Hatikwà

Consiglio UGEIConsiglio UGEI9 marzo 2014
Rue-de-Rosiers-500x375.jpg

3min181
Rue de Rosiers
Street art a Rue de Rosiers, nel quartiere del Marais

Due settimane fa passeggiavo per le strade di Parigi, città che amo e dove ho trascorso un anno meraviglioso da studentessa erasmus, per poter approfondire un percorso di studi ebraici. Lì infatti esistono davvero: si può scegliere tra una media di venti corsi diversi, dallo yiddish alla psicoanalisi applicata alla Torah. Oltre ad essere una possibilità reale gli studi ebraici sono un terreno d’incontro con l’altro per eccellenza: l’arabo, l’islamico. Ricercatori e professori di ebraistica lavorano fianco a

fianco con raffinati arabisti, collaborano, scoprendosi sempre più vicini.

Tra le mura delle università parigine la lingua ebraica rinasce, perché la si usa per fare lezione di filosofia, e non solo per pregare. Sì, perché lì che tu sappia l’ebraico non è una peculiarità esotica legata al tuo essere ebreo, è il requisito di base perché tu possa seguire alcuni corsi universitari. Dalle aule della scuola ebraica di Milano, dove ho scoperto la passione per l’ebraismo, sono
approdata prima a Bologna, dove questa si è sedimentata e ha preso una forma, e poi a Parigi, dove c’è stata la grande scoperta: il falafel migliore del mondo ha la r moscia. Lì la sera si sceglie se andare a fare l’aperitivo nel quartiere latino o nel Marais, in locali kasher che però non hanno l’aria dimessa e la barba lunga, ma sono popolati da camerieri hipster e da ragazzi “qualunquemente” affamati.

I baracchini di falafel sono ad ogni angolo, e a fare la fila per potersi sbrodolare un cartoccio di melanzane fritte addosso ci sono ultra-ortodossi col cappello nero e ragazze in leggings e mocassini appena uscite da uno degli innumerevoli negozi di usato, che però lì chissà come diventano veramente vintage.

Questo è l’ebraismo che sogno io, quello che m’invita in una deliziosa bakery a comprare dolcetti kasher da portare a una cena da amici non kasher nel weekend.

Rachele Jesurum

Foto di Gabriele Fiorentino


Consiglio UGEIConsiglio UGEI6 marzo 2014
Governo-Renzi-500x330.jpg

6min141

Governo Renzi

Lo scorso 22 febbraio il governo Renzi si è insediato a Palazzo Chigi.

Il nuovo esecutivo si presenta come un governo asciutto, giovane, di rappresentanza. E’ composto solo da 16 ministri, un numero piuttosto basso rispetto alla media dei precedenti consigli. E’ un governo di giovani con un’età media di 47 anni. Inoltre rappresenta la parità dei sessi: per la prima volta in assoluto metà del governo è formato da donne.

Renzi stesso, 39 anni, è il premier più giovane della storia repubblicana. La presenza dei giovani all’interno del suo governo non deve stupire visto che il leader del PD si è sempre espresso in favore del ricambio generazionale.

L’attuale Presidente del Consiglio, inoltre, non è solo giovane da un punto di vista anagrafico ma anche il suo modo di fare politica è “da giovane”: si è stancato di parlare in modo ambiguo e vuole creare un dialogo aperto e pulito con gli italiani.

Egli ha condotto numerose battaglie per ridurre i costi della politica: si pensi a quella per l’eliminazione delle due camere, l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, l’elezione diretta dei politici da parte dei cittadini.

Nonostante ciò, le sue posizioni politiche sono state spesso criticare da alcuni membri del suo partito perché considerate non “di sinistra” e influenzate dalla politica berlusconiana. Per esempio, la sua proposta di sostituire l’attuale legge elettorale, il cosiddetto “Porcellum” con l’“Italicum”, un sistema a collegi plurinominali con eventuale doppio turno e premio di maggioranza, è stata oggetto di forti polemiche.

