Società e politica

Consiglio UGEIUGEI11 Novembre 2020
corbynshhh.jpg

1min211

di David Fiorentini 

 

C’è razzismo in tutte le fazioni della politica, e deve essere condannato ogni volta che lo si trova. La storia ha costretto la nostra comunità ad essere capace di cogliere gli estremismi non appena vengono a galla – e l’elezione di Jeremy Corbyn a leader del partito Laburista nel 2015 ne è un chiaro esempio.” Così esordì in prima pagina il Jewish Chronicle, il principale giornale ebraico inglese, all’avvicinarsi delle elezioni generali del Regno Unito dello scorso dicembre. Un segnale chiaro e inequivocabile, che esprimeva un rifiuto di un leader politico senza precedenti: “Non-ebrei, se avete a cuore il futuro della comunità ebraica, non votate Corbyn.”


Consiglio UGEIUGEI9 Novembre 2020
Martin-Engelberg.jpg

1min219

di David Fiorentini

 

Riprendiamo, tradotta dall’inglese, un’intervista del Vicepresidente UGEI David Fiorentini pubblicata il 5 novembre dall’agenzia di stampa EJP (per l’originale cliccare qui).

Martin Engelberg è il primo ebreo eletto deputato nel parlamento austriaco. Membro del Partito Popolare Austriaco (OVP in tedesco), siede alla Camera dal 2017, dove è membro della commissione per gli affari esteri e portavoce per la cooperazione internazionale. Lunedì 2 novembre, 4 persone sono state uccise da un terrorista islamico che ha aperto il fuoco in 6 diversi punti di Vienna, di cui uno vicino alla Sinagoga Stadttempel, nel centro della capitale. 22 persone sono rimaste ferite, compreso uno degli agenti di polizia intervenuti sul posto. Gli attacchi sono stati rivendicati dall’ISIS.


Consiglio UGEIUGEI4 Novembre 2020
corona.jpg

1min141

di Dan Toaff 

 

Da giugno l’Italia è entrata nella cosiddetta Fase 2, ovvero quella in cui, passato il periodo di lockdown a cui gli italiani erano costretti a rimanere dall’11 marzo, si sarebbero dovute riprendere tutte quelle attività commerciali rimaste temporaneamente chiuse a causa dell’avanzata del COVID-19.

Quello che è successo dopo questa data, è stato un insieme di provvedimenti e decisioni prese dal governo che avrebbero dovuto consentire una ripresa economica e sociale, in relazione ad una tenuta della curva epidemiologica sotto la soglia di pericolo. Ovviamente, le semplici decisioni dell’establishment non sarebbero mai state sufficienti, se a ciò non sarebbe conseguito un senso di responsabilità e impegno da parte di tutti i cittadini.


Consiglio UGEIUGEI3 Novembre 2020
europa.jpeg

1min264

di David Fiorentini 

 

Sono passati circa 300 anni da quando le mura di Vienna furono cinte dalle truppe ottomane, pronte a varcare le porte d’Europa. L’esercito asburgico era ormai dato per spacciato, e dopo 3 mesi di assedio la capitale austriaca stava per capitolare quando, improvvisamente, avvenne un miracolo: giunsero i vigorosi rinforzi capitanati dal valoroso Jan Sobieski, Re di Polonia, che in nome dei sacri valori occidentali soccorse i soldati viennesi, evitando la caduta di uno dei principali baluardi del continente. Una battaglia passata alla storia, che ha immortalato Sobieski nella memoria collettiva, poiché riuscì ad arginare la prepotente ascesa ottomana e a salvare la civiltà occidentale.


Consiglio UGEIUGEI2 Novembre 2020
iran-1280x870.jpg

1min263

di Gavriel Hannuna

 

Circa 2750 anni fa, gli ebrei del regno d’Israele vennero deportati dagli Assiri e dai Babilonesi. Questo terribile evento fu l’inizio di una delle più grandi comunità ebraiche al mondo: quella persiana.

Nell’ultima serie tv israeliana Tehran, una spy story ambientata tra Israele e Iran, ci sono poche tracce di questa comunità. Si vedono immigrati iraniani in Israele e la zia della protagonista, convertita all’Islam, con una famiglia fanatica del regime iraniano. Oltre agli agenti del Mossad, questi sono gli unici ebrei persiani che vengono rappresentati, ed è quindi una sorpresa andare a scoprire che la comunità ebraica di Teheran esiste ancora: conta più di 8000 persone, facendone la più grande comunità mediorientale al di fuori d’Israele. La storia di questa comunità è lunga e complicata, e ci mostra quanto sia cambiata la società iraniana nell’ultimo secolo.