Società e politica

Un giornale aperto al libero confronto delle idee

Apologia di Ivanka

Da quando si è affacciata sulla scena politica statunitense a fianco del padre, Ivanka Trump è stata al centro dell’attenzione dell’ebraismo mondiale (e non solo). La neo-first daughter ha suscitato da subito grandi entusiasmi ma anche numerose critiche. I social network “ebraici” ne hanno esaltato il ruolo di promotrice degli interessi di Israele e del popolo ebraico per una nuova era post-Obama, ma non le hanno nemmeno risparmiato nulla, dal modo di vestire non rispettoso […]

Continua a leggere »

Gli ebrei integrali e gli altri

“Io sono un ebreo che non va al tempio di sabato, che non conosce l’ebraico, che non osserva alcuna pratica di culto […] eppure io tengo al mio ebraismo e voglio tutelarlo […] Non sono sionista: non sono dunque un ebreo integrale. Per i sionisti, per gli ebrei integrali, non c’è che un solo problema, quello ebraico”. Così parlava Nello Rosselli nel novembre 1924, durante il IV Convegno giovanile ebraico di Livorno. “Mi dico ebreo”, […]

Continua a leggere »

Dialogo interreligioso, l’Ugei dal Ministro Minniti con musulmani e cristiani: giovani, pionieri di nuova umanità

  Comunicato stampa UGEI, pubblicato da AgenPress.it: Dialogo interreligioso giovani ebrei, musulmani, cristiani. Minniti: giovani, pionieri di nuova umanità “Il futuro non sia prigioniero del passato. Giovani ebrei, musulmani e cristiani, pionieri di una nuova umanità”. Lo ha dichiarato oggi il Ministro degli Interni, Marco Minniti nell’incontro al Viminale con la delegazione ebraica UGEI – Unione Giovani Ebrei d’Italia, i giovani del CII – Confederazione Islamica Italiana e la rappresenta Giovanile di Sant’Egidio. ”Quello di […]

Continua a leggere »

Per quale pace? Le allegre chiacchiere tra i signori Donald Trump e Abu Mazen

Abu Mazen è andato a chiacchierare con Donald Trump, che si è detto disposto a fare da mediatore di pace. A parte l’ossimoro del signore della guerra mediatore di pace. Abu Mazen si è detto favorevole alla risoluzione del conflitto, sì, ma con i confini del  ’67. Interessante… ma secondo voi se Mattarella si alzasse domani mattina potrebbe dire guardate cara Europa e annessi io voglio la pace purché concediate all’Italia i confini dell’Impero Romano?

Continua a leggere »

Suffragio universale: conquista o maledizione?

L’anno che si è da alcuni mesi concluso, dal punto di vista politico, ha avuto dei risvolti negativi storici. Ci riferiamo, su tutti, al risultato del referendum sulla Brexit a giugno, che, sovvertendo i sondaggi, ha sancito il divorzio tra il Regno Unito (o Londra, come dicono i media) e l’Unione Europea, e alle elezioni negli Stati Uniti d’America, che anch’esse hanno riservato una sorpresa, ossia la vittoria della controversa e ambigua figura del miliardario […]

Continua a leggere »