Mondo ebraico

Consiglio UGEIUGEI3 Luglio 2020
FOTO.jpg

1min153

HaTikwa, di Redazione

 

Nella Parashà di questa settimana, Parashat Hukkat, leggiamo la richiesta del popolo ebraico a Mosé di bere dell’acqua in mezzo al deserto. Le lamentele erano tante e Mosé si è rivolto a Dio per scoprire come risolverle. Le indicazioni che Dio diede a Mosé erano ben precise: rivolgiti a quella roccia e chiedile di far scorrere dell’acqua attraverso di essa. Come finì l’episodio è noto ormai a tutti. Mosé colpì la roccia con un bastone e Dio lo punì proibendoli di entrare in Terra d’Israele.


Consiglio UGEIUGEI29 Giugno 2020
meis-1280x722.jpg

2min429

HaTikwa, di Nathan Greppi

 

Quando, 3 anni fa, ho iniziato a frequentare l’UGEI, non sapevo davvero che cosa aspettarmi da questo mondo: essendo cresciuto in un comune di provincia, e non avendo fino a poco tempo prima mai frequentato realmente le comunità ebraiche, non sapevo se sarei stato ben accetto o meno. Ai miei primi eventi UGEI, ho pensato di avere più cose in comune con i ragazzi della mia città, San Donato Milanese, che con i giovani ebrei di Milano, Roma o Torino (e forse è così). Tuttavia, ciò non mi ha impedito di integrarmi in un ambiente dove sono stato fin dall’inizio ben accolto, e dove ho conosciuto tante persone stupende.

Frequentando l’UGEI mi sono anche reso conto di un’altra cosa: pur essendo cresciuto al di fuori della comunità, vivendo in provincia di Milano ho potuto comunque sin da piccolo conoscere una parte di questa realtà, andando in sinagoga almeno per Yom Kippur e frequentando Shorashim, un centro per bambini a Milano che permette ai figli di coppie miste di mantenere un legame con le loro radici ebraiche. Ma in Italia ci sono altri giovani, che invece sono cresciuti in zone dove è molto più difficile preservare la propria identità ebraica, e che l’hanno vissuto in modi diversi. Queste sono le loro storie.


Consiglio UGEIUGEI12 Giugno 2020
אהרון.jpg

1min147

HaTikwa, di Redazione

 

Questa settimana leggiamo la Parashà Bealotechà. In uno dei brani scopriamo che Aharon, il Cohen Gadol del Santuario, accese la Menorah. La Torah scrive in seguito a ciò: “VaYaas ken Aharon” e Rashi spiega che la Torah vuole elogiarlo per la semplicità con la quale ha compiuto la Mitzvah, senza modificarla, snaturarla o personalizzarla. Così come Hashem ha ordinato, Aharon ha compiuto.



UGEI

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono.


Contattaci