Storia

Consiglio UGEIUGEI22 Novembre 2020
giappo.jpg

1min112

di Nathan Greppi 

 

Nell’epoca dei social, in cui tutti si mettono in mostra per le questioni più insignificanti, è difficile pensare che qualcuno possa scrivere un libro nascondendo la propria identità, e creandosene una falsa. Certo, ci sono casi come quello di Elena Ferrante, ma si tratta di eccezioni. Tra queste eccezioni va annoverato il caso di Gli Ebrei e i Giapponesi, un controverso saggio pubblicato esattamente 50 anni fa e il cui autore si firmava come Isaia Ben Dasan.


Consiglio UGEIUGEI18 Novembre 2020
CHIEF_RABBI_SACKSBookcase-1920px-1280x636.jpg

1min495

di Sharon Zarfati

 

Per parlarvi di Rabbi Lord Jonathan Sacks vi racconto di un evento che ha da sempre elargito un certo fascino nei miei pensieri. L’ha raccontata ad una platea di persone, prima dell’inizio di una lezione a cui ho avuto la fortuna di partecipare.
Come tutti noi sappiamo uno dei precetti ebraici implica il non prostrarsi davanti ad un re, perché l’unico Re del popolo ebraico è Il Santo Benedetto Egli Sia. E diciamo che nel 2020, il 99,9% degli ebrei non sia mai stato messo alla prova rispetto a questa mitzvà. Parliamoci chiaro… A quanti di voi è capitato di incontrare un re? E ancora più specificatamente: a quanti di voi è capitato di dover dire: “Scusi sua Maestà, ma io non posso prostrarmi perché sono ebreo”?


Consiglio UGEIUGEI2 Novembre 2020
iran-1280x870.jpg

1min263

di Gavriel Hannuna

 

Circa 2750 anni fa, gli ebrei del regno d’Israele vennero deportati dagli Assiri e dai Babilonesi. Questo terribile evento fu l’inizio di una delle più grandi comunità ebraiche al mondo: quella persiana.

Nell’ultima serie tv israeliana Tehran, una spy story ambientata tra Israele e Iran, ci sono poche tracce di questa comunità. Si vedono immigrati iraniani in Israele e la zia della protagonista, convertita all’Islam, con una famiglia fanatica del regime iraniano. Oltre agli agenti del Mossad, questi sono gli unici ebrei persiani che vengono rappresentati, ed è quindi una sorpresa andare a scoprire che la comunità ebraica di Teheran esiste ancora: conta più di 8000 persone, facendone la più grande comunità mediorientale al di fuori d’Israele. La storia di questa comunità è lunga e complicata, e ci mostra quanto sia cambiata la società iraniana nell’ultimo secolo.


Consiglio UGEIUGEI1 Novembre 2020
bandiera-francia.jpeg

1min227

di Filippo Tedeschi

 

La France est une République indivisible, laïque, démocratique et sociale”: così recita l’articolo 1 della costituzione francese del 1958. Ancor prima che democratica e sociale, quella francese è una repubblica laica. Lo è ancor oggi, basandosi su un’antica legge del 1904 e sulle sue successive modifiche, che prevede come impianto generale la totale separazione tra gli affari dello stato e quelli delle rappresentanze religiose. Nel corso della Quinta Repubblica, però, l’impianto laicista francese ha assunto connotazioni, anche ideologiche, ben differenti da quelle dello spirito con cui era nata tale impostazione legislativa. Se un secolo fa il problema che richiedeva l’intervento normativo era quasi meramente di natura fiscale e di contrasto all’autonomia della Chiesa Cattolica nella gestione dei beni immobili sorti nei secoli in territorio francese, oggi quello stesso impianto pone enormi problemi di natura sociale e, soprattutto, di sicurezza nazionale.


Consiglio UGEIUGEI28 Ottobre 2020
tobia-1280x918.jpeg

1min272

di Luca Spizzichino

 

Trentasette anni appena compiuti, romano, ex presidente UGEI, e dallo scorso agosto candidato sindaco di Roma per il centro-sinistra. Ecco il didascalico identikit di Tobia Zevi, ricercatore presso l’ISPI – Istituto per gli Studi di Politica Internazionale, per il quale analizza le grandi città del mondo e studia il loro ruolo nell’ambito della geopolitica. Da anni attivo politicamente e civilmente a Roma, che considera “la mia grande passione e il mio grande sogno”. Si candida con la speranza di migliorare le cose nella sua città, perché crede che “sia responsabilità di ognuno di noi di cercare di cambiarla è meglio”.