memoria

Consiglio UGEIConsiglio UGEI14 ottobre 2016
mem2-500x333.jpg

5min710

mem1Il tempo passa e l’oblio è dietro l’angolo, combatterlo significa munirsi di strumenti adatti. Tradizione e memoria appaiono i mezzi migliori pur richiedendo una giusta dose di sforzo, temperamento e buona volontà e chi possiede i primi spesso manca del terzo. Il problema è reale e sempre più imminente, si presenta dapprima in modo vago assumendo forma definita solo con il passare degli anni. Tuttavia questi volano via come parole e non si fa a tempo a scrivere che il ricordo è già sfumato, non ne rimangono che i contorni che, un po’ sbiaditi, fanno quel che possono. I fatti, come i concetti, risultano fragili e balordi: a toccarli troppo si finisce per cambiar loro forma e a sfiorarli appena si rischia di darli in pasto alla polvere. La distorsione come l’indifferenza ne cambiano il profilo, ne alterano il contenuto lasciando spazio solo a pochi suoni qui e qualche vocabolo lì che, gradevoli alla pronuncia, si prestano a esser ricordati.

mem2Quando si parla di Shoah il pericolo incombe più incalzante che mai: il bagaglio sembra piccolo e le cose da ricordare sono troppe. Tutta l’esperienza è affidata alla carta che tenta di immagazzinare quante più informazioni possibili. Si dimentica talvolta la voce e il potere che essa è in grado di esercitare. Accanto a lei vengono tenuti in disparte anche suoni e odori che, data l’inconsistenza e breve durata, risultano i primi soggetti contro cui il tempo si scaglia. Inversamente a quanto si pensa la loro precarietà li rende ancor più persistenti.

Altri problemi emergono quando il tema della Shoah si impone. Come relazionarvisi? Con quali mezzi affrontarlo? A chi lasciare l’onere della tradizione?

Il contatto iniziale – più che l’approfondimento e il suo insegnamento – appare questione delicata, ognuno tenta di fare ciò che può per non darlo in pasto al tempo. Si visitano musei e si affrontano dibattiti sul tema, si vedono film e si leggono romanzi e libri storici. Altrettanto battuta è la via della riflessione che non lascia adito a dialogo scegliendo di rimanere circoscritta. Questa non richiede parole, preferisce affidarsi al silenzio.

mem3Per ultima la figura del testimone che, al contrario della memoria, in nessun modo può sottrarsi al pericolo che il tempo gli pone. Risulta tanto più inerme quanto più gli anni passano. Si aggrappa come può ai ricordi, chiedendo loro di non scomparire e impegnandosi per farli rimanere. Un testimone con buona memoria è tanto fondamentale quanto la presenza di un erede. Questo pone su di sé un grande carico: un passato che gli è parzialmente estraneo e che tuttavia non può permettersi di dimenticare.

Richiamare alla memoria non può prescindere dalla conoscenza. Questa deve essere chiara e puntuale altrimenti se ne ricorda la forma tralasciando il contenuto. Si corre il rischio di reiterare il gesto svuotandolo del significato e contenuto iniziale. La Shoah non chiede questo, e tantomeno l’ebraismo la cui forza sta nel rivivere ogni vicenda con lo stesso vigore e fermezza. Si sollecita l’analisi e la profondità d’osservazione per preservare al meglio una memoria che chiede di essere aiutata a non perdere le proprie tracce e la capacità di esprimersi.

Marta Spizzichino, di Roma, studia filosofia alla Sapienza
Marta Spizzichino, di Roma, studia filosofia alla Sapienza

Consiglio UGEIConsiglio UGEI6 ottobre 2016
viaggiomem2-500x300.jpg

5min960

viaggiomem3Il fiorire, al giorno d’oggi, di sempre nuove iniziative legate alla memoria della Shoah può apparire, alternativamente, appagante ma anche pleonastico. Questa duplice sensazione diviene più acuta all’avvicinarsi della Giornata della memoria, le cui iniziative peraltro si estendono ormai per diverse settimane.

