Pillole di ebraismo

Consiglio UGEIUGEI4 Settembre 2020
כי-תבוא.jpg

1min166

di Redazione

 

Nella Parashà di Ki Tavò ci viene insegnata una mitzvah molto importante. Ci viene insegnato che il primo frutto dell’albero non può essere mangiato, bensì deve essere contrassegnato con un filo, raccolto una volta maturo e portato a Gerusalemme, nel Bet HaMikdash. Tutto ciò per ricordare il miracolo dell’uscita del popolo ebraico dall’Egitto. Andiamo per ordine cercando di capirne il motivo.


Consiglio UGEIUGEI28 Agosto 2020
כםאאםםםםם.jpg

1min195

di Redazione

 

Nella Parasha di questa settimana, Parashat Ki Tezé, viene ricordata una mitzvah (un precetto) estremamente importante nella Torah. La mitzvah di Shabbat Avedà, quel precetto che impone di dover cercare ad ogni costo il proprietario di un oggetto smarrito. La Parashà recita: “non potrai ignorare l’oggetto in questione”. Ovvero, non potrai fare finta di non averlo visto per non dover cercare di conseguenza il suo legittimo proprietario.


Consiglio UGEIUGEI21 Agosto 2020
ELUL.jpg

1min309

di Eitan Della Rocca

 

È scritto nel libro di Amos, capitolo 3 versetto 8: ”Quando il leone ruggisce chi non lo teme.”

I maestri discutono sull’entità di questo leone. Qualcuno dice che si tratta del popolo d’Israele stesso, che con la sua tenacia incute timore in tutti gli altri popoli. Qualcuno invece lo identifica come il leone personale di Hashem, precedente alla creazione del mondo.


Consiglio UGEIUGEI14 Agosto 2020
הורדה.jpg

1min307

di Redazione

Parashat Rée si apre con un passo particolare, nel quale viene trasmesso al popolo ebraico un messaggio di grandissima importanza. E il messaggio è il seguente: tutto ciò che ci accade, in quanto individui e in quanto popolo, dipende unicamente da noi. Noi siamo responsabili delle benedizioni che riceviamo, delle cose buone che ci capitano, dei miracoli che incontriamo. O viceversa.


Consiglio UGEIUGEI11 Agosto 2020
libri.jpg

1min557

di Michelle Zarfati

 

Questo 2020 si è rivelato un anno estremamente difficile, un anno che probabilmente non dimenticheremo. Tuttavia, nonostante le grandi difficoltà, l’estate ormai è arrivata e con essa anche le vacanze. Che sia a bordo piscina, in riva al mare, in barca oppure nel freddo della montagna: un libro è sempre il migliore compagno di viaggio. Per questo ho pensato di stilare una lista dei top 5 editi Giuntina da mettere subito in valigia per farvi accompagnare dovunque andrete, e viaggiare doppiamente attraverso mille storie diverse. Storie familiari, autobiografie, romanzi, dalla narrativa israeliana contemporanea a quella yiddish: un coro di voci che ci raccontano di un ebraismo variopinto da angolature diverse. Un affresco vivido di come la letteratura ebraica vada esprimendosi in maniera diversa. Cinque libri per soddisfare i gusti di tutti. Leggere per credere!



UGEI

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono.


Contattaci