiglia di sentimenti progressisti, democratici, ma l’antifascismo non c’è dubbio che sia l’esito di ciò che il fascismo ha fatto a questo paese, ciò che ha fatto a noi. Quindi, l’adesione alla democrazia, secondo me, comporta con se l’antifascismo e l’anti totalitarismo in generale, perché non c’è solo il fascismo nel ‘900 come forma di totalitarismo.


EUROPA

Il 29 marzo i giovani sovranisti sbarcheranno a Roma, alla presenza di Matteo Salvini e di Marine Le Pen. Che cosa dovrebbe fare un giovane ebreo italiano secondo lei?
La manifestazioni sono libere e difese dalla nostra Costituzione. La signora Le Pen ha cercato di emendare la posizione post fascista di suo padre. Nell’ultima campagna elettorale disse una cosa terribile, che dimostra verso dove può portare il sovranismo,“Nessun poliziotto francese si macchiò di colpe nella deportazione degli ebrei dal Velodromo di inverno da Parigi”, esattamente il contrario di quello che è successo, perché purtroppo molti poliziotti francesi si  macchiarono invece di una terribile complicità. Spesso i sovranisti tendono a voler ripulire la storia del loro paese dalle colpe terribili, nel caso del periodo della seconda guerra mondiale e in generale di altre. Penso che l’idea del sovranismo, ovvero l’esaltazione di un’identità il più pura possibile dal meticciato, dalla mescolanza, sia un’idea molto pericolosa per l’identità ebraica. Gli ebrei hanno dimostrato per millenni della loro presenza in Europa una capacità difficile, molto rara: quella di integrarsi mantenendo la propria identità. Una battaglia contro l’assimilazione che non vuol dire incapacità di vivere seguendo le leggi del posto, che è un principio ebraico, che tu vivrai secondo la legge del luogo in cui vivi, senza perdere le nostre regole dell’Alachà  e ciò che ci viene dal nostro passato. Penso che il sovranismo abbia invece la caratteristica di voler considerare che esiste un confine entro il quale la tua identità è salvaguardata, oltre il quale non è salvaguardata. Io non credo che sia un caso che due tra i paesi che hanno i leader più sovranisti d’Europa, Orban in Ungheria e i leader polacchi, siano paesi nei quali i fenomeni antisemiti siano cosi tanto vividi. In Polonia ogni anno negli ultimi anni, nel giorno dell’anniversario dell’Indipendenza, si svolge una incredibile manifestazione dei movimenti neofascisti europei dove è possibile ascoltare anche slogan di carattere antisemita e anti islamico. E così nell’Ungheria di Orban, in altri momenti, i partiti alleati del partito di governo, hanno chiesto in quel parlamento la lista degli ebrei ungheresi, ricordando a noi cose terrificanti. Quindi l’idea che esista un’identità unica che tu devi preservare e che non devi confondere con altre identità è una caratteristica dei sovranisti che io combatto e che confligge con l’idea di libertà che esprime la capacità che hanno avuto gli ebrei nella storia, di mantenere la propria identità e di integrarsi nel posto dove vivono. Peraltro se noi guardiamo all’età d’oro della convivenza tra ebrei e islamici in Spagna, pensiamo ad una cosa che oggi ci appare impossibile, ma che prima della grande persecuzione, persecuzione cattolica, fino al 1492 in Spagna due culture cosi diverse potevano convivere. Io non penso che ci sia una difficoltà a poter dire che noi combattiamo, che va combattuto oggi, l’antisemitismo di origine islamica, che per esempio, in Francia produce una innumerevole serie di aggressioni personali, che poi ha portato ovviamente il terrorismo islamico dell’ISIS a compiere stragi terribili, e questa è una cosa molto preoccupante, anche se forse oggi la situazione dell’ISIS, per fortuna, è leggermente diversa, contemporaneamente penso che l’idea che sta attraversando l’Europa, frutto anche di quel problema complesso che è l’immigrazione, cioè lo sviluppo di idee sovraniste sia un pericolo per chi vuol difendere un’identità differente, ma che vuole convivere con le altre.

