chiara levi

Consiglio UGEIConsiglio UGEI1 Novembre 2018
get.jpg

4min540

Anno ebraico 5779, un nuovo anno che inizia carico di cambiamenti, soprattutto per quanto riguarda i giovani della Comunità di Torino.

I ragazzi crescono e alcuni partono per intraprendere nuove avventure, quelli che rimangono sono pronti ad assumersi nuove responsabilità. Andiamo con ordine, infatti quest’anno ci sono novità per entrambi i gruppi giovanili presenti a Torino: l’Hashomer Hatzair, movimento giovanile mondiale, che coinvolge i giovanissimi under 18, ed il GET, che interessa i giovani dai 18 ai 35 anni. Per quanto riguarda l’Hashomer, come ogni anno i più grandi hanno concluso il loro percorso e hanno lasciato il movimento dando spazio ai nuovi madrichim (guide, educatori). Quest’anno infatti, insieme ai ragazzi della classe 2001, hanno assunto il ruolo di educatori anche i ragazzi del 2002, che si sono integrati senza problemi nella Bogrut (gruppo di adulti), ora formata da dieci membri (la più numerosa degli ultimi trent’anni). Ogni settimana continuano a creare e sviluppare attività innovative che coinvolgono circa trenta bambini della scuola ebraica e non solo. Alla Bogrut si è inoltre aggiunta Beatrice (tornata da otto mesi di Shnat Hachshara, anno di formazione, in Israele con il movimento mondiale), pronta, grazie a questa esperienza, a continuare il percorso educativo dei madrichim stessi.

Oltre all’Hashomer Hatzair è presente a Torino, come abbiamo scritto, un’altra organizzazione giovanile, il GET (gruppo di Giovani Ebrei Torinesi), che interessa la fascia di ragazzi tra i 18 ed i 35 anni. Anche il GET è stato interessato da alcuni cambiamenti. Gli storici coordinatori di questo gruppo, Simone Santoro e Filippo Tedeschi, hanno infatti avuto l’occasione di continuare la propria esperienza di studio fuori Torino. Prima di partire, però, Simone ha creato un gruppo di ragazzi che potesse continuare a occuparsi del GET. Il nuovo consiglio è adesso composto da Daniele Saroglia, in qualità di coordinatore, affiancato da Giorgio Berruto, Simone Israel, Alessandro Lovisolo, Rachele Tedeschi, Noemi Anau Montel, Chiara Levi e Beatrice Hirsch. Una volta assunto il nuovo ruolo, agli inizi di ottobre, il consiglio si è messo subito all’opera e ha ideato nuove attività con l’intento primario di avvicinare i giovani, sempre più distanti dall’ebraismo italiano e torinese, e creare un gruppo eterogeneo e compatto, che possa in futuro portare positivi cambiamenti all’interno della comunità. In programma ci sono cene di Shabbath, serate di cineforum, feste, aperitivi, incontri e discussioni su argomenti di attualità e temi ebraici, un’alternanza di momenti seri e divertenti che si spera coinvolgeranno il maggior numero di ragazzi possibile.

Con il GET collabora anche un numeroso gruppo di studenti israeliani che vivono a Torino e che partecipano alle attività portando un contributo essenziale alla vitalità e creatività dell’organizzazione. Si è creato un gruppo di ragazzi entusiasti e intraprendenti, carichi di iniziative e voglia di fare. Speriamo di riuscire a lanciare un messaggio forte e coeso, di essere ascoltati, presi in considerazione e dare il nostro contributo. Crediamo che sia fondamentale che la comunità dia la giusta importanza alla presenza giovanile al proprio interno, senza darla per scontata, con disponibilità a collaborare. Solo in questo modo la comunità ebraica di Torino può conservare la speranza di avere un futuro.

Noi ce la stiamo mettendo tutta.

Chiara Levi e Beatrice Hirsch


Consiglio UGEIConsiglio UGEI28 Marzo 2018
levigiusti-500x281.jpg

2min489

Una domenica pomeriggio di marzo si è svolta al Centro Sociale della Comunità ebraica di Torino la presentazione del libro “Tullio e i Giusti del Canavese”, realizzato dalle classi V delle scuole elementari di Verolengo, Rondissone e Torrazza Piemonte. I bambini, dopo aver ascoltato la storia di Tullio Levi, ex presidente della Comunità ebraica di Torino, l’hanno riportata in un libro presentato al concorso del MIUR “I giovani ricordano la Shoà” vincendo il primo premio a livello regionale. Tullio e la sua famiglia sono stati nascosti da Pietro, Maria e Carlo Antoniono che sono stati riconosciuti Giusti delle Nazioni da Yad Vashem.

I bambini hanno compiuto un lungo percorso e hanno presentato il loro libro attraverso un piccolo spettacolo sincero e soprattutto pieno di consapevolezza rispetto all’importantissimo tema trattato.
Valore aggiunto di questo lavoro è stata la possibilità per i bambini di incontrare e conoscere i protagonisti della storia, oltre a Tullio Levi anche i discendenti della famiglia Antoniono.
Tutto ciò contribuirà a mantenere vivo in loro il ricordo di questa vicenda e della sua importanza.
Le maestre hannno voluto affrontare con particolare attenzione le motivazioni che hanno portato alle leggi razziste e alla Shoà focalizzandosi soprattutto sul tema dell’esclusione e sulle sue conseguenze.

La grande serietà che ha contraddistinto il lavoro svolto in queste classi merita un elogio nei confronti delle maestre, persone coscienti dell’importanza della memoria e dell’abituare fin da bambini al grande valore della diversità.

Chiara Levi


UGEI

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono.


Contattaci