News

Consiglio UGEIUGEI9 Novembre 2020
Martin-Engelberg.jpg

1min239

di David Fiorentini

 

Riprendiamo, tradotta dall’inglese, un’intervista del Vicepresidente UGEI David Fiorentini pubblicata il 5 novembre dall’agenzia di stampa EJP (per l’originale cliccare qui).

Martin Engelberg è il primo ebreo eletto deputato nel parlamento austriaco. Membro del Partito Popolare Austriaco (OVP in tedesco), siede alla Camera dal 2017, dove è membro della commissione per gli affari esteri e portavoce per la cooperazione internazionale. Lunedì 2 novembre, 4 persone sono state uccise da un terrorista islamico che ha aperto il fuoco in 6 diversi punti di Vienna, di cui uno vicino alla Sinagoga Stadttempel, nel centro della capitale. 22 persone sono rimaste ferite, compreso uno degli agenti di polizia intervenuti sul posto. Gli attacchi sono stati rivendicati dall’ISIS.


Consiglio UGEIUGEI4 Novembre 2020
corona.jpg

1min148

di Dan Toaff 

 

Da giugno l’Italia è entrata nella cosiddetta Fase 2, ovvero quella in cui, passato il periodo di lockdown a cui gli italiani erano costretti a rimanere dall’11 marzo, si sarebbero dovute riprendere tutte quelle attività commerciali rimaste temporaneamente chiuse a causa dell’avanzata del COVID-19.

Quello che è successo dopo questa data, è stato un insieme di provvedimenti e decisioni prese dal governo che avrebbero dovuto consentire una ripresa economica e sociale, in relazione ad una tenuta della curva epidemiologica sotto la soglia di pericolo. Ovviamente, le semplici decisioni dell’establishment non sarebbero mai state sufficienti, se a ciò non sarebbe conseguito un senso di responsabilità e impegno da parte di tutti i cittadini.


Consiglio UGEIUGEI3 Novembre 2020
europa.jpeg

1min279

di David Fiorentini 

 

Sono passati circa 300 anni da quando le mura di Vienna furono cinte dalle truppe ottomane, pronte a varcare le porte d’Europa. L’esercito asburgico era ormai dato per spacciato, e dopo 3 mesi di assedio la capitale austriaca stava per capitolare quando, improvvisamente, avvenne un miracolo: giunsero i vigorosi rinforzi capitanati dal valoroso Jan Sobieski, Re di Polonia, che in nome dei sacri valori occidentali soccorse i soldati viennesi, evitando la caduta di uno dei principali baluardi del continente. Una battaglia passata alla storia, che ha immortalato Sobieski nella memoria collettiva, poiché riuscì ad arginare la prepotente ascesa ottomana e a salvare la civiltà occidentale.


Consiglio UGEIUGEI1 Novembre 2020
bandiera-francia.jpeg

1min234

di Filippo Tedeschi

 

La France est une République indivisible, laïque, démocratique et sociale”: così recita l’articolo 1 della costituzione francese del 1958. Ancor prima che democratica e sociale, quella francese è una repubblica laica. Lo è ancor oggi, basandosi su un’antica legge del 1904 e sulle sue successive modifiche, che prevede come impianto generale la totale separazione tra gli affari dello stato e quelli delle rappresentanze religiose. Nel corso della Quinta Repubblica, però, l’impianto laicista francese ha assunto connotazioni, anche ideologiche, ben differenti da quelle dello spirito con cui era nata tale impostazione legislativa. Se un secolo fa il problema che richiedeva l’intervento normativo era quasi meramente di natura fiscale e di contrasto all’autonomia della Chiesa Cattolica nella gestione dei beni immobili sorti nei secoli in territorio francese, oggi quello stesso impianto pone enormi problemi di natura sociale e, soprattutto, di sicurezza nazionale.


Consiglio UGEIUGEI28 Ottobre 2020
tobia-1280x918.jpeg

1min289

di Luca Spizzichino

 

Trentasette anni appena compiuti, romano, ex presidente UGEI, e dallo scorso agosto candidato sindaco di Roma per il centro-sinistra. Ecco il didascalico identikit di Tobia Zevi, ricercatore presso l’ISPI – Istituto per gli Studi di Politica Internazionale, per il quale analizza le grandi città del mondo e studia il loro ruolo nell’ambito della geopolitica. Da anni attivo politicamente e civilmente a Roma, che considera “la mia grande passione e il mio grande sogno”. Si candida con la speranza di migliorare le cose nella sua città, perché crede che “sia responsabilità di ognuno di noi di cercare di cambiarla è meglio”.