Se in Italia dicono “Prima gli italiani”, in Francia “prima i francesi”, in Ungheria “prima gli ungheresi” e così via. Che fine farà l’Europa?
Sarà una fine. Sul tema dell’Europa io penso che noi dobbiamo batterci, noi che vogliamo gli Stati Uniti d’Europa, per l’elezione diretta del Presidente della Commissione Europea, altrimenti non c’è futuro. Fin quando la Commissione Europea sarà succube delle, anche legittime, necessità politiche elettorali dei singoli stati, per le quali la Merkel o piuttosto un Macron o Sanchez, devono prendere delle decisioni più in una certa direzione, perché magari in quel momento nel loro paese c’è un dibattito politico di un certo tipo; fintanto che la cessione di sovranità dei paesi europei per la costituzione di un unione europea vera, dunque nella dimensione degli Stati Uniti d’Europa, non ci sarà, si morirà. La stessa questione dell’immigrazione, trattata come è stata trattata fino adesso dall’Europa, è una gestione miope, debole. Come dire: se l’Unione Europea si mette d’accordo su una strategia, per esempio, della ridistribuzione dei migranti, ma poi i singoli stati si rifiutano di adempiere a quanto previsto dalla Commissione Europea, è ovvio che i cittadini europei, non importa di quali partito siano, certamente non importa di quali religione siano, si trovano a non credere a un’istituzione che non serve. Noi non dobbiamo mai dimenticare che questa istituzione ci ha consegnato oltre 70 anni di pace in questo continente, perché l’Europa è stata costruita perché venivamo da una guerra. I leader che lei ha citato, pensano invece che la cessione di sovranità non debba esserci e che ogni stato debba rispondere a se stesso. Io penso che questo, soprattutto nella dimensione globale che hanno oggi le economie, sia terrificante. Dall’altra parte, facciamo finta di non saperlo, ma l’andamento dell’economia italiana o europea dipende in maniera straordinaria da quello che succede in Cina oggi: se la Cina va bene o male, se la Cina è un mercato buono, se l’esportatore o l’importatore buono. Questo influisce sui regimi, sui valori di crescita o decrescita dell’economie europee. Pensare di affrontare questa dimensione globale da soli è sicuramente pericoloso e significa voler la fine dell’Europa.


