Società e politica

Consiglio UGEIConsiglio UGEI7 marzo 2017
odioi.jpg

5min1010

odioi

La prevista proiezione di un filmato che diffonde odio contro Israele rifacendosi ai più grotteschi stereotipi antisemiti presso l’IIS Quintino Sella di Biella è fatto gravissimo di fronte a cui l’Ugei ha cercato di attivarsi subito, insieme al altre istituzioni (qui potete leggere la lettera della presidente Ucei Noemi Di Segni ai presidenti dell’Anpi Smuraglia e Cenati). Dopo aver contattato l’Ufficio Scolastico Provinciale abbiamo chiamato il Sostituto Provveditore, che si è dichiarato all’oscuro della vicenda si è attivato nei confronti della scuola.

E’ emerso che la provincia aveva concesso l’uso dei locali scolastici per la proiezione, senza che il preside fosse a conoscenza del materiale che sarebbe stato proiettato. Il preside e la provincia hanno provveduto alla revoca della concessione degli spazi nella giornata di oggi. 

Crediamo sia fondamentale favorire il dibattito e il confronto delle idee, non la diffusione di odio e antisemitismo. Inutile aggiungere a quale categoria appartenga il filmato di cui era prevista la proiezione.

Ecco l’articolo pubblicato da La Repubblica – Torino:

La Provincia di Biella revoca il premesso all’Anpi di proiettare un film intitolato ‘Israele, il cancro’ nelle scuole. In un primo tempo infatti l’associazione nazionale partigiani della Valle Elvo, aveva chiesto ospitalità negli istituti scolastici del territorio per la proiezione di “un documentario”, senza però specificare di cosa si trattasse.
“Solo dagli organi di stampa – spiegano dagli uffici provinciali – abbiamo avuto modo di prendere conoscenza della natura della proiezione: non un documentario come indicato da Anpi, ma un film di una regista (Samantha Comizzoli), che ha come caratteristica la narrazione di fatti e avvenimenti interpretati secondo il suo pensiero, e quindi in modo non oggettivo”.
“Gli istituti scolastici – afferma il presidente, Emanuele Ramella – non sono il luogo deputato a ospitare eventi che possano rappresentare un pensiero di parte su argomenti di rilievo politico, che vanno affrontati in altre sedi. Ho dunque ritenuto opportuno, oltreché corretto, revocare la concessione di utilizzo dell’aula scolastica concessa dal responsabile”.
Sulla vicenda interviene anche l’Unione delle comunità ebraiche italiane con la pesidente Noemi Di Segni che scrive al Presidente nazionale dell’Anpi Carlo Smuraglia e a quello per la Provincia di Milano Roberto Cenati per chiedere che l’Associazione degli ex Partigiani d’Italia impedisca ad una propria sezione di patrocinare la proiezione “di un film di una nota attivista antisionista ed antisemita” in una scuola.
“Gentili Presidenti Smuraglia e Cenati – scrive Di Segni – vi scrivo per portare doverosamente alla vostra attenzione l’aberrante iniziativa di una sezione dell’Associazione Nazionale Ex Partigiani d’Italia – la sezione Valle Elvo e Serra, attiva in Piemonte – che ha deciso di patrocinare la proiezione di un film di una nota attivista antisionista e antisemita prevista per questo venerdì a Biella, all’interno di un istituto scolastico.
I due promotori (Samantha Comizzoli e Diego Siragusa) cercano di riversare in rete e nel mondo dei social calunnie, odio e rancore. Il sostegno dell’Anpi a iniziative come quella che vi segnalo rappresenta quindi un fatto gravissimo e incomprensibile e duole ancor più nella considerazione che tale filmato divenga un’esperienza vissuta nella scuola, luogo nel quale esattamente al contrario, dovremmo coltivare i valori condivisi della

tolleranza e del rispetto. L’odio è una materia facilmente infiammabile, basta davvero poco per divampare in incendio”.
“Mi auguro conclude – che possiate intervenire al più presto e nei modi più opportuni per impedire che tale iniziativa avvenga e, al contrario, assicurare che tutte le Sezioni assieme alle tante Istituzioni e collettività scelgano di comunicare ai nostri ragazzi un messaggio di partecipazione e fiducia”.


