Taglit, day 8: Arrivederci a Gerusalemme

Si è arrivati infine all’ultima tappa di questo viaggio  e la voglia di tornare in Italia è passata da tempo. Molti di noi vorrebbero prolungare questa esperienza  in modo indeterminato perché Israele non ci ha donato solo un viaggio, ma una nuova casa e una famiglia più unita che mai.

Oggi ci siamo diretti verso Gerusalemme, e dopo esserci deliziati con una passeggiata per le vie della città vecchia, ci siamo infine diretti verso il Kotel. Guardando quell’ultimo muro di un luogo che ai tempi rappresentava il punto focale della spiritualità di questa terra ci siamo commossi e tra lacrime e preghiera questa esperienza ci ha unito più che mai.

La giornata è proseguita con una visita alla sinagoga italiana di Gerusalemme, luogo di ritrovo per tutti gli ebrei italiani che han lasciato la loro patria in cerca di una nuova casa qui in Israele. La visita ci è stata offerta da Naama, nostra guida dall’inizio del viaggio, e dalla sorella le quali ci hanno introdotto in modo molto accurato alla storia delle comunità italiane soffermandosi in particolare su Venezia e sulla storia che accomuna la sinagoga di Conegliano Veneto a Gerusalemme, dove è stata trasportata.

Conclusa la visita  ci siamo separati da tre membri molto importanti del nostro gruppo, gli italiani in aliyà che ci avevano accompagnati nei giorni precedenti, e tra discorsi, saluti e abbracci ci siamo lasciati alle spalle persone fantastiche con la speranza un giorno di ricongiungerci con loro. La visita a Gerusalemme si è conclusa infine con il mercato dove abbiamo avuto la possibilità di riscoprire i sapori di una terra unica nel suo genere e di ricongiungerci alle nostre tradizioni culinarie. Tra compagnia cibo e cultura la giornata si è conclusa nel migliore dei modi lasciando sulla bocca di tutti un grande sorriso e la speranza di un giorno ritornare.

Quando la giornata si credeva infine conclusa i nostri madrichim, Debora e Yehonatan, ci hanno voluto insegnare attraverso una semplice attività uno dei fondamenti più importanti per l’ebraismo, il rispetto verso chi ci circonda. Questo viaggio è stato per tutti noi un’esperienza per crescere, divenire più saggi, più vicini a una terra che non ci ha mai abbandonati e che per tutti noi sarà un punto di riferimento per il futuro avvenire.

Yoram Sonnino, Nicole Sermoneta


«

»