Israele

Consiglio UGEIUGEI20 Gennaio 2021
דורון-מדלי-צילום-משה-נחמוביץ-1280x864.jpg

2min101

di Luca Spizzichino 

 

Chi c’è dietro le più grandi hit della musica israeliana degli ultimi 10 anni? In pochissimi lo conosceranno, ma dietro Tel Aviv di Omer Adam, conosciuta in ogni angolo del globo, Golden Boy di Nadav Guedj, Toy di Netta Barzilai, che ha vinto l’Eurovision Song Contest nel 2018, e la canzone realizzata per i settant’anni dello Stato d’Israele Shevet Achim veHachaiot, c’è sempre la stessa persona: Doron Medalie. Nato a Ramat Hasharon nel 1977, Medalie è considerato uno dei più importanti compositori, autori e produttori di tutto il panorama musicale israeliano. Nell’arco della sua carriera, ha scritto quasi 500 canzoni, anche per i più popolari show televisivi israeliani e per artisti stranieri come la pop star greca Eleni Foureira. Considerato uno dei “padrini” del nuovo pop israeliano, Medalie è stato non solo un autore, ma anche direttore artistico della delegazione israeliana all’Eurovision e di vari talent show musicali, nonché manager artistico di due tra i più importanti artisti del momento: il già citato Omer Adam e Noa Kirel, che l’anno scorso è riuscita a firmare un contratto milionario con l’Atlantic Records, importante casa discografica americana.


Consiglio UGEIUGEI17 Gennaio 2021
עראיס-טבעוני_ראשי_1000.jpg

1min484

di Redazione

 

Che gli israeliani mettessero tutto nella pita, il pane tipico della cucina arabo-israeliana, già lo sapevamo. I falafel, la shawarma, persino la pasta al ragù, in quella che è una delle ultime “invenzioni” dello chef Eyal Shani. Tuttavia, il nuovo tormentone culinario israeliano, non ha proprio nulla di rivoluzionario. Si affida invece alla cucina libanese e propone quella che è una delle loro pietanze più classiche ed apprezzate. Parliamo ovviamente dell’Arayes: una polpetta speziata cotta dentro la pita e poi arrostita sulla griglia. Un piatto che ha spopolato anche in Israele, conquistando così il palato e i cuori di tutti i cittadini dello Stato Ebraico. Una ricetta semplice e gustosa che arricchirà il vostro menu e le vostre tavole. Provare per credere!


Consiglio UGEIUGEI11 Gennaio 2021
accordi-di-abramo-1280x720.jpeg

1min192

di David Fiorentini

 

In uno stravolgimento epocale, gli Accordi di Abramo hanno generato un grande entusiasmo, che per la prima volta permetterà a tutte le aziende israeliane di guardare alla propria regione, il Medio Oriente, per la ricerca di nuovi affari, senza doversi rivolgere ai mercati europeo o americano. Questo è stato il tema centrale di un dibattito tenutosi nel corso dell’ultimo Congresso della WUJS (World Union of Jewish Students), che ha avuto luogo dal 27 al 31 dicembre.

Si stima che Israele e l’UAE già intrattenevano rapporti commerciali in segreto, per un volume d’affari di circa un miliardo di dollari. Tuttavia, le imprese che avevano accesso a questo mercato erano pochissime, e le procedure di ammissione ovviamente erano estremamente complesse. Adesso che la porta ai paesi del Golfo si è spalancata, sono numerosissime le aziende che da Israele e dagli Emirati non vedono l’ora di immergersi in questo mare di opportunità.


Consiglio UGEIUGEI7 Gennaio 2021
vaccino.jpg

1min818

di Gavriel Hannuna

 

Ancora una volta, Israele sembra essere su tutti i giornali. Nel corso della pandemia, si è parlato molto della situazione nello Stato Ebraico, inizialmente riguardo alle sperimentazioni dei vaccini, per poi parlare del pessimo lavoro durante la seconda ondata; adesso, invece, perché questo piccolo stato, con soli 8,9 milioni di abitanti, è il leader mondiale nelle vaccinazioni. Ben il 12,5% della popolazione è stato vaccinato, più di 1 milione di persone (dati del 2 gennaio). Intanto, il terzo lockdown procede con migliaia di nuovi contagiati ogni giorno, mentre il governo avrebbe promesso di vaccinare il 25% della popolazione entro la fine del mese; un traguardo più che raggiungibile, visti i dati di inizio gennaio.


Consiglio UGEIUGEI3 Gennaio 2021
Piera-levi-montalcini.jpeg

3min327

di David Zebuloni

 

Non tutti hanno il privilegio di chiamare “zia” un Premio Nobel per la medicina, eppure Piera Levi Montalcini pare farlo con estrema naturalezza. Cita “zia Rita” con tanta disinvoltura che, talvolta, ci dimentichiamo persino che la zia in questione sia una delle menti più geniali dell’ultimo secolo. Ci immaginiamo un’anziana signora impegnata a girare il ragù, invece scopriamo una figura epica, che ha lasciato un’impronta indelebile nel campo della ricerca neurologica. Parliamo ovviamente di Rita Levi Montalcini, non solo Premio Nobel per la medicina, ma anche Senatrice a Vita della Repubblica Italiana, nonché la prima donna scienziata a ricevere il prestigioso Premio Max Weinstein. Si potrebbe parlare per ore di quest’insolita zia e Piera lo fa sempre con grande piacere e con altrettanta nostalgia, ma anche con un profondo senso di responsabilità. Di professione ingegnere ed imprenditrice, Piera Levi Montalcini ha rinunciato agli studi di medicina per pietà di un gallo. “Lo usavano per le ricerche in laboratorio e mandava degli urli strazianti. Mi ha traumatizzato”, mi racconta ridendo. Eppure dietro il sorriso mite e intelligente si cela un piccolo rimpianto. Il rimpianto di non aver studiato la chimica e la biologia, materie necessarie per scoprire i segreti più nascosti di quella macchina perfetta chiamata essere umano. Una macchina che ancora oggi suscita in lei tanta curiosità. Per quanto riguarda l’inevitabile confronto con il Premio Nobel, invece, Piera mi rassicura. “Non sono gelosa di zia Rita, perché sono diversa da lei”, afferma. “Io ho fatto le cose che piacevano a me e lei ha fatto le cose che piacevano a lei”. È sincera quando lo dice. Piera ha fatto davvero ciò che più le piaceva. E lo fa tutt’ora, giorno e notte. Si dedica con passione all’incontro con i bambini nelle scuole, per trasmettere loro un po’ di quella curiosità di cui lei è tanto ghiotta. Si dedica poi con altrettanta passione alla valorizzazione del ricordo della sua amata famiglia, di cui zia Rita è l’assoluta protagonista. Lo scopo di Piera è semplice. “Non voglio lasciare morire un esempio”, mi confessa. L’esempio in questione è quello di Rita Levi Montalcini, una delle ricercatrici più brillanti che l’Italia abbia mai visto. O meglio, una delle donne più coraggiose che l’umanità abbia mai conosciuto.