Consiglio UGEIConsiglio UGEI17 febbraio 2017
wujs.jpg

17min1790
igor_sadikov_tweet
Uno dei tweet di Igor Sadikov

Di seguito la lettera aperta scritta dalla World Union of Jewish Students (WUJS), ombrello per le unioni giovanili ebraiche nazionali, come l’Ugei, a Igor Sadikov, autore di tweet esplicitamente antisemiti su Twitter.

16/02/2017

Open Letter to Igor Sadikov from international Jewish student leaders

wujsDear Igor,

As Jewish student leaders and activists around the world, we have seen and taken note of your extremely concerning rhetoric. Your comments implying that Jews are not “a legitimate ethnic group” and your encouragement via Twitter that your followers should “punch a Zionist” are both offensive and distressing. You have ignored calls for your resignation, reaffirming you show no remorse for your comments whatsoever.

Legitimate criticism of Israel is perfectly acceptable, but your rhetoric is not. Many activists in recent years, in an effort to avoid appearing antisemitic, have taken to making a distinction between Jewish people and Israeli actions, by targeting their comments at “Zionists,” not Jews, and “Zionism,” not Judaism or Jewish culture. This is not a workable shortcut.

Tweets such as yours put you in line with antisemitic movements that use the same verbiage, but for the opposite purpose: they spread anti-Jewish oppression under a white nationalist label. In 2005, well known former-KKK leader, David Duke, co-chaired an international conference titled “Zionism as the Biggest Threat to Modern Civilization.” For most associated with these antisemitic groups, “Zionists” are the demonic Jews controlling the world, in the style of the debunked Protocols of the Elders of Zion; and “Zionism” is the ideology of evildoing by Jews. Secondly, using the term “Zionists” does not protect Jews. It just makes people who bomb Jewish institutions, synagogues and schools, etc., call the people they are killing Zionists.

Zionism is not an insult. It is not a catch phrase, a code word for racism or imperialism, or the name for unpleasant things done by Jews. It stands for a huge range of beliefs and believers. The Jewish people is a three thousand year old ethno-religious group with shared cultural, religious and ethnic memory. While Zionism and Judaism are not the same thing, for the vast majority of Jews, a connection to the land, state and/or people of Israel forms an important part of their Jewish identity. Zionism is an ideology that, at its core, simply affirms the right of the Jewish people to self-determination in our ancestral homeland. If you would not deny any other national groups right to self-determination, but you maintain your denial of Jewish people to do the same, we have no choice but to label you an antisemite.

This letter has been written by activists of the World Union of Jewish Students, an international umbrella movement supporting Jewish student associations all over the world. We believe strongly that our movement must be intersectional and join the fight against all forms of oppression as true emancipation can only come from collective struggle. Too long has antisemitism been ignored by activists such as yourself and too long has our oppression been ignored by the wider student movement. Taking care to resist antisemitism is not about walking on eggshells or acquiescing to pressure. It is about making a greater commitment to refusing to take part in all forms of oppression.

As Jewish student leaders ourselves we stand unequivocally in solidarity with the Jewish students at McGill University who have felt personally attacked by you and join the chorus of those calling for you to step down from your position.