ISRAELE

Netanyahu, all’indomani dell’attacco all’Hyper Cacher di Parigi nel 2015 disse: “A tutti gli ebrei d’Europa, voglio dire che Israele non è solamente il Paese nella cui direzione voi pregate, ma lo Stato di Israele è anche casa vostra”. Alla luce delle numerose migrazioni ebraiche verso Israele. Come giudica le parole dell’attuale primo ministro israeliano?
Io mi sento a casa mia in Italia, ma certamente quando sbarco in Israele sento di scendere in una comunità che anche è mia. Io mi sento cittadino italiano e cittadino europeo. L’appello di Netanyahu fatto in un momento in cui la paura ha serpeggiato fortissimo tra gli ebrei francesi e per questo era per dire “qui avete un porto sicuro”. E’ difficile ragionare di questioni che sono di sentimento, non solo di razionalità. La prima volta che sono andato in Israele nel 1973 con mio padre, sopravvissuto ad Auschwitz, vidi mio padre alla fine delle scalette inginocchiarsi e baciare l’asfalto dell’aeroporto di Lod e dire o pensare, non mi ricordo se in quel momento o dopo, che se Israele ci fosse stata all’epoca nel 1943-44, la sua mamma non sarebbe stata uccisa. Questo è un sentimento che razionalmente è difficile spiegarlo, perché l’offesa, la ferita, che noi abbiamo subito, è più grande della capacità razionale di spiegarlo. Mi è capitato un episodio nei giorni scorsi che mi ha messo molto in difficoltà: io ho reso noto il tweet del Senatore Lannutti, per il quale è stata aperta un’inchiesta per aver condiviso i protocolli dei Savi di Sion, il Corriere lo mise in prima pagina e poi la cosa è diventata di dominio pubblico. Dopo lui nei giorni successivi rispondendo a qualcuno disse “io mi sono scusato”, allora io gli ho risposto su twitter: “Ma tu pensi che basti scusarsi per aver condiviso il testo che è stato alla base dell’ideologia nazista che ha tentato di distruggere il mio popolo?” e qualcuno, non so chi, non conosco le persone, più di uno, se guardiamo i loro profili, persone provenienti dall’estrema destra, mi ha risposto “ma tu devi decidere. Perché scrivi “del mio popolo”. Tu sei italiano o ebreo?”. Dunque questa difficoltà a comprendere che l’identità personale possa essere complessa, è uno dei temi che riguarda anche la domanda che mi ha fatto prima sul sovranismo e anche alla domanda che riguarda Israele – parlo dello stato perché non parliamo all’adesione alle politiche dei governi d’Israele – per quanto riguarda lo stato, che ho vissuto in Israele, che ho una parte della famiglia in Israele, ho mio cognato in Israele, i miei fratelli hanno vissuto a lungo e si sono laureati in Israele, anche se adesso non abitano più lì, ho dei nipoti in Israele, tanti zii. Certo penso che sia in parte è anche casa nostra, ma io mi sento un cittadino italiano vivamente a tutto tondo fedele a queste istituzioni e a questa nazione. La frase di Netanyahu, se vuol dire non c’è speranza per l’ebraismo nella diaspora, non la condivido, se vuol dire che per gli ebrei ci sono diverse possibilità è un’altra frase. Mi ricordo anni fa un dibattito molto bello, ma molti anni fa, 30-35 anni fa, tra Avraham Bet Yehoshua, famoso e straordinario scrittore israeliano e Eugenio Gentili Tedeschi, un membro della comunità ebraica di Milano, grande architetto, intellettuale, amico di Primo Levi, ormai scomparso. In quella serata della comunità ebraica di Milano, Bet Yehoshua sosteneva sostanzialmente che non c’era speranza per l’ebraismo della diaspora. Ovviamente un ebreo italiano come Eugenio Gentili Tedeschi, che aveva partecipato alla resistenza, un grande intellettuale, che sentiva dentro di se insieme la radice ebraica e quella italiana, rispose che questa era un’offesa a millenni di presenza ebraica nella diaspora, che noi siamo un pezzo di questa Europa e di questa Italia e che abbiamo il diritto e il dovere di continuare questa radice e questa tradizione. Peraltro mi pare che questa sia venuta fuori anche nella Comunità Ebraica di Roma, quando il presidente della Comunità, Riccardo Pacifici, ci tenne a sottolineare la millenaria radice italiana della presenza ebraica a Roma. Le due cose convivono, non ci deve essere conflitto. Noi che siamo in Italia ci sentiamo italiani, completamente.