A poche settimane dal suo insediamento, il nuovo governo è già fortemente criticato.  In un’Italia dove i giovani sono costretti ad andare all’estero per trovare lavoro, in questo paese di vecchi, dove ci si sente giovani fino a 50 anni e vecchi solo dopo aver passato gli 85, è stato varato un governo di giovani. Questa è una scelta che può sembrare azzardata ma che permette anche un margine di speranza, cambiamento e svecchiamento di cui l’Italia ha bisogno più che mai in questo momento.

Spostandoci in un altro continente, anche in Israele stanno emergendo alcuni giovani leader. In particolare ci si chiede chi potrà sostituire l’attuale premier Benjamin Netanyahu alla guida del governo israeliano.

Chi sono quindi i giovani leader politici in Israele?

Danny Danon, 42 anni, membro del Likud. Nell’introduzione del suo libro, “Israel, the Will to Prevail”, scrive: “Rappresento una nuova generazione di leader che vedono Israele intraprendere un nuovo e differente percorso rispetto agli ultimi decenni.” Nelle varie interviste che ha rilasciato ha dichiarato più volte: “Vi presento un nuovo approccio di una giovane generazione di israeliani che non hanno paura di dire quello che pensano e di parlare dei diritti derivanti dalla Bibbia.” Le sue affermazioni riflettono il pensiero di Netanyahu. Danon è un leader della giovane generazione del Likud, il partito che è attualmente al potere in Israele e lavora nel Ministero della Difesa.

Gideon Saar, 47 anni, altro membro del Likud, attualmente ricopre l’incarico di Ministro della Pubblica Istruzione. Ha ricevuto il maggior numero dei voti alle primarie del Likud del 2012. E’ considerato uno degli alleati più vicini al Primo Ministro.

Il milionario Naftali Bennett, 41 anni, promotore delle Start Up. Dopo aver fondato e diretto a New York una società di software che cerca di prevenire le frodi, è tornato in Israele per occuparsi di politica ed è entrato a far parte del partito politico di destra Abait Ayehudì. Egli ricopre attualmente la carica di Ministro dell’Economia, dei Servizi Religiosi, degli Affari interni a Gerusalemme e di quelli Internazionali.

Gilad Erdan, 43 anni, Ministro dell’Ambiente e presidente del movimento giovanile del Likud. Membro del Parlamento da 10 anni, è stato consigliere di Sharon e successivamente di Netanyahu.

Il governo Renzi e quello Netanyahu si differenziano per gli schieramenti politici, ma hanno in comune la presenza di giovani all’interno dei loro ministeri.

Proprio perché giovani, la speranza è che i ministri italiani e israeliani possano prestare maggiore attenzione ai problemi della gioventù di oggi: primo tra tutti quello dell’occupazione.

 Michela Di Nola


Consiglio UGEIConsiglio UGEI4 marzo 2014
Dona-Gracia-Nasi.jpg

11min243

Dona Gracia NasiFar dialogare due storie appartenenti ad epoche e mondi diversi tra loro talvolta può rivelarsi un esperimento interessante, poiché, come vedremo, ci sono storie legate da un senso nascosto dietro ai singoli episodi narrati.

Cosa possono avere in comune allora la festa di Purim e Donna Gracia Nasi?

Cosa hanno in comune una regina ebrea persiana e un’illustre marrana del Cinquecento?

È ormai accertato dalle ricerche storiche dedicate al fenomeno del marranesimo – si prenda a riferimento Cecil Roth, Storia dei marrani, Genova, Casa Editrice Marietti, 2003 – che gli ebrei marrani nel primissimo periodo dell’Inquisizione conservavano ancora una certa conoscenza della lingua ebraica, possedevano libri ebraici, osservavano lo Shabbat, come anche le norme alimentari, e tentavano di mantenere aperte delle sinagoghe private dove ex rabbini officiavano le cerimonie. Con il perire dei padri e di quelli che avevano conosciuto per esperienza diretta l’ebraismo, andavano crescendo nuove generazioni non più in grado di mantenere viva l’osservanza delle tradizionali regole, sempre più difficili da reperire: era stato allentato il legame con la tradizione scritta, con le regole ufficiali e iniziò invece una sorta di “ebraismo dei marrani”, di cui, fino a poco tempo fa, era possibile ancora rintracciare qualche testimonianza nei luoghi che furono ininterrottamente teatro di queste particolari usi, prime fra tutte alcune piccole località del nord del Portogallo.