Yours sincerely,

  1. Yosef Tarshish, Chairperson, World Union of Jewish Students (WUJS)
  2. Samantha Miretzky, Board Chair, World Union of Jewish Students (WUJS)
  3. Daniel Cohen, Board Treasurer, World Union of Jewish Students (WUJS)
  4. Rachel Dingman, Board Member, World Union of Jewish Students (WUJS)
  5. Dan Smith, Board Member, World Union of Jewish Students (WUJS)
  6. Yoni Mann, Board Member, World Union of Jewish Students (WUJS)
  7. Hallel Silverman, Communications Director, World Union of Jewish Students (WUJS)
  8. Benny Fischer, President, European Union of Jewish Students (EUJS) & Jewish Student Union in Germany (JSUD)
  9. Talia Bidussa, Board Member, European Union of Jewish Students (EUJS)
  10. Noam Yossef, Board Member, European Union of Jewish Students (EUJS)
  11. Ofer Rosenblat, Board Member, European Union of Jewish Students (EUJS)
  12. Mike Delberg, Board Member, Jewish Student Union in Germany (JSUD)
  13. Lionel Reisch, Board Member, Jewish Student Union in Germany (JSUD)
  14. Dalia Grinfeld, Board Member, Jewish Student Union in Germany (JSUD)
  15. Arthur Bondarev, Board Member, Jewish Student Union in Germany (JSUD); Co-President, ELES Student Board
  16. Liana Kotliar, Co-President, ELES Student Board
  17. Josh Seitler, President, Union of Jewish Students of the UK & Ireland (UJS)
  18. Josh Nagli, Campaigns Director, Union of Jewish Students of the UK & Ireland (UJS)
  19. Liron Velleman, Campaigns Officer, Union of Jewish Students of the UK & Ireland (UJS)
  20. Sacha Ghozlan, President, Union of Jewish Students of France (UEJF)
  21. Jorge Testa, President, Federación de Estudiantes Judíos de Chile (FEJ)
  22. Salvador Reiss, Vice-President, Federación de Estudiantes Judíos de Chile (FEJ)
  23. Arièl Nacamulli, President, Jewish Youth Union of Italy (UGEI)
  24. Belle Polgar, National Chair, Australasian Union of Jewish Students (AUJS)
  25. Ariel Zohar, National Political Affairs Director, Australasian Union of Jewish Students (AUJS)
  26. Benjamin Hess, Co-Chair, Austrian Union of Jewish Students (JÖH)
  27. Benjamin Guttman, Co-Chair, Austrian Union of Jewish Students (JÖH)
  28. Emanuel Hess, Technical Director, Austrian Union of Jewish Students (JÖH)
  29. David Pinchasov, Treasurer, Austrian Union of Jewish Students (JÖH)
  30. Samy Schrott, Board Member, Austrian Union of Jewish Students (JÖH)
  31. Nadja Herscovici, Board member, Austrian Union of Jewish Students (JÖH)
  32. Julia Kerbel, President, Dutch of Jewish Students (IJAR-NL)
  33. Shoshanna Mogendorff, Secretary, Dutch of Jewish Students (IJAR-NL)
  34. Sarai Mock, Treasurer, Dutch of Jewish Students (IJAR-NL)
  35. David Csilik, President, Youth Council of the Federation of Jewish Communities of Hungary
  36. Judit Koszegi, Vice-President, Youth Council of the Federation of Jewish Communities of Hungary
  37. Jonas Dessauer, Chairman, Danish Jewish Youth Organization (DJUS)
  38. Victoria Godik, Chair, Ukrainian Union of Jewish Students (UUJS)
  39. Anna Vyshniakova, Diplomacy Committee Member, Ukrainian Union of Jewish Students (UUJS)
  40. Eden Djanashvili, Vice-President, Union of Jewish Students of Barcelona (UEJB)
  41. Gabriel Zollmann, National Chairperson, South African Union of Jewish Students (SAUJS)
  42. Cayla Urdang, National Director, South African Union of Jewish Students (SAUJS)
  43. Yair Katz, National Treasurer, South African Union of Jewish Students (SAUJS)
  44. Sarit Shull, National Women’s Officer, South African Union of Jewish Students (SAUJS)
  45. Dean Weil, Chairperson, SAUJS at the University of the Witwatersrand (South Africa)
  46. Eden Goldenberg, Chairperson, SAUJS at the University of Pretoria (South Africa)
  47. Mayer Stein, President, NETWORK: The American Union of Jewish Students
  48. Ezra Weinberger, Executive Vice-President, NETWORK: The American Union of Jewish Students
  49. Ross Beroff, Director of Partnerships and Outreach, NETWORK: The American Union of Jewish Students
  50. Misha Vilenchuk, National Campaigns Officer & New England Chair, NETWORK: The American Union of Jewish Students
  51. Nina Tojzner, President, Jewish Youth Union of Sweden (JUS)
  52. Yael Mosesson, Vice-President. Jewish Youth Union of Sweden (JUS)
  53. Navah Edelstein, Head of  Foreign Relations, The National Union of Israeli Students (NUIS)
  54. Gabriel Nissan, President, Mexican Federation of Jewish Youth (FeMeJJ)
  55. Adela Smeke, Secretary, Mexican Federation of Jewish Youth (FeMeJJ)
  56. Angela Penkar, President, Jewish Youth Pioneers of Mumbai (JYP-India)
  57. Gemma Adams, President, Birmingham Jewish Students Society (UK)
  58. Eliav Cohen Benchabo, Co-President, Manchester Jewish Students Society (UK)
  59. Leoni Benabu Morales, Co-President, Manchester Jewish Students Society (UK)
  60. Elliot Rose, Vice-President, Manchester Jewish Students Society (UK)
  61. Frankie Simons, Campaigns Officer, Manchester Jewish Students Society (UK)
  62. Jess Baskind, Interfaith Officer, Manchester Jewish Students Society (UK)
  63. Lily Glaskie, President, Bristol University Jewish Society (UK)
  64. Zoe Daniels, President, Liverpool Jewish Students Society (UK)
  65. Elena Odier, President, University of Warwick Jewish Israeli Students Society (UK)
  66. Luz Toff, Co-President, Brighton and Sussex Jewish Students Society (UK)
  67. Benjamin Freed, Co-President, Brighton and Sussex Jewish Students Society (UK)
  68. Leo Brosh, Founder, Hong Kong Jewish Students Society (China)
  69. Raphael Hassan, President, Bocconi Jewish Student Association (Italy)
  70. Andi Gergely, Former Chairperson (2014-15), World Union of Jewish Students (WUJS)
  71. Chaya Pomeranz, Former Chairperson (2013), World Union of Jewish Students (WUJS)
  72. Tamar Shchory, Former Chairperson (2007-08), World Union of Jewish Students (WUJS)
  73. Dean Sherr, Former National Chair (2015), Australasian Union of Jewish Students (AUJS)
  74. Micky Fisher, Former National Chair (2016), Australasian Union of Jewish Students (AUJS)
  75. Ariela Carno, Former National Chair (2013-2014), South African Union of Jewish Students (SAUJS)
  76. Dani Hovsha, Former National Chair (2016), South African Union of Jewish Students (SAUJS)
  77. Jack E. Civre, Founding Member, Turkish Union of Jewish Students; Member, WJC Jewish Diplomatic Corps
  78. Eden Adler, President, Hebrew University of Jerusalem – AEPi Chapter
  79. Noah Ohringer, Founding Father, University of St Andrews – AEPi Chapter
  80. Jordan S. Mizrahi, Founding Father, University of Bristol – AEPi Chapter.
  81. Benjamin Ezzes, President, Sydney Metro – AEPi Chapter