Non è sempre stato così. Al contrario, fino circa alla metà degli anni ottanta la memoria della Shoah non aveva il posto che oggi occupa nell’opinione pubblica; talvolta veniva persino riassorbita nella vicenda della Resistenza al nazifascismo – con un’operazione a dir poco discutibile che poneva in terz’ordine la specificità del programma di sterminio industriale degli ebrei e di cui è esempio il Memoriale italiano ad Auschwitz voluto nel 1980 dall’Aned. Anche nell’ambito della ricerca scientifica l’attenzione era molto ridotta rispetto a quella che negli ultimi trent’anni ha portato a un’esplosione di studi, ricerche e progetti. La memoria, insomma, vive fasi di maggiore o minore popolarità. In anni recenti, coerentemente con quanto accaduto per la memoria della Shoah, assistiamo da più parti e in innumerevoli ambienti a una insistente rivendicazione di memoria, grimaldello che apre la porta all’era della commemorazione. Dimenticando che la commemorazione può servire il ricordo esattamente come l’oblio: si commemora per dimenticare almeno altrettanto spesso che per ricordare.

viaggiomem2Fin qui la memoria. Si tratta ora di porgere orecchio alle ragioni della storia, di cui la memoria dovrebbe essere al servizio – quella stessa memoria che invece sempre più spesso tende a occuparne il posto. La Shoah è un crimine unico, frutto certamente di una lunga tradizione europea di antisemitismo e di una più recente di antiilluminismo e razzismo, ma anche dello Stato burocratico moderno e della tecnologia industriale, indispensabili a innescare la fabbrica per la produzione del cadavere. Tuttavia, se anche la Shoah non ha eguali non nego che lo sforzo comparativo possa dare frutti: con la consapevolezza, però, che se forse – forse – tutte le vittime si equivalgono di certo non si equivalgono i crimini. Nello stesso mondo ebraico, però, l’idea di Shoah come evento unico non è unanimemente accettata ed esistono significative correnti che, in ossequio a una secolare tradizione, interpretano ogni tragedia della storia degli ebrei come la ripetizione di una medesima sventura. Non stupisce, per converso, che al di fuori degli ambienti ebraici ci si avvicini alla Shoah per lo più come a un crimine tra i molti, magari emblematico delle tragedie della storia ma non eccezionale in tutti i sensi.

viaggiomemRibadisco: memoria e storia sono cose da tenere ben distinte, con la prima ancella della seconda e non il contrario. Eppure la memoria ha anche un punto in comune con la storia: il fatto che, piaccia o no, non educa, non insegna, tantomeno protegge o garantisce che in futuro verranno evitati i cosiddetti “errori” del passato.

Perché dunque, se la memoria non “serve” a niente, organizzare un Viaggio della memoria nei luoghi dello sterminio per i giovani ebrei italiani? La risposta è semplice ma, credo, non banale: perché vogliamo farlo. Vogliamo parlare con gli ultimi sopravvissuti e comprendere il loro messaggio, consapevoli che non potremo dire quello che solo i testimoni possono dire. Ci piacerebbe ascoltare, conoscere, apprendere per essere in grado, in un domani sempre più vicino, di dire altro, qualcosa di nostro, eppure non solo; non fungere da meri trasmettitori ma diventare parte attiva della memoria e del suo sempre cangiante processo. Vogliamo raccogliere il testimone della memoria e imparare a correre con le nostre gambe.