Alcune consuetudini rimasero più forti di altre e alcune tendenze possono suggerire quale fosse la nascente tradizione marrana. Nota Cecil Roth, grande e celebre studioso del marranesimo, che la dottrina del marrano era in realtà qualcosa di molto semplice e riassumibile in una sola frase, costantemente ripetuta nei verbali dell’Inquisizione, che dimostra come la fede ebraica resistesse con ostinazione, seppur all’interno di un contesto teologico cattolico: “La salvezza era possibile attraverso la Legge di Mosè e non attraverso la Legge di Cristo”. Questa frase, testimoniata dalle carte dei processi, rivela uno spirito assai lontano dalla concezione ebraica e assai vicino, invece, ad un’impostazione tutta incentrata sul concetto di salvezza, tipica del cristianesimo. In poche parole, i marrani, pur perseverando nella preservazione del loro patrimonio culturale e religioso, si fecero influenzare dalla religione che gli veniva imposta con la forza. Addirittura sembra che fossero nati dei santi, sul modello di quelli cristiani. Vittime dell’Inquisizione o personaggi illustri della storia del popolo d’Israele si erano guadagnati questo bizzarro titolo.

Accanto ad altri compare sulla scena “Santa Ester”. Allora sembra ancor più significativa l’associazione tra la regina Ester e la più importante figura del marranesimo portoghese, Donna Gracia, dell’antico casato dei Nasi. Basta indagare ancora un po’ più a fondo la religione a cui i marrani diedero vita, per comprendere meglio quale fosse il legame che stringeva queste due donne. I marrani, come detto prima, avevano rielaborato, in una cornice sincretistica, i punti fondamentali di parte della tradizione giudaica. Ester e la sua storia senza dubbio rientrano in quelle ricorrenze, la cui memoria venne coltivata con devozione tale che il digiuno di Ester, che precede la festa di Purim, non solo era avvertito come importante, ma veniva osservato con la stessa solennità riservata al digiuno di Kippur.

Perché scegliere proprio la figura biblica di Ester, a fronte di tante altre ben più visibili?

E come mai – come narra la testimonianza di una giovane –  la preghiera a lei attribuita era ripetuta talmente tante volte, al punto da saperla recitare, al rovescio, ossia dall’ultima parola alla prima?

La risposta abita nel significato del nome di Ester, che vuol dire “io mi nasconderò”.

Ester era l’eroina che aveva celato la sua identità persino al suo stesso marito, mantenendo però vivo dentro di sé il senso di appartenenza al popolo ebraico: più di ogni altro personaggio si prestava a dominare l’immaginario marrano, offrendo agli ebrei costretti al silenzio e alla dissimulazione di sé, un esempio, pressoché identico, di sofferenza.

Anche Gracia Nasi, il cui nome per il resto della società era Beatriz de Luna, passò la sua intera vita a nascondersi, divisa tra molteplici identità. Gracia apparteneva alla prima generazione di marrani e, pur professandosi cristiana e vivendo come tale, fu educata all’ebraismo in casa e tentò di trasmettere la stessa educazione alla figlia. Rimasta vedova del marito Francisco Mendes, tra gli uomini più influenti del Portogallo, trascorse la sua vita in uno stato di perenne emergenza e di  eccezionalità e non si tirò indietro dall’amministrare i preziosi beni ereditati dal marito, intuendone sin da subito il valore e il ruolo che avrebbero svolto nella battaglia per la libertà sua e del suo popolo. Difatti, una volta arrivata a Costantinopoli si impegnò a offrire aiuto e sostegno ai correligionari in difficoltà, servendosi della sua posizione prestigiosa presso le autorità turche. Perseguì la causa del popolo ebraico sino al punto di guadagnarsi l’epiteto di Señora. A Costantinopoli, Gracia era tornata ad esercitare la propria libertà religiosa, e non solo: fondò una scuola talmudica e rabbinica che divenne molto famosa e ne impiantò un’altra a Salonicco  per lo studio della letteratura rabbinica. Anno dopo anno il numero dei marrani che salpava alla volta di Costantinopoli cresceva e secondo un registro dei sottoposti alle tasse dell’anno 1553, si ricava che gli ebrei, senza contare donne e bambini, fossero quindicimila e i cristiani meno di settemila. Si stava creando una sorta di microcosmo di ebraismo internazionale che, in caso di bisogno, poteva attivarsi a sostegno dei correligionari dei diversi paesi. Era realizzato, oramai, quel progetto che Gracia aveva rincorso nella sua vita e nelle sue peregrinazioni, quando si era spesa nella tutela dei marrani organizzando “offensive” economiche, boicottaggi e altre mosse politiche contro quelle città che non si dimostravano tolleranti nei confronti dei marrani. Anche questo elemento sembra essere legato da un filo rosso con la vicenda di Ester, che salvò dallo sterminio il suo popolo.

