indifferenza

Consiglio UGEIConsiglio UGEI27 Dicembre 2018
indifferenza-sociale.jpg

4min352
Torno oggi in Italia dopo quattro mesi trascorsi in Germania. Mi sembra di aver lasciato casa per recarmi in un luogo cui non so più quale nome dare: patria? casa? famiglia?
Sono sul pullman e sono diretta a Genova, mancano ancora due ore circa. C’è un ragazzo seduto davanti a me con le treccine che parla tra sé con voce tremolante e con un italiano un po’ malconcio. L’autista gli intima di scendere, altrimenti sarà costretto a chiamare la polizia e il ragazzo controbatte facendogli notare che è una persona cattiva. Mi sento così in pena, una sensazione che è empatia, vicinanza ma anche distacco per una situazione che finora avevo letto solo sui giornali. Intorno a me sembra regnare l’indifferenza assoluta.
L’autista vuole far scendere il ragazzo che sembra avere il passaporto scaduto e, timoroso dei gendarmi al confine francese, gli dice che chiamerà la polizia. Mi sento una spettatrice di una scena che avrei preferito non vedere perché simile a quella che i miei nonni avrebbero potuto vivere 75 anni fa. Controllo nel portafoglio se ho un po’ di soldi, qualche moneta o banconota ma niente, sembra che io non possa compiere la buona azione per cause di forza maggiore. Mi chiedo però se sia giusto parlare di cause di forza maggiore, avrei potuto trovare un altro modo per pagargli il biglietto e mi sento anch’io un’indifferente, una di quelli che sta lì a guardare perché forse andare a cercare un bancomat dove prelevare avrebbe voluto dire perdere il pullman. Non so quale nome dare a tutto questo: al sorrisetto dell’autista che da paladino chiama i poliziotti in difesa della puntualità del pullman e della propria pelle e alla situazione stessa che mi pare tanto complessa da non riuscire a trovare il buono e il cattivo. Perché di pancia non avrei aspettato un solo minuto per dare i soldi necessari al ragazzo, che ha preferito che la polizia lo venisse a prendere piuttosto che scendere. Però razionalmente (e mi chiedo se sia l’avverbio giusto da usare) ho pensato alle conseguenze che il mio gesto avrebbe potuto avere e al fatto che io questo ragazzo non lo conosco, che sarebbe potuto essere un delinquente.
Poi ricordo a me stessa che la delinquenza nasce dove non c’è integrazione e mi chiedo come sia possibile risolvere un problema che ci sovrasta e che l’Italia è così incapace a gestire. In Germania ho visto tanti immigrati tutti perfettamente integrati. In cosa sbagliamo? Cosa aspettarsi da un paese in cui neanche i ragazzi che scappano dalla guerra e dalla fame vogliono rimanere? Non credo dipenda solo dalle poche prospettive economiche che l’Italia presenta, credo che quel che ho visto oggi sia sintomo o risultato – ancora non so – di fratture ben più grandi. E lo dico bisbigliando con un po’ di incertezza perché riconosco la complessità di tutto questo: non in mio nome.
Marta Spizzichino

Consiglio UGEIConsiglio UGEI26 Gennaio 2017
museo-auschwitz-birkenau-500x375.jpg

8min444

museo-auschwitz-birkenauI numeri tatuati sulle braccia, i corpi stanchi e malati ammassati uno sopra l’altro. Queste sono le terribili immagini che la giornata della memoria ha sempre rievocato in me. Ma quest’anno è diverso, è il primo anno dopo la mia visita ad Auschwitz. Ricordo bene il gelo di quel pomeriggio di fine marzo: il cielo primaverile era limpido come uno specchio d’acqua, ma l’umidità entrava nelle ossa, irrigidendo le membra. Entrata nel museo, vengo come risucchiata in un vortice di ricordi e immagini. E’ tutto esattamente come lo avevo immaginato, come nei film. La mia attenzione, però, viene subito attirata da un chiassoso gruppo francese, tenuto faticosamente assieme da una guida stanca: le ragazze, tutte con gonna oltre il ginocchio, mostrano orgogliosamente le bandiere di Israele, avvolte sulle spalle come un mantello. Qualcuno, all’improvviso, tira fuori un selfie stick e inizia a fare fotografie. Mi allontano, furiosa: qua dentro poteva esserci tuo nonno, stupido garçon, non ti vergogni?

