Hatikwà

Consiglio UGEIConsiglio UGEI16 Ottobre 2018
ecjc.gif

4min533

A Stoccolma tra il 7 e il 9 ottobre si è tenuto l’EU Funding Seminar promosso da Paideia, Moishe House, EJF e soprattutto European Council of Jewish Communities (ECJC). Grazie al progetto Chance2work, promosso dall’Ugei, ho avuto la fortuna di partecipare a questo interessantissimo seminario che spiegava come chiedere fondi all’Europa per vari tipi di progetti, sono tornato entusiasta e mi è stato richiesto un articolo al riguardo. Ho pensato effettivamente molto poco a che taglio dare a questo report perché avevo da subito le idee molto chiare. Non parlerò affatto dei contenuti del seminario bensì delle persone che vi hanno partecipato. Eravamo una quindicina, di età compresa tra i 24 e i 70, c’erano anche non ebrei e per fortuna tanti uomini quante donne, ma un solo italiano (io) e nessuno della comunità più grande che è quella francese (e questo è indicativo). L’unica condizione per partecipare era occuparsi di qualche organizzazione ebraica, istituzionale o no, a qualunque livello.

La cosa che mi ha colpito è quanto queste persone tengano all’ebraismo, non come religione ma come comunità, come insieme di individui, ed erano lì per questo motivo: aiutare e fare la propria parte, vogliono sinceramente aiutare gli ebrei di tutta Europa, e si sono messi in gioco in prima persona. Non è facile spiegare questo concetto ma ci proverò: in Italia e in Europa gli ebrei, che sono sempre molto attivi nelle comunità, non si rendono effettivamente conto della realtà che vivono, sono convinti che con quella piccola attività sociale e la partecipazione alla vita religiosa siano al sicuro e permettano di garantire ai propri figli un futuro ebraico. In realtà non è così, gli ebrei del Vecchio Continente combattono quotidianamente contro una feroce crisi demografica, tra assimilazione e aliyà, nonché con un antisemitismo (spesso fomentato dall’antisionismo) sempre più violento. Le persone che hanno partecipato a quel seminario combattono i mulini a vento, credono in un futuro  concreto e lottano per quello chiedendo aiuto alle istituzioni europee. Questo comporta una necessaria apertura e una presa di coscienza di quel che vuol dire essere una minoranza  che si restringe in maniera costante.

Alle critiche a questo discorso metto subito dei paletti affermando di essere ben conscio che ho fatto una generalizzazione estrema ma mi auguro fortemente di riuscire a far pensare chi mi leggerà e a incentivare una maggiore partecipazione alle attività internazionali perché il punto è proprio questo. Bisogna guardare oltre al proprio giardino e coordinarsi tra tutti i paesi , ampliare il nostro network. Solo se intraprendiamo questo percorso i corsi di formazione come quello che ho seguito a Stoccolma saranno la normalità e il risultato sarà un ebraismo più forte e più presente in Europa,  e questo può portare solo del bene a tutti noi.

Daniele Saroglia


Consiglio UGEIConsiglio UGEI14 Ottobre 2018
pain_1522073323-1280x853.jpg

4min940

Da alcuni anni mi capita spesso, partecipando a riunioni, congressi e assemblee in ambito ebraico, di nutrire un sospetto. L’argomento più ricorrente in queste occasioni è facilmente identificabile: come favorire una maggiore partecipazione a attività ed eventi proposti. Fin qui, niente di strano, è anzi doveroso porsi la questione di come cercare un maggiore coinvolgimento, anche se non di rado le ottime intenzioni si scontrano con incapacità di fatto a mettere davvero in discussione certe priorità e convincimenti personali. Ma fino a qui, ripeto, nessuna sorpresa. Quello che mi stupisce è invece che alcune persone molto presenti nella vita e nella gestione delle comunità ebraiche, che si ritrovano regolarmente in simili consessi, diano per assodato che agli ebrei che definiscono “lontani” interessi poco o nulla della propria identità ebraica.

Tanto per cominciare, la vicinanza e la distanza esprimono relazioni e non stati fissi. Si tratta poi di una relazione reciproca: se B è lontano da A, anche A è lontano da B. Inoltre e soprattutto, chi mette in un unico mazzo tutti gli ebrei che non frequentano con regolarità quotidiana o settimanale o mensile la comunità, perde le infinite sfumature con cui l’appartenenza ebraica di ciascuno si esprime. E’ evidente che esista una sete di ebraismo e perfino di comunità spesso anche tra i frequentatori sporadici e “lontani”.