Ester e Gracia però prima ancora di avere in comune l’essere in bilico tra due identità e l’aver beneficiato i propri correligionari, condividono l’identità di donne.

Finora solo i women’s studies, e in particolare la storia delle donne, si sono occupati di studiare Gracia Nasi alla luce della sua identità di genere, intuendo che la figura di una donna merita di essere studiata con una specificità di metodo. Le storiche e gli storici che hanno dato avvio a questi studi, consci della tendenza di fare la storia seguendo esclusivamente gli eventi delle grandi nazioni e dei grandi uomini, si sono dimostrati attenti a comprendere quale fosse invece il posto della donna nella società, la sua condizione, il ruolo e il potere esercitato, e a tratteggiare un discorso sul soggetto femminile in sé per sé per riuscire finalmente a farlo emergere, a riscattarlo dal silenzio e dall’oblio.

Così è stato possibile scoprire che durante le persecuzioni degli ebrei del Portogallo, una donna più di altri riusciva a lottare contro chi voleva cancellare la sua identità; così è stato riconsegnato alla Storia il ricordo di un’astuta resistenza portata avanti con grande forza e tenace coraggio. Infine, così è stato scoperto che nelle comunità dei marrani aveva attratto molta attenzione la figura di Ester.

Viene allora spontaneo, a questo punto, notare il curioso ricorrere dell’elemento femminile in questa vicenda.

Esiste una segreta corrispondenza tra l’esser donne e l’esser marrane? Forse sì, e merita di essere studiata e approfondita, in altra sede, con strumenti adeguati. In ogni caso, sembra interessante constatare come il binomio donna-marrana riunisca al suo interno una duplice alterità, in virtù della quale la donna che viveva il marranesimo mostrava di possedere una maggiore familiarità, rispetto all’uomo, con l’esercizio di silenzio che era richiesto a coloro che volevano continuare le tradizioni ebraiche. La donna sapeva concepire l’idea del farsi da parte, di essere un soggetto marginale, di coltivare dei desideri esclusivamente nella propria interiorità, del vivere in una dimensione privata e mai pubblica, di “scomparire” dalla storia ufficiale dei grandi eventi. Ma scomparire non vuol dire necessariamente dissolversi nel nulla. E Donna Gracia Nasi ne è l’esempio.

Gaia Litrico


Consiglio UGEIConsiglio UGEI21 febbraio 2014
Gandalf2.jpg

7min656

Gandalf cannaIl 12 febbraio scorso la Corte Costituzionale ha abrogato la legge Fini-Giovanardi che dal 2005 ha regolato l’uso delle sostanze stupefacenti. Tornerà quindi in vigore la precedente normativa “Iervolino- Vassalli” che differenzia le sostanze tra droghe “leggere” e “pesanti” e antepone sanzioni amministrative prima che giudiziarie. Con le motivazioni della sentenza non ancora depositate, è ancora presto per dire cosa accadrà nella pratica in Italia, soprattutto per i detenuti finiti in prigione per reati di droga, ma in generale si prevede un allentamento delle pene, mentre non si prospettano novità per l’uso della cannabis a scopo terapeutico, attualmente consentita solo ed esclusivamente ai malati di sclerosi multipla.

