“Sognare è un diritto di tutti”

WhatsApp Image 2019-05-13 at 03.44.38

HaTikwa (D. Zebuloni) – La storia di Kobi Marimi è l’ennesima storia in perfetto stile Cenerentola. Dopo il trionfo di Netta Barzilai e i suoi chili di troppo esibiti con orgoglio, quest’anno il rappresentante israeliano all’Eurovision Song Contest mostra un ulteriore volto dell’Israele umana e spesso vulnerabile. Un’Israele ancora inedita. Nato a Ramat Gan, Kobi è il tipico antieroe inibito dei fumetti. Immaginatevi Pippo, l’amico di Paperino. Ecco, Kobi è  Pippo. Kobi è il nostro compagno di banco delle medie, il cameriere che ci serve la pizza, il vicino di casa che incontriamo ogni tanto in ascensore. Eppure, in tutta questa apparente normalità, Kobi nasconde un talento straordinario. Prova dunque a intraprendere la carriera di attore di teatro, ma presto realizza di non essere mai il protagonista, di essere sempre l’attore di accompagnamento. Così all’età di ventisette anni, con un sogno da realizzare e senza alcuna speranza di riuscirci, si presenta alle audizioni del “Hakochav Haba”, competizione canora il cui vincitore diventa di diritto rappresentante israeliano all’ambito Eurovision Song Contest. Nel peggiore dei casi, Kobi dovrebbe rinunciare al suo lavoro di cameriere in un locale di Tel Aviv. Il risultato, invece, è assicurato. Sin dalla sua prima apparizione sul piccolo schermo, Kobi conquista il cuore di migliaia di persone. Timido e impacciato, goffo e un po’ maldestro, Kobi si trasforma davanti alle telecamere spogliandosi delle vesti di brutto da anatrocollo e diventando un bel cigno. Comincia a raccontarsi, a raccontare della sua infanzia sofferta in quanto bambino grasso e denigrato dagli amici. Un  po’ come Netta stessa ha fatto lo scorso anno, infatti, anche Kobi parla spesso di accettazione del proprio corpo e della propria persona, condannando con forza ogni forma di pregiudizio. Eppure c’è in Kobi un qualcosa di più autentico e fragile rispetto alla caotica Netta. Scopro che Kobi è davvero un antieroe, uno di quelli che balbettano lievemente quando gli pongo una domanda scomoda e che aspetta qualche secondo prima di darmi una risposta, perché preferisce scegliere bene le parole da utilizzare. Per farla breve, Kobi vince la competizione del “Hakochav Haba” e diventa ufficialmente il rappresentante israeliano all’Eurovision Song Contest, che quest’anno avrà luogo a Tel Aviv, nonostante tutto. O forse, per merito di tutto. Tutto ciò che si porta appresso. Da quel giorno Kobi è immerso nelle prove e nei preparativi della competizione, determinato a non deludere chi l’ha fortemente voluto su quel palcoscenico. Perché c’è una frase che l’antieroe di Ramat Gan non dimentica mai di pronunciare nelle sue apparizioni televisive. Una frase che ha ripetuto anche in questa intervista con sincerità disarmante, nonostante io sia profondamente convinto che non l’avrebbe sostenuta con altrettanto ardore se l’avessi incontrato quando era ancora un ragazzo qualunque. Una frase decisamente banale e ingenua. E forse, anche per questo, così importante di questi tempi. “Sognare è un diritto di tutti”. 

 

Kobi vorrei che mi aiutassi a capire come cambia la vita di un ragazzo qualunque, che conduce una vita assolutamente normale, che fa il cameriere in un locale a Tel Aviv, e che d’un tratto viene catapultato sul palcoscenico più importante e ambito del mondo.

Diciamo che ho smesso di lavorare nel locale a Tel Aviv e ho cominciato a fare il lavoro che ho sempre sognato. Ecco, diciamo che quel ragazzo qualunque sta realizzando il sogno che coltiva sin da quando era bambino.

