Media

Giorno della Memoria 2015 – Intervista doppia a Radio 1

    Questa mattina durante il programma “Voci del mattino” su Radio1, in occasione del Giorno della memoria  è andata in onda un’intervista doppia a Sami Modiano, sopravvissuto ad Auschwitz, e a Simone Disegni, presidente UGEI. È possibile ascoltare la trasmissione in podcast qui.  

Ricordare Auschwitz per battere l’antisemitismo

Roma, 26 gennaio 2015 Alla vigilia delle celebrazioni che ricorderanno il 70° anniversario della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, appare a noi giovani ebrei italiani – qui ed oggi – non più rinviabile l’appello a tutte le istituzioni, alle forze politiche e sociali ed all’opinione pubblica a livello italiano ed europeo a fare tesoro delle lezioni di quella terribile pagina della storia contemporanea d’Europa per tradurle in azione concreta ed efficace di fronte […]

UGEI: Strage di Gerusalemme – Se la pace diventa un’utopia

Il 18 novembre – giorno del massacro terrorista alla Sinagoga Bnei Torà di Gerusalemme la cui violenza ha fatto tornare alla mente di alcuni i pogrom anti-ebraici di fine ‘800 – segni per chiunque crede nei principi del dialogo e della convivenza fra i popoli una data indimenticabile di lutto e di sgomento, perché ieri in quel bagno di sangue il sogno di una prospettiva di pace fra israeliani e palestinesi è diventato quanto di più simile ad […]

COMUNICATO STAMPA UGEI: Abominio morale l’assassinio di Mohammed,  basta giovani vite spezzate in Medio Oriente

E’ con orrore e sgomento che apprendiamo i dettagli sull’omicidio di Mohammed Abu Khadir, il giovane palestinese trovato senza vita alcuni giorni fa nei pressi di Gerusalemme, che sarebbe stato rapito e barbaramente ucciso da sei cittadini israeliani, arrestati dalla polizia nelle scorse ore, in un atto di “vendetta” per l’assassinio di Eyal Yifrach, Gilad Shaar e Naftalì Frenkel. Non vi sono parole per definire l’abominevole assurdità di tale crimine, che non soltanto oltraggia la memoria […]

Per non dimenticare Eyal, Gilad e Naftalì

  Non avevano più di 16 anni, Gilad Shaar e Naftalì Frenkel, giovani studenti di una yeshivà nei pressi di Gush Etzion, 19 ne aveva il loro compagno Eyal Yifrach. Il mondo ha vissuto con trepidazione i diciotto giorni passati dalla notizia del loro rapimento, lo scorso 12 giugno, nel’attesa febbrile di notizie finalmente certe sulla loro sorte e di una loro rapida liberazione, fra appelli di ogni genere. Nulla di tutto questo aveva un […]