Uno shabbaton ponte tra Italia e Israele

Bologna: una realtà molteplice che non tutti conoscono, è stata teatro a Marzo di un incontro importante. L’UGEI ha organizzato insieme al DEC e alla Comunità ebraica di Bologna uno shabaton che ha visto la partecipazione non solo dei giovani locali e di un gruppo di Ugeini da Milano, Torino, Trieste, Genova e Roma ma anche studenti israeliani che le università italiane ospitano notoriamente da anni: questi giovani studenti sono quelli che spesso dopo la laurea si trovano a non tornare in Israele e a stabilirsi in in Italia.

Tutto questo è stato possibile grazie alla collaborazione e agli sforzi di Vittorio Sermoneta coordinatore del neonato gruppo locale UGEI GEB (Giovani Ebrei Bolognesi).

Sorge spontanea la riflessione, condivisa da tempo dal presidente Guido Ottolenghi e dal Consiglio della Comunità, per cui l’incontro o magari l’integrazione tra queste due realtà parallele – l’Italia ebraica delle comunità e quella dei non iscritti o ebrei che si ritrovano per diversi motivi ad “errare” nel Bel Paese – sia necessaria. Se questo avvenisse si prefigurerebbe una realtà interessante, viva e stimolante, che di nuovo vedrebbe nell’Italia quel crocevia e luogo di incontro socio-culturale del Mediterraneo che è stato per secoli. Bologna rappresenta in questo senso una risorsa per l’ebraismo italiano. Venerdì sera la mensa della comunità ha messo in scena questa visione: studenti israeliani si sono trovati a condividere un pasto dello shabbat tra le voci tonanti degli altri giovani ebrei arrivati da tutta Italia. Da qui è poi partita la curiosità e la voglia di stare insieme, uscire, confrontarsi su molte questioni che ci appartengono e promettersi di riorganizzare ancora qualcosa.

Da questo spirito nasce lo Shabbaton UGEI di Parma che si svolgerà dal 18 al 20 Maggio già oggi abbiamo 40 Iscritti un po’ israeliani e un po’ Italiani ma certamente tutti orgogliosi della loro identità ebraica.

Vi aspettiamo !!!

Moshe


«

»