Giorgio Berruto, responsabile di Hatikwà, l'organo dell'Ugei. Vive e lavora a Torino
Giorgio Berruto, responsabile di Hatikwà, l’organo dell’Ugei. Vive e lavora a Torino

Consiglio UGEIConsiglio UGEI12 settembre 2016
viaggiomem-500x353.jpg

3min850

viaggiom2È inutile nasconderlo: noi del Consiglio in questo viaggio crediamo molto. Il nostro obiettivo è stato fin da subito quello di creare un viaggio assolutamente particolare, che non si fermasse alla semplice (seppur importante) emozione. Ciò che vogliamo è fornire un’esperienza completa, capace di dare qualcosa in più anche a ragazzi come noi, che fin da piccoli rivolgiamo e un’attenzione particolare a queste tematiche. Il progetto non vorrebbe concludersi con il volo di ritorno, ma prevede  anche incontri dopo il viaggio per rendere i partecipanti in grado di raccontare, di diffondere i messaggi fondamentali che noi, nipoti dei testimoni oculari, dobbiamo imparare a trasmettere, raccogliendo il testimone del ricordo da chi, per evidenti e tristi ragioni anagrafiche, non potrà continuare a farlo ancora per molto.

Altro motivo per cui crediamo fortemente in questo viaggio è l’idea di gruppo. Molti di noi hanno una storia familiare da condividere, in grado di unire emotivamente ancora di più i partecipanti e che può rendere i ragazzi, già durante il viaggio, figure attive, pronte ad ascoltare, ma anche a dire la loro, portando la propria esperienza.

Ad accompagnarci in questa esperienza il prof. Andrea Bienati, uno dei maggiori esperti di didattica della Shoah che si è gentilmente offerto fin da subito di dare il proprio contributo per questa iniziativa. Il viaggio, che toccherà Cracovia, Oswiecim e Varsavia, offrirà momenti di riflessione oltre che visite alla ricerca del lato ebraico della Polonia prima e dopo la guerra. Partiremo la mattina di giovedì 27 ottobre da Roma e torneremo martedì 1 novembre.

Sarà, insomma, un’occasione da non perdere, per vivere in modo kasher un’esperienza che raccomandiamo a tutti.

Di seguito il link per iscriversi. Affrettatevi, i posti sono limitati!

https://goo.gl/forms/NIeeKwv96ruxR0Y63

viaggiomem

Filippo Tedeschi, torinese, è vicepresidente Ugei
Filippo Tedeschi, torinese, è vicepresidente Ugei

Consiglio UGEIConsiglio UGEI23 febbraio 2016
willenberg-500x260.jpg

3min780
Samuel Willenberg
Samuel Willenberg

Il 19 febbraio a Udim, in Israele, è scomparso a 93 anni Samuel Willenberg. Samuel era un abile artista, ma era soprattutto un sopravvissuto al lager di Treblinka. L’ultimo. Treblinka, la fabbrica della morte per il ghetto di Varsavia, è un luogo qualunque, un luogo che sembra tendere per inerzia all’oblio: una distesa d’erba che non ha quasi conservato traccia degli 800.000 ebrei assassinati in una manciata di mesi, perché l’erba verde e gli alti alberi al limitare della radura non hanno memoria. Oggi, con l’addio all’ultimo testimone, si pone con urgenza improrogabile la questione della conservazione di questa memoria e si aprono prospettive e problemi nuovi.

Molto abbiamo da imparare dai testimoni che vissero il lager. Siamo l’ultima generazione che ha la possibilità di conoscerli: non è un’occasione da sfruttare, è una responsabilità alla quale, come ebrei, non possiamo e non vogliamo sottrarci. Gli ultimi testimoni e l’ultima generazione che può sentirli parlare, che può parlare loro: un anello invisibile ci lega. Per questo motivo, per rinsaldare questo anello, il Consiglio Ugei ha deciso di organizzare nel 2016 un Viaggio della Memoria che avrà una preparazione e ci porterà a conoscere i superstiti e a vedere i luoghi; e i secondi, altrimenti muti, soltanto grazie ai primi.

Treblinka, oggi
Treblinka, oggi

Abbiamo molto da imparare. Non da oracoli o da monumenti santificati dal dolore, ma da persone vive che vogliamo, che dobbiamo ascoltare. Da testimoni al servizio della storia, non da vittime poste al suo centro. Ecco, questo è quello che, a mio avviso, dobbiamo cercare di fare: studiare la storia, facendo della memoria un suo strumento. Rifuggire la tentazione di rendere la storia ancella della memoria, in un’epoca dove già la vittima – qualunque vittima – è elevata, semplicemente in quanto tale, a oggetto di culto universale. Non santificare la memoria, non renderla assoluta, non irrigidirla in idolo, non farla paradigma irraggiungibile di una formula – “mai più” – elegante eppure anodina. Non piangere, ma imparare.