Tra un attimo parleremo di sogni, ma prima vorrei che mi raccontassi di quell’attimo in cui hai realizzato che hai vinto la gara del “Hakochav Haba” e che non c’è più via di ritorno.

A volte credo di non aver ancora realizzato. Ho sempre sognato di rappresentare Israele all’Eurovision, ma mai ho creduto davvero che ciò potesse accadere. Ricordo solo l’istante in cui stavano per decretare il vincitore del “Hakochav Haba” e mi sono detto: Kobi, stanno trasmettendo questo momento in diretta nazionale e c’è la possibilità che sia tu il vincitore. Cerca di non avere reazioni esagerate!

Per molti artisti, specie qua in Israele, l’Eurovision è l’ultimo traguardo di una lunga carriera. Tu invece cominci la tua carriera dall’apice. Non hai paura di cadere da lì su e farti male?

Credo che chiunque abbia il desiderio di calcare questo palcoscenico debba mettersi in gioco, a prescindere da quanto lunga sia la carriera alle sue spalle. Sognare è un diritto di tutti. Io per esempio ho ventisette anni ed è almeno da un decennio che fantastico sull’Eurovision. Sicuramente fa paura, ma sono così felice che non voglio rovinare questo momento. Me lo merito.

Se non sbaglio è già la terza volta che pronunci la parola “sogno”. Parliamo allora di sogni, anche perché lo slogan di questo Eurovision è “Dare to dream”. E forse non a caso. Cominci la tua carriera realizzando il tuo più grande sogno Kobi, che altri sogni ti rimangono da realizzare?

Qualche tempo fa il mio manager mi chiedeva com’è possibile che ancora mi emoziono a salire sul palco. In effetti dovrei essermi abituato a esibirmi dopo tutti questi mesi di prove. Gli ho risposto che non importa quante persone mi guardano, dieci o un milione, quando hai un messaggio da trasmettere agli spettatori è sempre emozionante esibirti. Il mio sogno è continuare a trasmettere la mia arte, e non importa quale palcoscenico sarà disposto a ospitarmi.

C’è una domanda che sono in dubbio se porti, perché quando si incontra un artista bisogna parlare di arte e non di altro. Tuttavia, dopo la vincita di Netta Barzilai dell’anno scorso, non possiamo ignorare l’argomento della propria immagine e del proprio corpo.

Chiedi pure.

Anche tu, come Netta, hai raccontato alle telecamere del tuo passato. Di essere stato un bambino grasso, solo, incompreso e pieno d’insicurezze. Volevo chiederti Kobi se pensi che aver avuto un passato difficile sia diventato un requisito indispensabile per piacere agli israeliani. Intendo dire, forse gli eroi non piacciono più. Forse è meglio essere degli antieroi.

Penso che sia una coincidenza che per il secondo anno di fila questo argomento abbia trovato tanto spazio nei titoli dei giornali. Ogni artista, anzi, ogni persona incontra delle difficoltà nella propria vita. Credo che queste cicatrici alimentino la nostra creatività e ci diano la possibilità di alzarci la mattina con il desiderio di cambiare la realtà. Di renderla migliore. Nel mio caso e nel caso di Netta il movente era lo stesso, la nostra infanzia e il nostro corpo, ma non credo che siano gli unici argomenti che tocchino gli israeliani.

Eppure il messaggio tuo e il messaggio di Netta sono un po’ diversi. Anzi, in realtà sono proprio opposti. Netta ci invita ad accettarci e ad amarci per ciò che siamo, con tutti i nostri difetti e tutti i nostri chili di troppo. Tu invece hai attraversato un lungo viaggio prima di diventare il Kobi che conosciamo oggi.

Non credo di aver terminato il viaggio. Il cambiamento non avviene in una notte, il cambiamento avviene ogni giorno. Ancora oggi. Ho perso peso, questo è vero, ma ci sono molte insicurezze che ancora mi porto dietro.  