Per aggiungere il tuo nome alla lista scrivi a yosef@wujs.org.il

 


Consiglio UGEIConsiglio UGEI12 febbraio 2017
lepen-500x375.jpg

4min1030

lepen

I giovani italoisraeliani preoccupati per le dichiarazioni di Marine Le Pen sulla doppia cittadinanza 
I giovani italoisraeliani sono preoccupati per le dichiarazioni di Marine le Pen in tema di doppia cittadinanza. Lo esprime con un comunicato la “Giovane Kehilà”, l’organizzazione giovanile dei giovani italiani in Israele, in cui si porta solidarietà ai francoisraeliani e alla comunità ebraica francese e si condannano le dichiarazioni della presidente e candidata all’Eliseo del Front National Marine Le Pen.
“La candidata del Front National all’Eliseo Marine Le Pen, fedele al suo stile, tenta di sobillare gli animi di quell’elettorato che ha fatto la triste fortuna sua e di suo padre puntando il dito contro i possessori di doppia cittadinanza, e chiamando –  guarda la coincidenza – direttamente in causa i francoisraeliani, affermando che in caso di sua elezione alla presidenza saranno chiamati a scegliere quale delle due cittadinanze mantenere” si legge nel comunicato, che poi afferma “non potevamo aspettarci altro, da una candidata che ha più volte suggerito agli ebrei francesi di non indossare la kippah nei luoghi pubblici per non diventare oggetto di aggressione antisemita – come dire a una ragazza di non indossare la minigonna per non essere stuprata – e che si propone di mettere al bando, se mai sarà eletta, la macellazione kasher. Marine mette la cipria alla sua ‘nuova destra’, ma nonostante i toni più pacati e il lifting operato al suo partito ha la stessa faccia e anima del padre. La faccia e l’anima dell’estrema destra e della xenofobia. Esprimiamo la nostra solidarietà alla Comunità ebraica francese, che in queste ore ‘qualcuno’ accusa sottilmente di ‘doppia fedeltà’ e ai nostri compatrioti giovani francoisraeliani, loro malgrado oggetto in queste ore di campagna e manovre elettorali”.
Il comunicato conclude che “la Giovane Kehilà, in quanto organizzazione di giovani fieri della propria identità italiana e israeliana, continuerà a battersi per il diritto di ogni ebreo a fare aliyah senza ripercussioni sui suoi diritti e sulla sua sicurezza e affinché certe suggestioni neofasciste non trovino mai ascolto e ribalta nell’arena politica in Italia”.
Per maggiori informazioni:  
Dario Sanchez, portavoce
Michael Sierra, coordinatore generale: Giovane.Kehila@gmail.com  
gkehilla