Se vengono assassinati innocenti in Europa si parla e si scrive terrorismo, mentre se lo stesso accade in Israele si parla di resistenza?
Perché c’è un pregiudizio, tendenzialmente antiebraico. Poi ci sono delle persone che giustamente rivendicano di non essere antisemiti, ma di essere contro Israele, poi li entriamo in una discussione, ma sicuramente perché c’è un pregiudizio: certamente chi uccide un civile per seminare il terrore compie un atto, a prescindere dalla latitudine del mondo in cui lo compie, noi lo facciamo cadere sotto la definizione di terrorismo. Fa parte anche di un’ideologia presente in un pezzo della sinistra, non nel Partito Democratico, per la quale Israele è uno stato usurpatore, addirittura in alcuni casi folli, paragonabili all’occupante nazista in Italia. Quei palestinesi che si ribellano nei territori occupati sono paragonati alla resistenza italiana e ai partigiani. Tutto questo non ha un fondamento storico, questo non vuol dire che io non voglia che in Israele sorga un giorno la pace per uno Stato palestinese democratico accanto ad uno stato israeliano. Io mi sono illuso che il progetto di Rabin e Peres potesse andare avanti, così come gli accordi di Oslo. Mi sono illuso perché poi son successe cose terribili, tra cui l’assassinio per mano ebraica di Rabin e molte altre cose che abbiamo scoperto di Arafat, che a quell’epoca stipulò con Rabin gli accordi di Oslo. Questo non permette di scrivere cose inenarrabili ed ingiustificabili o di paragonare Israele ai nazisti per una miriade di cose che possiamo raccontare: la prima è che Israele sorge per un voto dell’Onu che Israele accettò mentre il mondo arabo no e da lì è cominciato un conflitto. Se il mondo arabo avesse accettato questa presenza ebraica che è continuativa e che l’Onu e le nazioni del mondo sancivano come possibile coesistente di un’altra nazione arabo-palestinese, in quel caso, tutto ciò non sarebbe successo. Poi ci sono stati i territori occupati, la guerra del ’67 ed un’oggettiva necessità di risolvere la condizione esistenziale e nazionale del popolo palestinese. Il popolo palestinese, così come quello ebraico, non è un’unica cosa. C’è Hamas che ha uno statuto nel quale si espongono teorie sterminazioniste nei confronti degli ebrei nel mondo e si dichiara che la Humma non potrà mai essere divisa perché altrimenti si infrangerebbe la legge coranica. Hamas è stato sicuramente finanziato da coloro che vogliono la distruzione dello stato d’Israele: l’Iran. Quello che un tempo era un conflitto solamente territoriale, su come dividere il territorio, i territori occupati, dove far sorgere uno stato palestinese, come difendere la sicurezza di quello d’Israele, oggi non lo è più. L’Iran non ha nessuna rivendicazione territoriale nei confronti dello stato d’Israele, è uno stato che vuole l’eliminazione dello stato d’Israele e degli ebrei che vivono lì. L’Iran finanzia Hezbollah nel sud del Libano, che ha lo stesso proposito, la distruzione dello stato ebraico, e che non ha alcuna rivendicazione territoriale. I palestinesi di Hamas che ricordo vivono in una striscia in condizioni sociali e umane disperate, sono un’organizzazione politica che, dopo il massacro degli esponenti di Fatah durante le elezioni che fecero vincere Hamas, ha preso il potere nella striscia, utilizzando il denaro che viene dall’estero non per asili e ospedali, ma per costruire tunnel per far penetrare in Israele i terroristi. La storia va raccontata tutta, io mi batterò sempre per la coesistenza tra due stati, per due popoli, in quella terra, ma non accetterò mai che la storia venga travisata. Quando il governo d’Israele fa cose che io non condivido, lo dico, quando i palestinesi si comportano da terroristi e uccidono i civili, io lo dico.

Un esempio di questa mistificazione possiamo rintracciarla in alcuni media: “Ministra Israele, pena di morte per l’assassino della figlia di un rabbino”,“Israele, la ministra della Giustizia: ‘Pena di morte per il palestinese che ha ucciso la ragazza ebrea”. Secondo lei sono corretti questi titoli?
No. Non so cosa ci sia nell’articolo o in un precedente titolo, ma leggete i miei post, io sono intervenuto più volte per dire come la storia qui viene raccontata, anche di fatti complessi, credo di averne parlato l’ultima volta per gli incendi causati dalle mongolfiere e gli aquiloni dei palestinesi che hanno distrutto molti ettari di coltivazioni. La storia va raccontata tutta. Io ho detto che ho cognizione di quanto sia terribile la vita a Gaza, ma devi raccontare che un Generale israeliano di nome Sharon, poi diventato Primo Ministro, ha deciso di far uscire tutti i civili e le presenza militari israeliane. Gli israeliani non ci sono. Mi si risponde che però viene controllato il confine. Sì, c’è un confine tra un’identità nazionale, quella di Gaza, e lo stato d’Israele. Israele deve difendersi. Ci sono delle cose che Israele ha fatto che esulano dal comportamento corretto di un esercito, è possibile, io non sono per assolvere nessuno. Per esempio Gaza ha un altro confine con l’Egitto. Quando quel confine non funziona, nessun giornale ne scrive. Quando cibo, medicinali, aiuti o scambi economici non funzionano nel confine con l’Egitto, che è un paese che oggi, al contrario di anni fa, combatte i Fratelli Musulmani, quindi la componente islamista dell’Egitto, che ha una connessione ideologica storica con il movimento di Hamas, qui dentro non si scrive. Io sono per raccontarla tutta la storia, quando l’operazione Piombo Fuso, il conflitto più grande che c’è stato tra Israele e Gaza, provocò morti civili copiosi tra i palestinesi, io lo dissi. Per me i bambini palestinesi morti sono come i bambini israeliani morti. Non ammetto differenze in questo. Se tu racconti dell’azione militare israeliana a Gaza devi raccontare anche delle migliaia di missili palestinesi piovuti sulle comunità residenziali israeliane. Io sono stato a vederle con un viaggio parlamentare tanti anni fa, li ho visti i missili ficcati sui tetti degli asili israeliani. Certo gli israeliani hanno sviluppato un sistema di allarme di sicurezza che ha permesso in questi anni un numero limitato di vittime, ma non vuol dire che puoi raccontare solamente della reazione israeliana. Che cosa farebbe qualsiasi altro paese, membro dell’Onu, se gli sparassero dei missili, che sono lì da vedere, sono giganti. Sono artigianali? Possono uccidere i civili residenti. Altro sarebbe se avessimo attacchi missilistici che vanno a segno solamente contro basi militari. Si tratterebbe di un conflitto. Sono a conoscenza del fatto che a Gaza sono stati utilizzati i civili a scudo delle operazioni militari palestinesi e della presenza di batterie di missili, ma non toglie che io pianga sempre le vittime civili. I civili non hanno la responsabilità che hanno i militari o i paramilitari. Penso e l’ho scritto più volte che la stampa italiana, la radiotelevisione pubblica, non abbia affatto sempre una modalità di cronaca equilibrata nei confronti di Israele.