oswiecim-polska“A Oświęcim c’è anche un museo ebraico”, mi aveva detto qualcuno. Come quasi tutte le località polacche, ospitava una fiorente comunità ebraica prima della guerra. Esausta dalla visita al campo, mi inoltro nel centro abitato, cercando la vecchia sinagoga. Con enorme stupore scopro di trovarmi in una grigia, anonima cittadina polacca: gli stessi supermercati di Cracovia, le stesse banche, persino gli stessi volti inespressivi. Questa è Oświęcim, una banalissima cittadina industriale. Mi volto, per capire dove sono, e il filo spinato, nonostante la distanza, troneggia enorme, coprendo tutto l’orizzonte. In quel momento, un pensiero mi colpisce, fortissimo, e il cielo si fa pesante, quasi claustrofobico: Come potevano non vederlo? Come potevano non accorgersi, non sapere? Non chiedersi cosa avveniva di là dal muro? Con che coraggio potevano svegliarsi ogni giorno, vedere quel muro e tirare dritto? C’era una comunità ebraica qui, a Oświęcim. Erano concittadini, compagni di scuola, vicini di casa. Ho sempre catalogato i nazisti come criminali. Non ho mai realizzato, prima di quel momento, l’enorme potere dell’indifferenza, dell’omertà. Di chi non ha dovuto affrontare nessun processo di Norimberga, ma si è reso ugualmente colpevole.

mezzQualche mese dopo sono stata a Myślenice, un tempo fiorente shtetl polacco, e a Wiśniowa, dove si trova l’ultima sinagoga in legno della Galizia ancora in piedi. Agnieszka Cahn, di una delle poche famiglie rimaste di Myślenice e oggi a capo della Myślenice Community Association, ha guidato il mio gruppo per la cittadina, parlando come un fiume in piena. Gli ebrei, qui, costituivano un terzo della popolazione. I negozi della piazza principale erano quasi tutti gestiti da ebrei: “Qui c’era Winmann, qui invece la macelleria degli Horowitz. Spesso durante l’estate venivano organizzate cene di Shabbat in piazza”, spiega. Mi mostra le tracce delle mezuzot alle porte, mentre leggo nei suoi occhi una ferita ancora aperta. Anche qui, ciò che mi ferisce di più è la colpevole, sinistra indifferenza: il responsabile locale dei rastrellamenti, quando il momento arrivò, non esitò a mandare ai campi i propri ex compagni di classe, i propri compaesani, nel vile silenzio generale. “Il mondo non sarà distrutto da quelli che fanno il male, ma da quelli che li guardano senza fare nulla”, disse Albert Einstein.

C’è una fotografia al Galicia Jewish Museum di Cracovia che, a prima vista, sembra messa lì quasi per sbaglio. Il riquadro raffigura dei campi di grano nella campagna galiziana, con al centro un piccolo bosco. In realtà, nel luogo dove adesso si trovano gli alberi, un tempo c’era un cimitero ebraico: anche se non ce n’è più traccia perché andato completamente distrutto durante la guerra, i contadini del luogo non dimenticano. E, anche se le lapidi non esistono più, non coltivano l’area dove si trovavano, in segno di rispetto verso i morti. Non sottovalutiamo l’importanza del ricordo.

indiffA distanza di 70 anni, il mondo oggi è molto diverso. Grazie agli smartphone siamo costantemente interconnessi e riceviamo le notizie da tutto il mondo in tempo reale, inclusi i video degli attentati e le immagini degli orrori in Siria. Il prezzo da pagare, però, è l’alienazione. Auschwitz rischia di diventare un luogo dove fare selfie, i morti del terrore di diventare numeri scritti su uno schermo. Ci si può abituare all’orrore fino a non vederlo più? E’ una domanda a cui non riesco e non voglio rispondere. L’orrore, purtroppo, esiste ancora, basta pensare alla devastante guerra civile in Siria, che in 6 anni ha provocato centinaia di migliaia di vittime. Il genocidio armeno è ancora impunito. Un milione e mezzo di morti, un popolo perseguitato che ancora vive quanto accaduto nel 1915 con una profondissima sofferenza. Elif Shafak, scrittrice turca, ha subito un’inchiesta nel 2006 per aver definito il massacro degli armeni come genocidio in un suo libro. L’accusa era “oltraggio all’identità turca”. Cosa fare? Arrendersi di fronte all’omertà, al silenzio? Milioni di vittime ci impongono di non farlo. Di indignarci, di non cedere alla tentazione dell’indifferenza. Di non tirare dritto di fronte a un muro spinato.

Maria Savigni, 22 anni, vive nelle campagne lucchesi, dove, quando non è intenta a leggere o sfornare challot (o entrambe le cose), studia giurisprudenza
Maria Savigni, 22 anni, vive nelle campagne lucchesi, dove, quando non è intenta a leggere o sfornare challot (o entrambe le cose), studia giurisprudenza


UGEI

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono.


Contattaci