Attualità

Consiglio UGEIUGEI17 Giugno 2020
46497935_10217806328172252_6965423676837593088_n.jpg

2min371

HaTikwa, di Luca Spizzichino

 

A seguito della morte dell’afroamericano George Floyd, sono esplose diverse manifestazioni nelle metropoli americane. Una mobilitazione di massa spinta dal malcontento generato dalla pandemia, e dalla necessità di riformare le forze dell’ordine, spesso protagoniste di atti brutali. Il più delle volte, oggetto di questi gesti violenti sono proprio le minoranze, la comunità afroamericana in primis. Ma queste proteste, diffuse su larga scala, sono sintomo di una società, quella a stelle e strisce, che sta cambiando in maniera repentina. Di quanto sta accadendo negli Stati Uniti ne abbiamo parlato con Pierardo Davini, giornalista del TG 3 e corrispondente da Roma dello US-Italy Global Affairs Forum, think tank specializzato in questioni americane e italiane.


Consiglio UGEIUGEI16 Giugno 2020
blm_churchill.jpg

1min389

HaTikwa, di Nathan Greppi

 

Nel film del 2005 Thank you for smoking, il regista ebreo canadese Jason Reitman ritraeva politici e attivisti contro il fumo che, spinti da un moralismo estremo, arrivavano a proporre di censurare film e dipinti dove comparivano sigarette, pur di non mandare un “cattivo messaggio”. 15 anni dopo, ha fatto la sua comparsa nel dibattito pubblico un altro tipo di moralismo, che invece delle lobby del tabacco prende di mira il razzismo e il sessismo, ma che si è manifestato con una brutalità di gran lunga superiore a quella narrata nel film.


Consiglio UGEIUGEI15 Giugno 2020
magdi.jpeg

2min732

HaTikwa, di David Zebuloni

 

La storia di Magdi Allam è la storia di una civiltà che muta nel tempo. Nato al Cairo negli anni ’50, Magdi diventa testimone di un Egitto sempre più radicale e sempre meno liberale. Trova dunque in Italia una seconda patria, un luogo in cui riscattare le proprie sorti, un terreno fertile sul quale ricostruire la propria vita. Con la conversione al Cattolicesimo, Magdi Allam diventa Magdi Cristiano Allam e la sua battaglia all’Islam più radicale diventa una missione di vita. Giornalista, scrittore e politico, Magdi ha spesso fatto parlare di sé, diventando per molti un simbolo di speranza e per altri un simbolo di intolleranza. Controverso e discusso, osannato e acclamato, Magdi Cristiano Allam racchiude in sé due mondi che sembrano essere incompatibili. Ricorda la sua Egitto perduta con nostalgia, ma si definisce italiano al cento per cento. A proposito di Israele afferma che essa rappresenta per lui la sacralità della vita, il valore fondante della nostra umanità. Poi aggiunge che lui è e sarà sempre un combattente per il diritto di Israele ad esistere. Quando gli domando invece a chi vorrebbe passare il testimone, Magdi risponde: “Io ho 68 anni e mi considero un giovanotto, voglio continuare la mia missione”.


Consiglio UGEIUGEI8 Giugno 2020
bds-fail.jpeg

1min338

HaTikwa, di Nathan Greppi

 

Nell’ultimo anno hanno suscitato numerose polemiche le esternazioni sui social di Chef Rubio, noto personaggio televisivo che in tempi recenti si è distinto per le sue invettive feroci contro Israele e le comunità ebraiche. Ma se si fa un confronto tra le campagne antisraeliane anche solo di 4-5 anni fa e quelle di oggi, sembra essere avvenuto un netto miglioramento almeno in Italia, soprattutto per quanto riguarda un preciso fenomeno: il fallimento della campagna BDS.


Consiglio UGEIUGEI8 Giugno 2020
floyd.jpg

1min317

HaTikwa, di Luca Clementi 

 

George Floyd è morto solo perché nero. Gli è stato premuto il ginocchio sul collo da un poliziotto per quasi 9 minuti, fino al definitivo soffocamento. Il tutto durante un controllo per sospetta contraffazione di banconote.

Immaginate se al posto di Floyd ci fosse stato un ebreo. Non deve essere troppo difficile, visto che questo maledetto ‘’solo perché’’ è tra i più grandi leitmotiv della nostra storia: Pittsburgh, Tolosa, Roma, ma anche Susa. ‘’Solo perché ebrei’’. Quante volte lo abbiamo sentito?



UGEI

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono.


Contattaci