Consiglio UGEIConsiglio UGEI19 Febbraio 2019
Cs2-2251-1024x768.jpg

11min575

HaTikwà (R.Limentani)Aaron Fait, esperto di desertificazione, biotecnologie e fisiologia molecolare, ricercatore e professore presso la Ben Gurion University, è nato 46 anni fa a Bolzano da madre ebrea. Nel 1992 decide di effettuare l’Aliyah e stabilirsi per il primo periodo nel kibbutz Hazorea, lavorando come mungitore in un allevamento di mucche. Dopo aver conseguito una laurea in biologia e un master in ecologia e studi ambientali presso la Tel Aviv University, conclude il suo straordinario percorso di studi con un dottorato in biochimica all’istituto Weizman. Nel 2014 ha preso le redini del programma israeloitaliano “Irrigate”. Tale idea vede l’irrigazione goccia a goccia applicata nei vigneti con l’ ausilio di sensori capaci di monitorare in tempo reale piante, condizioni climatiche e suolo. L’obiettivo era far fronte ai cambiamenti climatici che hanno colpito il Friuli negli ultimi 10 anni, salvaguardandone e ottimizzandone i raccolti con le tecniche innovative israeliane.

Come procede il progetto Irrigate a 5 anni dal suo inizio? Ha dato i risultati previsti e desiderati?
Irrigate è stata una avventura anche per conoscere l’ambiente dei viticoltori italiani, ci ha permesso di utilizzare la loro esperienza ed allo stesso tempo aiutarli a prendere delle decisioni di management delle risorse idriche in maniera più attenta. L’irrigazione goccia a goccia nella vite non è ancora ovvia, ma è sempre più comune. Ora la sfida è ottimizzarla, perché un Sirah non utilizza l’acqua come un Cabernet Sauvignon, e quindi necessita di una strategia irrigua diversa. Gli esperimenti nel deserto ci hanno permesso di studiare con precisione l’effetto di questo metodo d’irrigazione su diverse tipologie di vite, senza la preoccupazione di precipitazioni improvvise e quindi con maggiore controllo delle condizioni di crescita. Il deserto funge quindi da laboratorio a cielo aperto, dove poter testare metodi di agricoltura sensibili ai cambiamenti climatici. Irrigate quindi ha permesso l’interazione tra viticoltori, scienziati, una società privata, Netafim, per sviluppare metodi adatti alle zone del Friuli. Senza contare la perfetta collaborazione dei due Governi, italiano e israeliano.

Sono aumentate le collaborazioni a livello Internazionale per il trasferimento del know-how israeliano nel mondo? Queste conoscenze sono state esportate in Africa o in paesi con grandi territori desertici e mancanza di acqua?
Irrigate è finito, ma sono nati altri progetti, tra cui un progetto europeo sui porta-innesti e sulla tolleranza alla siccità e salinità di cui  Udine ne è il capofila, ma anche un progetto in Slovenia sull’utilizzo di acqua riciclata nella viticoltura. Contemporaneamente Israele ha programmi di ricerca in collaborazione con istituzioni africane. Il nostro istituto ogni anno porta studenti di Master e Dottorato in Africa a partecipare a progetti legati all’agricoltura e alle risorse idriche. Nel mio laboratorio, fino ad oggi ho cresciuto studenti dall’Etiopia e dal Ghana, che sono tornati e torneranno nel proprio paese con know-how israeliano.

