Che cosa sta succedendo in Italia?

liliana-segre-700x437

HaTikwa (L. Clementi) – Tutto in un mese. Approvata la Commissione Segre per la lotta all’Antisemitismo, gran parte delle forze politiche si alzano in piedi ad applaudire. Rimangono seduti i Parlamentari di Lega, Forza Italia e Fratelli D’Italia. Poco dopo, la Senatrice Segre viene messa sotto scorta per le continue minacce (200 al giorno!) ricevute sul web, dopo il Report dell’Osservatorio Antisemitismo. Poi Canali, il Sindaco di Predappio (luogo di nascita di Mussolini) che si rifiuta di sovvenzionare il Viaggio della Memoria di alcune scuole perché ‘’fazioso’’. Poi il Comune di Schio che dice ‘’no’’ alle Pietre d’Inciampo per gli scledensi che morirono nei lager perché ‘’divisive’’. Poi il Consigliere comunale triestino di Forza Nuova Fabio Tuiach che si indigna perché la Segre ha detto che Gesù era ebreo. Nel mezzo, tanto odio e tanti altri episodi di odio antisemita, noti e meno noti.

Ma che cosa sta succedendo all’Italia?

E’ da ingenui ritenere che improvvisamente l’Antisemitismo sia ricomparso dopo 80 anni nella società civile: un fenomeno a così ampio raggio che improvvisamente riprende piede con così tanta veemenza non può che essere frutto dello sdoganamento di qualcosa che già c’era e che ora ci si sente autorizzati a manifestare liberamente, ancora una volta.

A questo punto lo step successivo è: di chi è la colpa? Si, perché una colpa deve esserci, altrimenti non si spiega il motivo per il quale la Senatrice Liliana Segre debba esser messa sotto scorta per la stessa ragione per la quale fu deportata 80 anni fa, cioè per il solo fatto di essere ebrea. Non cercare un colpevole equivale a non cercare di capire quale sia il problema, e quindi come possa essere risolto. Perché anche la politica, che per un lungo lasso di tempo ha tentato di contenere determinati messaggi, improvvisamente è diventata la loro cassa di risonanza?

A mio avviso, la risposta deve essere cercata andando indietro nel tempo. La crisi economica ha portato ad una svalutazione generale della classe politica. ‘’Tanto rubano tutti’’ è la frase che si sente ormai in ogni casa d’Italia dopo il primo servizio di qualunque TG.

Nel tentativo di recuperare credibilità, i partiti si sono essenzialmente personalizzati, andando ad identificarsi con la figura del proprio leader. E’ la stessa leadership a diventare protagonista assoluta della politica, trovando come terreno di scontro quello dei social network e guadagnando consensi grazie alle équipe di esperti nel settore, che studiano campagne a tavolino nel tentativo di manipolare l’opinione pubblica.

Questo conduce inevitabilmente ad una democrazia del pubblico, con alla base slogan, qualunquismo e semplificazioni estreme. Tra i leader ed i cittadini non deve apparentemente esistere alcun filtro: l’elettore deve avere la percezione che il politico di riferimento sia quanto a lui più vicino, e sia in grado, proprio perché così ‘’simile a noi’’, di capire e tutelare le esigenze del popolo. Il tutto, sommato ad una situazione del Paese non proprio rosea, conduce allo sdoganamento di linguaggi di odio anche all’interno della classe politica stessa e, conseguentemente, all’accrescimento di rabbia e frustrazione dei cittadini.

Ponendo il dato di un Antisemitismo diffuso e rimasto incubato, nonostante la morte di migliaia di Ebrei e la creazione di una Costituzione che sancisce diritti inviolabili, ora non c’è neanche più la percezione di una classe politica con valori saldi e programmi volti ad estirpare sul nascere qualunque forma di disuguaglianza sostanziale nei diritti del singolo, proprio perché l’agenda detta che è necessario mostrarsi ‘’dalla parte degli italiani’’, sempre e comunque. Ma chi sono i veri italiani, quelli che l’italiano medio considererebbe ‘’come lui’’? E’ importante saperlo, perché questa definizione potrebbe essere la definizione di certe agende politiche negli anni a venire.

Quale sarà, poi, il destino per gli ‘’altri’’?


UGEI

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono.


Contattaci