In un passo della canzone che proporrai all’Eurovision canti, o meglio, gridi a piena voce “I am someone”, ovvero “Io sono qualcuno”. Credi che quel richiamo sia rivolto al Kobi bambino di cui abbiamo parlato?

Ehm… Possibile…

Immaginavo, cos’altro vorresti dire al Kobi bambino?

Ciò che dico al Kobi di oggi e a chi mi ascolta. Dobbiamo ricordarci ogni giorno che siamo qualcuno, che valiamo qualcosa. Ce lo dimentichiamo troppo spesso. La vita ci sottopone a così tante pressioni che è nostro compito dire a noi stessi che valiamo per ciò che siamo.

C’è un altro passaggio della canzone in cui canti “And now I’m coming home”, ovvero “Ed ora torno a casa”. Alcuni sostengono che questa frase lasci intendere il ritorno dell’Eurovision in Israele. Pensi che ospitare l’evento favorisca o sfavorisca la tua potenziale vincita?

In realtà non si tratta di una frase tattica per indicare il ritorno in Israele. La casa in questione è quel luogo in cui ci sentiamo sicuri. In cui ci sentiamo noi stessi.

E se mi intestardissi e ti chiedessi nuovamente se pensi di essere favorito o sfavorito?

Ti direi che è la prima volta che partecipo all’Eurovision e non conosco abbastanza bene le dinamiche per darti una risposta concreta. Ma cerco sempre di essere positivo e vorrei esserlo anche questa volta. Sapere che la mia famiglia e i miei amici sono accanto a me in questi giorni mi tranquillizza molto.

La tua canzone ha ricevuto molte critiche sui social e nei media. Dopo il carnevale di Netta dell’anno scorso, pensi di capire il perché delle polemiche e la delusione dei fan o non te ne capaciti proprio?

Le critiche ci sono sempre state e sempre ci saranno. Penso che il ruolo principale di qualsiasi forma di arte sia quello di scuotere gli animi delle persone. Però voglio dirti che ricevo decine e decine di messaggi da parte di quelle persone che inizialmente avevano fortemente criticato la mia canzone e che ora chiedono scusa perché hanno scoperto di adorarla. Io per esempio ci ho messo un sacco di tempo prima di farmi piacere il Sushi. Ci sono alcune cose a cui ci si bisogna abituare.

Se posso permettermi, personalmente non credo che gli israeliani siano delusi dal fatto che canterai una ballata, chi ti conosce e ti segue sa che mai e poi mai ti saresti esibito all’Eurovision con una canzone in stile Netta. Penso che la delusione sia dovuta dal fatto che gli israeliani si aspettavano una canzone dalle sonorità meno internazionali e più locali, considerato sopratutto che la competizione avrà luogo quest’anno a Tel Aviv e non in Europa.

Possibile, non lo escludo, ma voglio dirti una cosa che ho imparato nel periodo in cui studiavo recitazione e mi esibivo a teatro. Non importava quante persone venissero a complimentarsi con me al termine dello spettacolo, bastava che ci fosse una sola persona che mi faceva notare che il calzino sporgeva dal pantalone, che tornavo a casa con l’amaro in bocca e con la sensazione di aver fallito. Non voglio concentrarmi su chi fa polemica, voglio dare spazio a chi mi sostiene e riempie di complimenti. E poi l’Eurovision non finisce qui, l’anno prossimo ci sarà di nuovo e l’anno dopo ancora. Israele avrà la possibilità di mandare ogni volta un rappresentante che mostri un volto inedito del paese e di chi ci abita. Questa volta hanno scelto me.

Kobi, una parola che descrive ciò che stai vivendo? E per favore non dire “emozionante” o “incredibile”.

Wow… Che domanda difficile! Ehi, dici che “wow” possa andare bene come risposta?

Direi che “wow” va più che bene.