Quali benefici può trarre una pianta da frutto in un clima desertico?
Risolto il problema dell’acqua con sistemi di irrigazione, riciclaggio e desalinizzazione, la vite cresce bene nel clima del Negev, le produzioni dei Nabatei a Avdat, dei bizantini e del popolo ebraico ne sono la testimonianza. Gli sbalzi di temperatura tra giorno e notte favoriscono la maturazione e lo sviluppo del metabolismo secondario degli aromi. La bassa umidità riduce il rischio di sviluppo di muffe ottenendo quindi una minore necessità di spruzzare chimica sul frutto, cosa pericolosamente comune in zone più umide. Però per poter riuscire a fare buon vino serve anche proteggere il frutto dagli agenti ambientali che lo possono nuocere. Le radiazioni solari per esempio, nel deserto possono portare il frutto alla disidratazione , all’apparizione di bruciature, per non parlare del livello degli zuccheri (e quindi della percentuale alcolica nel vino) e della perdita di acidità e colore.

Di quali altre ricerche si sta occupando attualmente nel centro Blaustein?
Oggi lavoriamo su progetti che includono la variabilità genetica della vite e la sua risposta a stress ambientali. Cresciamo una trentina di varietà diverse, in due località nel deserto del Negev e ne seguiamo lo sviluppo del frutto, la composizione chimica, e la qualità del vino. Sempre legato alla vite, abbiamo un progetto su cellule staminali di acino, ovvero cellule cresciute in laboratorio che producono polifenoli, composti antiossidanti e antinfiammatori naturalmente prodotti dalla vite, anche se queste cellule lo fanno tutto l’anno e possono essere manipolate geneticamente per aumentare la produzione di questa o quella molecola. Una volta estratte, possono essere utilizzate per la farmaceutica o per il settore alimentare. Lavoriamo anche molto sul pomodoro, un modello per la genetica delle piante, ma anche un’importante cultura in Israele, per il mercato locale e per l’esportazione. Stiamo lavorando a migliorare la tolleranza a salinità e siccità di questa pianta, soprattutto con attenzione all’apparato radicale.

Cosa la portò, in primo luogo, ad avvicinarsi al mondo della biologia vegetale e conseguentemente ad intraprendere i suoi studi in Israele?
Un giorno di primavera durante il laboratorio di fisiologia animale a Tel Aviv capii di non aver fatto i conti con la mia incapacità di effettuare esperimenti sugli animali. Così crebbe l’interesse per l’ecologia, la genetica delle popolazioni di piante e gli ecotipi delle sottospecie adattate all’ambiente. Infatti, le piante non potendo muoversi da un luogo all’altro hanno dovuto sviluppare una miriade di sistemi di adattamento all’ambiente grazie ai quali crescono, fioriscono, fanno frutti, disperdono i propri semi e poi germinano. In tutto questo la chimica gioca un ruolo fondamentale. Dalla protezione contro le radiazioni solari, al mantenimento dell’equilibrio idrico nei tessuti, alla difesa diretta da erbivori. In questo mondo esistono anche casi di collaborazione tra piante ed insetti basati sulla chimica: vi sono insetti che vivono in stretto rapporto con specifiche piante perché queste producono composti chimici che si accumulano nel corpo degli insetti, fungendo da repellenti per i loro predatori. Lo stesso insetto può avere la funzione di fertilizzare la pianta, o di cacciarne i parassiti o predatori. Per quanto riguarda Israele si parla di un amore a prima vista, la sua varietà ecologica, fitogeografica e culturale mi ha rapito. Il deserto è un ambiente in cui mi sento più a contatto con la terra, Madre Terra, senza filtri, un contatto pulito; nel deserto posso ascoltare il silenzio, emozionarmi per i colori dei fiori, per la forza delle piante, e per la grandezza del tempo che ne ha modellato le colline.

