accordi di abramo

Consiglio UGEIUGEI11 Gennaio 2021
accordi-di-abramo-1280x720.jpeg

1min290

di David Fiorentini

 

In uno stravolgimento epocale, gli Accordi di Abramo hanno generato un grande entusiasmo, che per la prima volta permetterà a tutte le aziende israeliane di guardare alla propria regione, il Medio Oriente, per la ricerca di nuovi affari, senza doversi rivolgere ai mercati europeo o americano. Questo è stato il tema centrale di un dibattito tenutosi nel corso dell’ultimo Congresso della WUJS (World Union of Jewish Students), che ha avuto luogo dal 27 al 31 dicembre.

Si stima che Israele e l’UAE già intrattenevano rapporti commerciali in segreto, per un volume d’affari di circa un miliardo di dollari. Tuttavia, le imprese che avevano accesso a questo mercato erano pochissime, e le procedure di ammissione ovviamente erano estremamente complesse. Adesso che la porta ai paesi del Golfo si è spalancata, sono numerosissime le aziende che da Israele e dagli Emirati non vedono l’ora di immergersi in questo mare di opportunità.


Consiglio UGEIUGEI20 Ottobre 2020
1024px-thumbnail.jpg

1min476

di David Fiorentini

 

Sono ormai passati alla storia gli Accordi di Abramo, un patto senza precedenti tra Israele e ben due paesi arabi per la normalizzazione dei rapporti diplomatici. Finalmente, dopo oltre 24 anni, il processo di pace nel Medio Oriente si è rimesso in moto, con avvincenti novità che non sembrano ancora finite. D’altro canto, è salita alla ribalta la notizia di un presunto accordo segreto tra USA e UAE per la vendita di armamenti avanzati, tra cui i sofisticati caccia F-35. Le voci hanno suscitato grande scalpore, in particolare in Israele, dove si paventa la fine della supremazia militare dello Stato Ebraico sui vicini arabi.