E in Israele? Dietro ad una legislazione apparentemente rigida si nascondono falle nel sistema di prevenzione e repressione che hanno portato ad un aumento del traffico e del consumo di droghe.

In Israele la legislazione non distingue tra droghe più o meno pesanti. Solo la prima volta che si viene colti in possesso per uso personale (le quantità considerate tali vanno dai 0,3g per la cocaina ai 15g per la marijuana) non si viene perseguiti, ma dalla seconda scattano le sanzioni – prevalentemente amministrative. Per quanto riguarda invece la produzione, il traffico e lo spaccio, le pene comportano detenzione dai 3 ai 25 anni e sanzioni pecuniarie. Israele è infatti un importante crocevia per il traffico internazionale di stupefacienti, soprattutto dall’Africa all’Europa attraverso il Libano e l’Egitto.

Seconda considerazione è che Israele è in realtà molto tollerante per quanto riguarda l’uso della Cannabis in ambito terapeutico, tanto che è il primo paese al mondo in questo senso per percentuale di abitanti che ne fanno uso (attualmente 11.000 pazienti e in crescita ogni anno), utilizzata non solo dai malati di cancro e sclerosi multipla, è molto diffusa anche tra i veterani di guerra colpiti da Disturbo Post-Traumatico da Stress. Anche se attualmente sono solo una ventina i medici autorizzati a prescrivere la cannabis, è stato recentemente presentato un disegno di legge che allarghi questa facoltà a tutti i medici di famiglia.  Ma l’effettivo ottenimento della sostanza non è così semplice: recentemente l’Ospedale Shiba, il principale centro per la cura del dolore in Israele, ha smesso di accettare nuovi pazienti – migliaia ogni anno – per questioni burocratiche legate ad una mancanza di chiarezza nelle norme relative alla somministrazione di cannabis da parte del Ministero della Salute. Questa presa di posizione riflette l’atteggiamento dell’Associazione Medici Israeliani che si oppone fermamente non solo alla legalizzazione della cannabis, ma anche al suo uso terapeutico, e che recentemente ha scritto al Ministro della Salute Yael Bergman, dichiarando che non si tratta di una medicina, che non sono stati ancora stabiliti standard chiari riguardo ai dosaggi da utilizzare ed esprimendo preoccupazione per gli effetti a lungo termine.

Dal 1999 in Israele è anche attivo un partito politico il cui scopo principale è proprio la legalizzazione della cannabis, della marijuana e dell’hashish: Ale Yarok – La foglia verde, che però non è mai riuscito a superare la soglia di sbarramento e ad entrare in parlamento.

Eppure sono almeno due i siti internet attivi che promettono di acquistare marijuana on-line e di riceverla direttamente a casa. In uno dei due casi si paga l’equivalente in Bitcoin di 100 Shekel (circa 20 Euro) al grammo. Nel secondo si tratta di una pagina Facebook che conta oltre quindicimila “like” e che richiede invece un’offerta libera per il sostegno alla liberalizzazione. In cambio si riceve una dose.

Secondo i dati, il 9% degli israeliani fa regolare uso di marijuana – una percentuale minore rispetto ad altri paesi occidentali dove la cifra si aggira di media intorno al 12%. Per quanto riguarda la cocaina, invece, l’Autorità Anti-Droga riporta che il numero dei consumatori è raddoppiato tra il 2005 e il 2009, con l’1% degli israeliani tra i 18 e i 40 anni coinvolti.

Un nuovo e inquietante fenomeno sono infine le decine di chioschi che vendono cannabinoidi sintetici molto simili alle anfetamine e che sono spuntati come funghi negli ultimi 2-3 anni nel centro di Tel Aviv. Noti come “negozi di incenso”, si tratta di stanzini di pochi metri quadri – più che altro grossi sgabuzzini – arredati solo con un paio di mensole dove vengono esposti questi sostituti della marijuana e le cartine. La polizia al massimo può far chiudere il negozio per qualche giorno per sospetto di vendita di sostanze illegali, ma non esiste una regolamentazione in merito a questi prodotti, che tra gli effetti collaterali danno anche nausea e allucinazioni, oltre ad assuefazione.