Pensa che con la rivalutazione di un area pari al 60% del paese – come quella del Negev –  potremmo finalmente sperare di esportare in grandi quantità prodotti agricoli Israeliani cresciuti senza privare la popolazione di terre abitabili e di acqua?
Il Negev è il futuro di Israele. Qui si esprimerà la capacità di Israele nella ricerca e nello sviluppo, sia agricolo ma anche sociale. Prendi Beer Sheva, una città che ha visto un boom economico significativo, che ha sviluppato settori dell’Hi-tech e della ricerca nel campo della cyber security, che vedrà presto anche moltiplicare la ricerca medica con il progetto di un nuovo ospedale all’avanguardia della medicina mondiale. Pensa alla popolazione di Beer Sheva , a quella degli studenti della sua università, ebrei e arabi che studiano insieme, la società beduina che cambia grazie anche allo sviluppo economico e agli studi delle loro donne beduine nel settore dell’educazione. Beer Sheva, capitale del deserto, fiorisce e con lei il Negev intero. Se sapremo come aiutarlo.


Il Negev, la zona desertica dove Aron Fait vive, lavora e studia, è stato per due anni, la mia seconda casa. La base in cui ho prestato il mio servizio militare, erá proprio là. Per due anni ho fatto, quasi settimanalmente, in autobus la tratta Ber Sheva-Mitzpè Ramon, passando proprio 4 per le colline descritte da Aron. Guardavo annoiato dal finestrino dell’ autobus, quel deserto roccioso e polveroso di colore giallo ocra, domandandomi cosa si potesse tirare fuori da questo territorio così inospitale e brullo, finché un giorno mi sono imbattuto per caso in un articolo scientifico su Aaron Fait. Ricordo come se fosse ora, che, finito di leggere, alzai la testa e guardai fuori dal finestrino e tutto mi apparve sotto una luce differente: quel paesaggio monotono cominciò a prendere vita e colore. Il suo aspetto mutò. Divenne verde. Forse fu proprio così che lo vide David Ben Gurion. Da quel momento, ogni mio viaggio da e per la base fu diverso. Fu un viaggio in cui l’immaginazione apriva la strada ad un verde speranza.


Consiglio UGEIConsiglio UGEI29 Maggio 2017
Video-Simone-500x282.jpg

4min929

Circa un anno fa mi sono trasferito a New York. Ciò che mi ha colpito maggiormente della Grande Mela non è stata la grandiosità dei suoi grattacieli né l’oceano di persone che la affolla, bensì la naturalezza con cui residenti di tutte le etnie, religioni e provenienze coesistono. Certo, New York ha i suoi grossi problemi, dalla gentrification al vertiginoso divario socio-economico. Ma la convivenza tra persone differenti è una lezione che a molte altre città non farebbe male emulare.

Sono nato e cresciuto in Italia, sono di religione ebraica e la mia famiglia è un miscuglio di origini italiane, polacche e irachene. La mia città natale è Torino ma ho vissuto in tre continenti diversi.

Fin da piccolo, ho notato quanto fosse difficile per molti italiani accettare l’esistenza di connazionali che uscissero dagli schemi. Ogni volta che dico di essere ebreo in Italia, mi capita di imbattermi in reazioni stupite, del tipo: “Ma allora non sei nato in Italia!” o “Come mai parli l’italiano così bene?”

La comunità ebraica italiana non è particolarmente grande, ma la sua storia è lunga duemila anni. Chi fatica a interiorizzare l’esistenza del binomio italiano/ebreo ignora la storia del suo stesso paese.

Qui a New York ogni persona che incontro per strada ha un’identità differente. Non puoi presumere nulla: dalla città natale al Dio in cui crede. Devi chiedere per sapere, perché guardare non basta. Non a caso, anche se spesso i tratti fisionomici suggeriscono una provenienza specifica, il newyorchese medio — molto politically correct — chiede per educazione: “Di dove sei, originally?”

Qualche mese fa, ho deciso, quasi per gioco, di chiedere su Facebook ai miei amici italiani di religione ebraica: “Quali sono le domande più fastidiose e le affermazioni più ignoranti che vi rivolgono le persone quando dite di essere ebrei?” Mai mi sarei immaginato quante persone mi avrebbero risposto. Sono stato inondato da una miriade di testimonianze, alcune ridicole altre pietose, molte imbarazzanti.

