Ebraismo sul filo – l’Ugei sceglie l’esclusione?

 

3d white people with forbidden signImmaginate di essere venuti a Roma per assistere a un evento culturale ebraico. Immaginate di aver colto l’occasione per fermarvi anche a un aperitivo organizzato dall’UGEI per la sera stessa; vi siete prenotati, i posti erano disponibili, avete chiesto a un vostro amico di ospitarvi per la notte.

La mattina stessa dell’evento, tuttavia, vi viene riferito che non potrete partecipare all’apericena perché vostro padre è ebreo, ma vostra madre no. Chiamate il vostro amico, lo informate della situazione, il biglietto del treno ormai è acquistato per la mattina seguente. Cercate insieme di contattare, di capire cosa è successo.

Immaginate, per tutta la giornata, di essere appesi ad un filo: siete ebrei? Non siete ebrei? Potete partecipare a un’apericena – badate bene, non una funzione religiosa, ma una semplice cena con amici organizzata in un locale che non mi risulta impedisca l’accesso ai non ebrei – o dovrete rimanere da soli? E per il futuro come vi dovrete considerare?

Immaginate di sentirvi ebrei, ma di non potervi definire tali, di essere costretti a lottare ogni giorno contro l’antisemitismo da soli, senza potervi appoggiare alla comunità ebraica come facciamo tutti, senza poter contare sull’aiuto di nessuno. Immaginate di essere esclusi sia dai non ebrei sia dagli ebrei, perché vi trovate in un limbo, non siete ebrei del tutto ma non siete nemmeno del tutto goyim.

inclusioneImmaginate questa situazione, e chiedetevi quanto tempo ci mettereste voi a decidere che, dopotutto, il gioco non vale la candela, che non ha senso lottare così tanto per proseguire un percorso di conversione e cercare di rientrare in una comunità per la quale al momento siete solo un esponente di serie B.

Immaginiamo perché vorremmo non dover parlare di eventi realmente accaduti; perché se fosse davvero successa una cosa simile, se il 12 febbraio 2017 fosse stata esclusa per questi motivi una ragazza da un evento UGEI con un preavviso quasi nullo, se pur di impedire a questa ragazza di partecipare si fosse rinunciato alla presenza di altre due persone (ebree doc, naturalmente), a mio avviso si tratterebbe di un evento gravissimo che dovrebbe suscitare lo sdegno di tutti.

Io (madre ebrea, padre non ebreo) non trovo una grande differenza tra me e una persona come quella descritta sopra. Nel caso specifico una persona che si interessa di ebraismo e desidera partecipare attivamente alla vita giovanile ebraica, una persona che, se avesse potuto, avrebbe fatto il bar/bat mitzvah, una persona che spesso ha informato me di eventi culturali ebraici di cui neppure ero a conoscenza.

Ma se escludere è meglio di includere, se si preferisce limitare l’accesso e la cultura ebraica ai soli ebrei, se si rinuncia ad avvicinare chi si trova ai margini, forse perché faticoso, forse perché più difficile farlo senza ricevere critiche, non si rischia forse di porre queste persone in una posizione di isolamento dalla quale non potranno né vorranno più uscire? Non rischiamo, per continuare a conservare la “purezza ebraica”, di perdere risorse, valori e idee che potrebbero arricchire l’ebraismo senza alterarne in alcun modo le basi?

Giulia Simonetti, 22 anni, studia lettere classiche a Roma, ama scrivere e leggere e trova difficile sintetizzare il resto in poche righe.


«

»