Declinato in mille modi – anche estremamente personali, perciò discutibili – è un ebraismo che va oltre lo stringente criterio adottato in Italia per regolare la possibilità di iscriversi a una comunità. Mi vengono in mente i mille modi diversi che hanno le persone che conosco di rispettare l’astensione da prodotti lievitati durante la festa di Pesach, certamente uno tra i momenti identitari più sentiti dagli ebrei. C’è chi opera una pulizia certosina pianificata mesi prima dell’inizio della festa e chi porta in cantina i pacchetti di pasta, chi lascia la farina in cucina ma la rinchiude in uno stipo e evita di consumarla e chi mangia prodotti lievitati ma solo fuori casa, oppure rinuncia a qualcosa dal valore altamente simbolico, per esempio la pasta o il pane, ma non a tutto. Ci sono quelli che sterilizzano le stoviglie e quelli che per otto giorni consumano patate bollite in un angolo dell’appartamento dopo aver ripulito ogni centimetro della casa o venduto simbolicamente ogni proprietà per non rischiare di trovarsi in possesso di chametz (o anche entrambe le cose insieme: pulizia e vendita). Alcuni solo per questa settimana osservano norme di casherut trascurate durante il resto dell’anno, altri nel timore di lasciare qualche briciola oppure per mancanza di informazione adeguata estendono il divieto del chametz alla polvere, altri ancora se ne infischiano però al seder delle prime due sere partecipano, e una volta ho conosciuto perfino un israeliano che, a Pesach, raccontava di mangiare con gusto pane e porchetta.

Dal punto di vista ebraico questi comportamenti non sono ovviamente tutti equivalenti. Credo però che quello di Pesach sia un caso significativo che disegna una realtà molto più complessa di quella che talvolta supponiamo, una costellazione di usi, abitudini, convinzioni e atteggiamenti che sfugge a ogni tentativo di schematizzare rigidamente.

Giorgio Berruto


Consiglio UGEIConsiglio UGEI3 Ottobre 2018
Meis-facciata.jpg

3min907

A motivo di una collaborazione tra Ugei e Ucei, è stato lanciato il progetto chance2work. L’obiettivo è quello di formare e affiancare i giovani appartenenti alle comunità ebraiche italiane nel loro percorso di crescita professionale, guidandoli verso l’inserimento nel mondo del lavoro attraverso seminari e tirocini. Uno dei seminari previsti dal programma si è svolto all’interno di uno shabbaton nella magnifica città di Ferrara, dal 14 al 16 settembre. L’evento ha generato un’ottima opportunità sia per una crescita formativa individuale, sia per rafforzare le proprie radici e appartenenze, vivendo il momento in un contesto ebraico, soprattutto per quei giovani provenienti anche da comunità ebraiche più lontane da città come Milano e Roma laddove la vita ebraica offre molte più opportunità nel campo religioso, culturale e lavorativo.

All’interno del programma è stata inserita una visita del MEIS (museo nazionale dell’ebraismo italiano e della Shoah), dove abbiamo percorso la mostra intitolata: “Ebrei, una storia italiana. I primi mille anni”, che di fatto costituisce il primo segmento del percorso permanente del MEIS, comunica in modo originale l’unicità della storia dell’ebraismo italiano. Incantevoli ed emozionanti sono stati i momenti vissuti durante lo Shabbat trascorso in comunità, soprattutto grazie all’accoglienza e alla disponibilità dei membri comunitari, ma anche grazie a chi con impegno e dedizione si è occupato dell’organizzazione dello shabbaton. Questo evento si è poi concluso la domenica con il penultimo seminario previsto dal programma, dal titolo: “Curriculum vitae e lettera motivazionale: come si costruiscono in forma efficace, quali sono le priorità da evidenziare in ragione dei destinatari”.

Facendo i conti con l’esperienza fatta all’interno di questo progetto “chance2work”, la positiva sensazione che rimane è che i giovani ebrei italiani, speranza per le generazioni future, non sono lasciati soli al proprio destino, ma essendo parte di una grande famiglia, di un grande popolo non sono e non rimarranno mai soli. Il sapere di potere avere una famiglia su cui contare, qualunque cosa accada anche fuori dai diretti legami familiari, ti lascia addosso una sensazione di coraggio e forza allo stesso tempo. L’auspicio per noi giovani è che ci siano sempre nuove occasioni che ci aiutino a far crescere noi, la nostra cultura, il nostro amore per il prossimo. Con profonda gratitudine, si ringrazia UGEI e UCEI.