Questi fatti, le falle burocratiche della legislazione e quelle del sistema di repressione, fanno sembrare la lotta contro le droghe in Israele sempre più lontana da vincere per lo Stato. La strada è lunga.  Sarà necessario revisionare una legislazione approvata ormai quarant’anni fa, allargandola ai nuovi fenomeni, trovando modi per farla applicare in maniera effettiva incrementando il potere della polizia in questo senso e chiarire le norme sull’uso della cannabis terapeutica.

Alessia Di Consiglio

Foto di Daniele Di Nepi
www.danieledinepi.com


Consiglio UGEIConsiglio UGEI19 febbraio 2014
Montpellier-copertina-500x333.jpg

5min123

Montpellier

Sempre devi avere in mente Itaca-

raggiungerla sia il pensiero costante.

Soprattutto, non affrettare il viaggio;

fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio

metta piede sull’isola, tu, ricco,

dei tesori accumulati per strada senza aspettarti ricchezze da Itaca.

Itaca ti ha dato il bel viaggio,

senza di lei mai ti saresti messo

sulla strada: che cos’altro ti aspetti?

(Kostantinos Kavafis)

Partire, prendere un aereo, un treno, preparare i bagagli, raccogliere la vita che ti stai temporaneamente lasciando alle spalle e chiuderla in una valigia. 23 kg niente di più, a meno che non si voglia pagare un sovraprezzo. Spesso nella vita siamo bloccati in un check-in immaginario ricreato  nella nostra mente, alla ricerca del coraggio di farla quell’esperienza. Abbiamo paura di intraprendere quel viaggio, ma dopo il primo passo sappiamo già che non saremo noi a farlo. Sono i viaggi che ci danno forma, ci cambiano irreversibilmente.

Così succede che ti ritrovi in Erasmus, programma di mobilità tra atenei europei, ti ritrovi a Montpellier, piccola bomboniera del sud della Francia la cui essenza dinamica si racchiude tutta nella sua piazza principale, Place de la Comédie. Cittadina universitaria, colorata, multietnica, animata costantemente dal chiasso di studenti festaioli. Succede che ottieni tutto ciò che stavi cercando e anche qualcosina di più.

Succede anche che lungo la strada che tutte le mattine percorri in bici per andare da casa all’università ci sia un palazzo che ha una Mezuzà sullo stipite e un Maghen David  intagliato nella porta. Succede che per quanto le tue intenzioni non fossero proprio quelle di frequentarla quella piccola comunità di 3000 persone circa, che sapevi esistere, un venerdì di novembre in cui la nostalgia di uno shabbat con la famiglia è più forte delle altre, decidi di varcarla quella porta. Accade poi che una signora che ti ha scrutato curiosamente per tutta la funzione, ti rincorra per le scale per invitarti a cena con lei e la sua famiglia. E tra quelle mura sconosciute, con persone la cui lingua parli appena, nonostante tutto riesci a sentirti a casa: saranno le candele che si stanno consumando, il papà che fa il Kiddush o il bimbo che taglia a pezzettini la challà.

Capita ancora che una sera in cui stai uscendo dalla biblioteca, vedi su Place della Comedie una strana folla che distribuisce sufganiot intorno ad una Chanukkìà che sta per essere accesa dal sindaco della città, e pèr un secondo ti senti a Roma, a Piazza Barberini. Quella stessa sera vieni trascinata ad una festa al bowling per giovani, e la trascorri cantando Ma’oz Tzur tra uno strike e uno spare (degli altri ovviamente).

E quando infine ti ritrovi ad organizzare cene di Shabbat con altri 5 0 6 studenti fuorisede, hai la consapevolezza che no forse, dopo anni di B.A., UGEI, UGN, non cercavi una vita ebraica, ma lei ha sicuramente trovato te. E se ne sei anche felice, se senti quel brividino lungo la schiena, e gli occhi ti diventano lucidi mentre ripensi a questi momenti, allora sei certo che i viaggi possono cambiare tante cose, ma non possono smuovere la tua identità, non possono rimuovere le tue radici quando queste sono ben impiantate nella terra.

Sara Astrologo