Dal “Sei ebraico?” si è passati al “Se ti do carta e matita, mi disegni la differenza tra un pisello dei vostri e uno dei nostri” fino al “Quindi di sabato voi non tirate lo sciacquone?” Le testimonianze che ho ricevuto hanno fatto luce sull’abissale ignoranza che caratterizza una grossa fetta del popolo italiano, che spesso confonde religioni e nazionalità sfornando un polpettone di chiusura mentale e disinteresse nel conoscere l’altro.

Il video che ho girato in seguito a quel post su Facebook vuole ridicolizzare ma anche sensibilizzare. Perché se l’ignoranza può scaturire solo odio, la consapevolezza invece può portare al rispetto e all’armonia tra le persone.

Simone Somekh studia giornalismo presso la New York University. Il suo primo romanzo sarà pubblicato in autunno dalla casa editrice Giuntina

Consiglio UGEIConsiglio UGEI2 Ottobre 2012
TaglitPic.jpg

4min346

La questione fondamentale che un individuo possa trovarsi ad affrontare durante la propria esistenza è quella identitaria. Crescere in un ambiente con tradizioni e origini diverse da quelle familiari può significare ritrovarsi a non identificarsi in nessun gruppo o insieme di persone, nella fattispecie a non sentirsi né ebreo, né italiano. Quale può essere la causa effettiva di questa mancanza di identificazione? Alla base dell’identità ebraica c’è la conoscenza della cultura, delle tradizioni, e soprattutto delle persone (essere ebrei per conto proprio è praticamente impossibile). L’assenza di qualcuno con cui condividere il processo conoscitivo risulta nella sensazione di non avere veramente un legame diretto con le proprie origini, se non quello familiare (ovvero con le origini stesse, quindi un legame tautologico). Nel contempo la consapevolezza di non condividere le origini con le persone che ci circondano porta ad un inevitabile distacco dal senso di nazione, e di qui la mancanza di identificazione come italiano.

Quando un notiziario italiano diffonde la notizia della morte di un connazionale non provo più dispiacere di quanto ne proverei per un qualsiasi altro ‘cittadino del mondo’. Questa visione cosmopolita, con i suoi pregi e i suoi difetti, è un effetto collaterale dell’essere ebreo in un ambiente estraneo, e se da una parte riflette un ragionamento razionale, dall’altra non corrisponde alla realtà, perché la natura umana non funziona in questo modo: essere liberi da qualsiasi precetto e tradizione ci rende prigionieri di noi stessi. La vera importanza del processo conoscitivo delle proprie origini sta nel potersi sentire parte di qualcosa che riceviamo come una sorta di eredità spirituale e che si traduce con una complicità precondizionata con le persone che condividono questa eredità. Nella città di Zefat, dove ha avuto origine la qabbalah, abbiamo ascoltato la storia dell’albero di carruba, i cui frutti potranno essere assaporati solo dalle generazioni successive a quelle di chi ha piantato l’albero.

Questa semplice metafora riassume il senso dell’esperienza vissuta grazie a Taglit Italia, che è riuscita in qualche modo a trasmettere quell’eredità dimenticata. Vivendo la terra di Israele con l’intensissimo programma di Birthright, abbiamo avuto la possibilità di rivivere la storia vissuta dai nostri antenati e comprendere meglio la situazione attuale del popolo ebraico e dello Stato di Israele. Il processo conoscitivo mancato fino ad oggi, è ora cominciato con l’entusiasmo della Scoperta (che non a caso è proprio il significato di Taglit) ed ha consentito anche ai più secolarizzati di scoprire un forte legame con le proprie origini. Quand’ero bambino, un giorno portai alla scuola elementare alcuni oggetti caratteristici dell’ebraismo e quando mi chiesero come si fa a suonare lo shofar risposi con orgoglio genuino che solo gli ebrei lo sanno suonare. Grazie a questo viaggio sono riuscito a ritrovare quall’orgoglio perduto durante l’adolescenza, suonando – come dice una preghiera del mattino – il grande shofar per la nostra libertà.

Mario Davide Roffi