Hatikwà

Consiglio UGEIConsiglio UGEI17 febbraio 2014
Hatikwà-scrausa-500x378.jpg

3min159

hATIKWà 1978

Da qualche anno Hatikwà consiste in una pagina all’interno del mensile ebraico Pagine Ebraiche. Questo spazio ci è stato concesso dall’UCEI e dalla direzione del giornale, a cui vanno i nostri ringraziamenti. In questo modo tutti possono sapere quali sono stati gli ultimi eventi e le ultime attività UGEI.

Qualche giorno fa mi è capitata in mano una copia ingiallita di un vecchio Hatikwà, datata Novembre- Dicembre 1978. I titoli degli articoli erano quelli di un giornale molto impegnato politicamente e culturalmente: da articoli sulle prospettive di pace o sulla Shoah a commenti su artisti come Chagall e scrittori come Singer.

La prima cosa che ho notato, però,  è stata la scritta in alto: “Questo giornale è aperto al libero confronto delle idee, ogni opinione merita di essere rispettata”.  E’ questo il principio da cui vorrei ripartire quest’anno. Negli anni, Hatikwà è cambiato ma ha resistito al cambio radicale dell’organizzazione da FGEI a UGEI, ed il motto è ancora lì. Va detto però che con il passare del tempo sono sorte nuove necessità: innanzitutto quella di coinvolgere più giovani ebrei possibile, dando spazio a tutti quelli che vogliono scrivere e trattando degli argomenti più disparati.  Un’altra è a mio parere è il bisogno di essere “al passo coi tempi”, con la possibilità di pubblicare su internet gli articoli del giornale. Da questo punto di vista un giornale online è uno strumento straordinario perché permette di pubblicare articoli senza vincoli di tempo e di spazio, e con la possibilità di parlare anche di notizie di stretta attualità. Per questi motivi abbiamo deciso di creare una redazione che possa pubblicare online sul sito www.ugei.it., nella pagina dedicata ad Hatikwà, che verrà aggiornata in modo da poter accogliere questi contributi. Per entrare a far parte della redazione scrivete a hatikva@ugei.it, e sarete presto ricontattati.

Gabriele Fiorentino (Responsabile Hatikwà)

Questo editoriale è stato pubblicato nel numero di febbraio di Hatikwà


Consiglio UGEIConsiglio UGEI13 febbraio 2014
Consiglio-copertina-500x391.jpg

2min153

ugei-roma

Forconi, blocchi, violenze e scontri. Si fatica, a memoria d’uomo, a ricordare un mese di dicembre tanto turbolento nel nostro Paese. La speranza, naturalmente, è che al tempo in cui leggerete queste poche righe quelle giornate siano alle spalle, le vie delle nostre città di nuovo sgombre ed i negozianti liberi di condurre le proprie attività. Guai, tuttavia, a sottovalutare l’allarme suscitato da quelle manifestazioni, segnate da continue piccole e grandi violenze nei confronti di commercianti, automobilisti, semplici passanti, ed anche – impossibile ignorarlo – da pulsioni razziste e neofasciste neppure troppo velate. Che fare di fronte al pericolo che gruppi e frange estreme che propugnano farneticanti idee reazionarie si rafforzino nella società e in particolare fra i nostri coetanei di fronte alle difficile prospettive sociali? A contenere le violenze e sanzionare i soprusi sono deputate, naturalmente – ci auguriamo nel modo più efficace possibile – forze dell’ordine e magistratura. Esaurita la spinta delle manifestazioni, tuttavia, a noi resta il compito di combattere a fondo ogni avanzata di pulsioni xenofobe, razziste, antisemite. A cominciare dal dialogo con chi ci sta attorno, naturalmente, e dal lavoro quotidiano nelle scuole, nelle università, nei luoghi di lavoro. Ed è proprio sulla formazione al dialogo, alla conoscenza reciproca e al riconoscimento delle differenze come miglior strategia di “prevenzione dei pregiudizi” che vorremmo impostare l’azione politico-culturale promossa dall’UGEI in questo nuovo anno, proprio a cominciare dal mondo della scuola. Insieme a tutti voi, naturalmente. Scriveteci, se volete, le vostre idee in proposito a info@ugei.it. Buon 2014 a tutti voi.

Simone Disegni (Presidente UGEI)

Questo editoriale è stato pubblicato nel numero di gennaio di Hatikwà


Consiglio UGEIConsiglio UGEI13 dicembre 2013

2min129
Non è accettabile che un leader di un movimento di protesta faccia appello a stereotipi di chiaro stampo antisemita al fine di muovere e infervorare le piazze. L’Italia – afferma il Presidente dell’Unione Giovani Ebrei d’Italia, Alessandra Ortona – come molti altri paesi, vive un periodo storico difficile in cui tutti i cittadini, di ogni credo, si ritrovano a dover fare i conti con un futuro che appare senza più certezze. Nel nostro paese – continua Ortona –  non deve più esserci spazio per affermazioni deliranti richiamanti al “banchiere ebreo” come capro espiatorio per la crisi economica. Vorremmo far notare al signor Zunino che gli ebrei, in Italia da 2000 anni, hanno praticato le più varie professioni a seconda del periodo storico e che vi sono ebrei più o meno benestanti, esattamente come per il resto della popolazione. Il signor Zunino – continua Ortona – farebbe meglio a studiare la storia così da prendere coscienza delle conseguenze a cui hanno portato in passato le insinuazioni da lui usate. Non possiamo accettare – conclude Ortona – come giovani italiani ed ebrei – che a 70 anni dalla Shoah, vi siano ancora persone che approfittano di ogni crisi e protesta per trasmettere e diffondere odio nei confronti degli ebrei.
La Segreteria UGEI

Consiglio UGEIConsiglio UGEI19 novembre 2013

2min130

Alla cortese attenzione della produzione del programma televisivo Colorado,



Gentili Signori,


Abbiamo ritenuto necessario scrivere questa lettera in seguito alla puntata di Colorado andata in onda la sera del 18 novembre. Durante la sua esibizione con l’espressione poco rispettosa e inopportuna “Non fate i rabbini, svuotate le tasche”, il comico Alessandro Bianchi ha offeso la nostra sensibilità. 


Siamo purtroppo consapevoli che non si trattasse solamente di una semplice battuta, ma di uno dei più antichi stereotipi antisemiti. E’ nostro dovere, in questo caso, condannare l’accaduto affinché passi il messaggio che la televisione non può sdoganare l’antisemitismo, nemmeno in forma ironica come accaduto ieri sera.


Auspichiamo dunque che passi falsi come questo non si ripetano più in futuro e che la produzione del programma prenda coscienza dell’errore commesso e ponga d’ora in poi maggiore attenzione in tal senso, considerando oltretutto che l’abituale pubblico della trasmissione è costituito in particolare da giovani, per i quali oggi la televisione è divenuta un mezzo educativo.


Cordialmente,


Alessandra Ortona

Presidente UGEI – Unione Giovani Ebrei d’Italia