Consiglio UGEIConsiglio UGEI7 febbraio 2017
nofasci-500x199.jpg

1min750

nofasci

Comunicato UGEI – Unione Giovani Ebrei d’Italia

Milano, 7 febbraio 2017

Accogliamo e facciamo nostro lo sdegno dei giovani di Genova, di fronte all’ipotesi di vedere organizzato, nel capoluogo ligure, un convegno dell’ultradestra razzista e antisemita sabato 11 febbraio. La risposta della città, forte e decisa, è una legittima rivendicazione dei diritti di libertà e democrazia.
“Non saremo in piazza con loro per la concomitanza con il giorno di festa ebraico dello Shabbat – aggiunge il Presidente Ugei, Ariel Nacamulli – ma vogliamo sostenere attivamente la voce di chi si muove per difendere i valori democratici e antifascisti su cui il nostro Paese ha posato le fondamenta”.

Il Consiglio Ugei


Consiglio UGEIConsiglio UGEI27 gennaio 2017
gm1.jpg

4min1180

gm1Ogni anno il 27 gennaio assisto alla medesima scena, e con i social network ciò non fa che aumentare: da una parte ebrei e non, che citano a manetta Primo Levi, Elie Wiesel, Chaim Potok e molti altri autori magari senza aver nemmeno letto i loro libri, da un’altra chi si accanisce con la Giornata della Memoria sostenendo “perché solo gli ebrei? Gli armeni? I nativi americani? O anche solo tutte le altre minoranze vittime dei nazisti come rom, omosessuali e malati di mente? Sono morti di serie B?”; e poi (i peggiori) quelli che si lamentano che “sì sì abbiamo capito poveri ebrei ma tanto lobby sionista di qua lobby ebraica di là, si parla di loro perché sono potenti”. Io non ricordo il mio popolo oggi e basta. E sono davvero stanca che questa Giornata, nata con le migliori intenzioni, sia un ennesimo modo di attaccare Israele, da parte di quegli ignoranti che ancora confondono ebreo e israeliano, non rendendosi conto che è come dire che un carciofo è uguale a un lampadario.

gm2Paradossalmente comprendo più il negazionismo che questa dilagante banalizzazione. Almeno posso pensare che chi nega lo fa perché si nasconde incapace di capire così tanta malvagità (ma resta comunque un deficiente). La banalizzazione però è peggio. Significa che tutte quelle morti, tutte quelle sofferenze, di tutti, puff, scompaiono. Basta usare il giorno della memoria giusto per dire “ci penso almeno oggi”, basta usarlo per attaccare Israele, o per far finta in quel giorno di ricordarsi anche di tutti gli altri, rom, zingari, omosessuali, malati di mente, prigionieri politici e le loro stelle rosse marroni eccetera. Perché tanto, chi davvero ha a cuore tutto ciò, indipendentemente dal fatto che pensi agli ebrei o agli altri, ci penserà anche il 13 di febbraio, il 30 di maggio e il 6 di settembre.

La banalizzazione è il male più grande in cui possiamo incorrere. E noi, popolo che ama la vita, noi che amiamo la vita in tutte le sue sfaccettature, non possiamo permettere che di qui ad anni si crei il binomio ebreo-Shoah, come purtroppo già accade. Perché essere ebrei è vita, non è morte. Essere ebrei è avere una certa tradizione, è cantare l’Hatikvà sia da sionisti sia se non lo si è. È fare il kiddush il venerdì sera, è ballare a un bar mitzvà e gioire con gli amici e i parenti, è mangiare a Rosh Hashanà il melograno, a Pesach la matzà, accendere i lumi a Chanukkà. È dire “l’anno prossimo a Yerushalaim!”. Non diciamo forse “lechaim” (“alla vita”) dopo la benedizione del vino? Non regaliamo ciondoli con scritto “chai” come portafortuna? Essere ebrei è vita, non solo morte, non solo oggi.

Carlotta Micaela Jarach, milanese. Studia in Svizzera
Carlotta Micaela Jarach, milanese. Studia in Svizzera


UGEI

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono.


Contattaci