28 Marzo 20194min409

“Ebrei contro zombi”, otto scrittori a confronto

WhatsApp Image 2019-03-26 at 13.51.19

HaTikwa (N. Greppi)Spose cadavere che ballano con studenti di una yeshiva; ebrei non morti che si fanno usare come eterni capri espiatori; ebrei scampati a un apocalisse zombie. Sembrano delle prese in giro, e invece è ciò che narrano gli otto racconti racchiusi nel libro Ebrei contro zombi, curato dall’autore israeliano Lavie Tidhar e dall’inglese Rebecca Levene e pubblicato in Italia da Acheron.

Le storie che compongono il volume sono scritte da otto scrittori ebrei, ognuno dei quali ha voluto trattare a modo suo il tema dei morti viventi: Rena Rossner, ad esempio, in “Ascesa” racconta la storia di dodici studenti di una yeshiva che scoprono come far risorgere le spose di dodici tzaddikim, le quali riveleranno loro diversi segreti appresi dai mariti defunti; invece “La fabbrica del capro espiatorio” di Ofir Touche Galla narra la storia di Solvi, un morto riportato in vita tramite un folle esperimento, e che per trovare uno scopo trova un lavoro particolare: prendersi la colpa per crimini che non ha commesso, in modo da appagare la sete di giustizia delle vittime. L’uomo che gliene parla spiega che come falsi colpevoli si cercano soprattutto ebrei, e quando Solvi gli chiede perché, quello risponde: “Leggiti qualche libro di storia, amico mio.”

Tra gli altri racconti spiccano “Dieci per Sodoma” di Daniel Polansky, che racconta gli ultimi minuti di vita di un ebreo newyorkese che decide di buttarsi da un tetto per sfuggire agli zombie che hanno invaso la città, e “Zayinim” di Adam Roberts: quest’ultimo è ambientato in un mondo ucronico dove i nazisti, dopo aver vinto la guerra, hanno cercato di rendere immortale tutta l’umanità eccetto gli ebrei, con il risultato che questi si ritrovano ad essere le ultime persone normali in un mondo di zombie famelici.

Purtroppo non tutti i racconti inclusi nel volume sono piacevoli da leggere, e alcuni risultano alquanto noiosi: è il caso questo di “Come una moneta coniata di fede”, scritto da Shimon Adaf e ispirato ad antiche storie di spiriti maligni degli ebrei marocchini; un discorso simile vale anche per “I racconti del terrore di Wiseman” di Anna Tambour, che racconta di un designer di reggiseni americano che, partito per la Seconda Guerra Mondiale, viene perseguitato da zombie donne che vogliono fare le modelle per lui.

Nel complesso, le storie racchiuse nel volume non sono tanto di paura, quanto legate o allo humor nero o a quel surrealismo tipico dei racconti dello scrittore israeliano Etgar Keret. è consigliato soprattutto a chi ama la letteratura ebraica: se finora eravate abituati ai grandi romanzieri israeliani o alla letteratura yiddish, sappiate che queste storie vi stupiranno… da morire.

 


UGEI

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono.


Contattaci