Greta Ginevra Scibilia


Consiglio UGEIConsiglio UGEI16 Settembre 2018
summerub.jpg

2min562

Quest’anno la Summer U, il campeggio estivo organizzato dall’EUJS, è stato in Bulgaria; per una settimana, dal 26 agosto al 2 settembre, il villaggio di Marina Cape ad Aheloy ha ospitato circa 300 ragazzi ebrei da tutto il mondo per una vacanza all’insegna del puro divertimento.

Maccabiadi, Color run, attività sportive, meeting, yoga, krav maga, canto a cappella, lezioni di salsa, club di dibattito…  praticamente impossibile annoiarsi; e se proprio non si è tipi iperattivi, il villaggio disponeva di una piscina e una spiaggia dove rilassarsi a qualsiasi ora del giorno.

L’obiettivo principale della Summer U è far incontrare le persone, ecco perché ogni pomeriggio i ragazzi di diverse nazionalità organizzavano un aperitivo a bordo piscina con drink, stuzzichini, decorazioni e musica tipici del loro paese: Ucraina, Francia, il pre Oktoberfest della Germania e quello che forse è rimasto più impresso nella mente di tutti: l’Austria con i cappelli da sci, la finta neve e la canzone che è diventata il tormentone della Summer U: MAMA LAUDA! Un’occasione per conoscere nuovi amici e nuove culture.

Non sono mancate ovviamente le feste a tema: Super Heroes, It’s a kind of magic, Israeli party, Retro night: bisognava solo sbizzarrirsi con le maschere e ballare e bere fino a tardi;  per non parlare della serata di gala con abiti eleganti, cena sofisticata, ballerini e musica bulgara e lo Shabbat in White, in un’atmosfera di armonia, coesione ed ebraicità.

Il team EUJS insieme ai volontari ha lavorato senza sosta per offrire ai partecipanti una settimana di puro svago e divertimento, con momenti di incontro, dibattito e confronto tra persone di diversi paesi. Un bel modo di concludere l’estate.

Giorgia Calò


Consiglio UGEIConsiglio UGEI14 Settembre 2018
congressoroma.jpg

3min716

Ricordo come fosse ieri il mio primo congresso Ugei. Non erano moltissimi anni fa ed era a Firenze. Non era per me il primo evento Ugei, perché qualche mese prima avevo partecipato a una Giornata Europea della Cultura Ebraica a Parma e a Soragna. Durante quella prima esperienza avevo conosciuto i primi tipi da Ugei: chi da una non vicina e mal collegata piccola comunità non aveva esitato a prendere un treno alle 3 di notte per unirsi al gruppo, chi era positivamente ossessionato da salami e prosciutti rigorosamente kasher, chi già pensava al non lontano Juve-Roma (“tanto vinciamo noi”), chi smaniava per andare a visitare a Soragna il museo del parmigiano (o forse questo ero io?).

Ma il congresso, naturalmente, è stato una sorpresa, una sorpresa bella. E’ stato anche una valanga, d’accordo, ma di panna montata: per uscirne, devi mangiarne a sazietà. I tanti volti nuovi e i diversi accenti – perché si sa, se tra gli italiani le differenze sono molte non minori sono quelle tra gli ebrei italiani – tanti gli articoli del leggendario Statuto, almeno per un neofita come me, tanto grande e bello il tempio di Firenze, tanta l’ospitalità, la voglia di discutere, la sonnolenza il sabato pomeriggio dopo un pranzo non esattamente light. E anche tanti i problemi, perché da quel congresso non uscì un nuovo consiglio e si dovette organizzare di lì a pochi mesi un nuovo congresso, questa volta straordinario. E tanta festa il sabato sera, e tanto Shabbat prima. La domenica sera avrei potuto giurare di essere stato a Firenze almeno una settimana, e invece erano due giorni appena.

A Firenze con l’Ugei ci sono poi tornato più volte: felice destino delle città centrali e raggiungibili in treno più o meno da tutta Italia. A ottobre, però, il viaggio venendo da nord si allunga di un’ora e mezza. Destinazione: Roma.

Giorgio Berruto

[Per maggiori informazioni e per iscriversi al Congresso a Roma visitate il gruppo Facebook Ugei, scrivete a info@ugei.it, oppure accedete all’area riservata su Ugei.it]