Shabbat

Consiglio UGEIUGEI16 Ottobre 2020
אדם-וחווה.jpg

1min103

di Redazione

 

Questa settimana leggiamo Parashat Bereshit, la prima Parashà del Pentateuco. La Parashà della creazione del mondo, del buio e della luce, di Adamo ed Eva, del frutto del peccato. E proprio a proposito del primo peccato commesso dall’uomo oggi parleremo. Un peccato che è stato discusso molto nei secoli, ma che non ha mai trovato una risposta che soddisfacesse pienamente i fedeli. Secondo alcuni, il primo peccato non è altro che il padre di tutti i peccati commessi nella storia dell’umanità. Colui che ha dato inizio al tutto.


Consiglio UGEIUGEI10 Settembre 2020
פפפפפפפפ.jpg

1min134

di Redazione

 

Nella Parashà di questa settimana, Parashat Nitzavim, scopriamo una cosa straordinaria. Moshé rabenu, massimo esponente del popolo ebraico nella storia, in uno dei suoi monologhi rivolti al popolo ebraico nel deserto riferisce che i precedetti da Dio comandati non sono “lontani dall’uomo”. Cosa significa che i precetti non sono lontani dall’uomo? Si parla forse di una lontananza geografica? Di una lontananza fisica? Di una lontananza spirituale? Per comprendere a fondo le parole di Moshé, bisogna comprendere prima il ruolo profondo della religione ebraica nelle nostre vite.


Consiglio UGEIUGEI4 Settembre 2020
כי-תבוא.jpg

1min133

di Redazione

 

Nella Parashà di Ki Tavò ci viene insegnata una mitzvah molto importante. Ci viene insegnato che il primo frutto dell’albero non può essere mangiato, bensì deve essere contrassegnato con un filo, raccolto una volta maturo e portato a Gerusalemme, nel Bet HaMikdash. Tutto ciò per ricordare il miracolo dell’uscita del popolo ebraico dall’Egitto. Andiamo per ordine cercando di capirne il motivo.


Consiglio UGEIUGEI28 Agosto 2020
כםאאםםםםם.jpg

1min169

di Redazione

 

Nella Parasha di questa settimana, Parashat Ki Tezé, viene ricordata una mitzvah (un precetto) estremamente importante nella Torah. La mitzvah di Shabbat Avedà, quel precetto che impone di dover cercare ad ogni costo il proprietario di un oggetto smarrito. La Parashà recita: “non potrai ignorare l’oggetto in questione”. Ovvero, non potrai fare finta di non averlo visto per non dover cercare di conseguenza il suo legittimo proprietario.


Consiglio UGEIUGEI14 Agosto 2020
הורדה.jpg

1min266

di Redazione

Parashat Rée si apre con un passo particolare, nel quale viene trasmesso al popolo ebraico un messaggio di grandissima importanza. E il messaggio è il seguente: tutto ciò che ci accade, in quanto individui e in quanto popolo, dipende unicamente da noi. Noi siamo responsabili delle benedizioni che riceviamo, delle cose buone che ci capitano, dei miracoli che incontriamo. O viceversa.



UGEI

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono.


Contattaci