Giornata della Memoria: l’Ucei continua la battaglia del ricordo

27 Gennaio 2010

In occasione della Giornata della Memoria, l’Unione Giovani Ebrei d’Italia sente il dovere di continuare la battaglia del ricordo.
Le scritte apparse oggi al Museo di via Tasso simboleggiano la mancanza di una presa di coscienza collettiva sul dramma della Shoah.
Riprendendo il discorso pronunciato oggi dal premio nobel Elie Wiesel alla Camera dei deputati, noi giovani ebrei nipoti di ex deportati oscampati alle persecuzioni sentiamo il dovere di ribadire che non vogliamo che il passato dei nostri nonni diventi il nostro futuro.
Per questo è necessaria un’azione più energica da parte di tutte le autorità affinché l’infamia del negazionismo venga messa a tacere.
La solidarietà nostra va al Sindaco di Roma Alemanno e al Presidente della Comunità Ebraica Pacifici con la speranza che le minacce di ignobili, che si nascondono dietro  vili scritte, non siano un limite nell’impegno quotidiano a cui essi adempiono tutti i giorni.

Lo comunica in una nota l’Unione Giovani Ebrei d’Italia


«

»