Giorgio Berruto ha studiato filosofia a Pavia. Vive e lavora a Torino
Giorgio Berruto ha studiato filosofia a Pavia. Vive e lavora a Torino

Consiglio UGEIConsiglio UGEI26 gennaio 2016
primolevi-500x282.jpg

5min940

primoleviÈ gennaio, il sole va e viene nelle giornate d’inverno. Apri il portone e l’aria gelida ti sfiora il viso, esci la sera e cammini per le vie. Fa freddo e non aspetti altro che tornare a casa per riscaldarti con il tepore che le coperte emanano. Il freddo di città ti gela il naso poi le mani e ancora le caviglie.

Questo è quel che noi conosciamo, un freddo che rimane in superficie e che non tocca stomaco e anima. Ad esso se ne contrappone un altro, quello a cui si riferisce Primo Levi nell’ “Ottobre 1944” di “Se questo è un uomo”. Esso è piuttosto il gelo rigido e senza vita che porta alla morte.

L’inverno e il freddo si presentano come i peggiori nemici per gli uomini del Lager che tentano in ogni modo di aggrapparsi alle ore tiepide del sole chiedendogli di trattenersi in cielo ancora un poco. La luce si è fatta pregare per rimanere con loro, ma non ne ha voluto sapere niente e li ha lasciati lì, portando solo nebbia e desolazione.               Loro lo sanno, se non sarà morte sarà supplizio e chi non morrà sarà costretto a tenere le mani sotto le ascelle per racimolare un po’ di calore. Inverno vuol dire molto di più degli alberi che perdono le foglie e delle nuvole grigie che coprono il cielo. Anche “fame”, “stanchezza”, “paura” vogliono dire altro.  “Esse sono parole libere create e usate da uomini liberi” ed è riduttivo impiegarle così, bisognerebbe piuttosto crearne di nuove. Il freddo è mancanza di stelle e di sole, fame, stanchezza ma anche paura e miseria. Li racchiude tutti ma non ne spiega chiaramente nessuno. Esso vuol dire anche dover mangiare in piedi e avere ferite sulle mani. Irrompe nelle ossa senza chiedere permesso e non se ne va più via.

auschwitzCi sono parole che non possono (o meglio provano e non riescono a) chiarire ed esaurire pienamente dei concetti ed è qui che ci si chiede cosa si debba fare. Bisognerebbe forse inventare un nuovo vocabolario? Come scrive Levi: “Se i lager fossero durati più a lungo, un nuovo aspro linguaggio sarebbe nato.
Come potremmo noi dar vita a nuove parole? Sulle nostre labbra avrebbero altro valore. Così come noi anche l’arte che nasce dalle ceneri di Auschwitz si trova con le spalle al muro non sapendo quale via sia meglio percorrere. Come riferire al mondo ciò che il nazismo ha seminato?

La pittura, la poesia e la musica appaiono mutile e incomplete ora, esse provano a definire un passato prossimo che non è loro e tentano di rappresentarlo munendosi di parole, colori e suoni diversi da quelli di ogni giorno.
Deformare la realtà è menzogna, falsare la verità è reato e creare illusioni è pericoloso. Si potrebbe far appello al silenzio che, privo di forma e materia, è l’unico in grado di racchiudere dentro di sé tutto ciò che ci sarebbe da dire ma che in nessun modo può essere espresso. Esso non è né deve essere sinonimo di oblio e di dimenticanza, ma il mezzo più affidabile con cui si può tentare di definire il tutto.

Marta Spizzichino, di Roma, studia filosofia alla Sapienza
Marta Spizzichino, studentessa di filosofia alla Sapienza


UGEI

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono.


Contattaci