Società e politica

Consiglio UGEIConsiglio UGEI15 giugno 2018
populismo.jpg

9min1009

Il 1° giugno 2018, dopo ben ottantotto giorni dalle elezioni politiche, si è insediato il governo Conte, guidato dall’omonimo giurista e docente universitario, con una composizione politica di Lega Nord e Movimento 5 Stelle, i due partiti rispettivamente di destra radicale euroscettica e di stampo populista, entrambi con una modalità di agire molto simile a quella del fascismo. Infatti i due partiti si pongono come rappresentanti dell’intero popolo e della sua volontà e sovranità (dimenticandosi che il popolo esercita la sovranità nei limiti della stessa Costituzione); sono la voce di tutta l’ignoranza, il razzismo e il qualunquismo imperante nel Belpaese e ampliato a macchia d’olio grazie a Facebook; provocavano il governo con modalità aggressive quando erano all’opposizione, e soprattutto ritengono democrazia e volontà popolare le proprie idee mentre sono  “cose da pdioti” quelle affermate da chiunque non la pensi come loro. Rassicurante come quadro, no?

Ma andiamo nel dettaglio a vedere chi è che compone questo esecutivo: abbiamo innanzitutto un Primo Ministro che non ricorda (o finge di non ricordare) il nome di Piersanti Mattarella, fratello del Capo dello Stato, ucciso dalla mafia nel 1980, e definito semplicemente un “congiunto”; un Ministro della Salute che, pur essendo medico legale, nega l’importanza dei vaccini obbligatori, sostenendo che essi debbano diventarlo solo a epidemia in corso (che sarebbe come dire mettersi un giubbotto antiproiettile solo dopo aver ricevuto lo sparo), e in questo modo dà voce e ossigeno a tutto il movimento no-vax che nega il valore della medicina e delle scoperte costate decenni di lavoro e di ricerche, anche per mezzo di insulti, un po’ come faceva la massa della popolazione ai tempi dei Promessi Sposi (la credenza degli untori); un Ministro per la Famiglia con idee retrograde e medievali, omofobo, sostenitore dell’esclusività della “famiglia tradizionale” e contrario all’aborto (che è invece un diritto fondamentale che va garantito a ogni donna). Merita però una menzione speciale il Ministro dell’Interno, che è la personificazione della disumanità: si comporta ancora come se fosse in campagna elettorale, aizza le masse a odiare il diverso, crea un caso diplomatico con la Tunisia, si rifiuta (in nome del pugno duro) di far attraccare ai porti italiani un barcone che rischia di rovesciarsi (con la massa di persone su Facebook a inneggiare alla morte dei migranti in pericolo di vita), si complimenta esplicitamente per l’uccisione di un ragazzo da parte delle forze di  polizia. E soprattutto (cosa più preoccupante in assoluto) fomenta lo squadrismo, crea in versione moderna e digitale il vecchio concetto delle liste di proscrizione di epoca romana, di Marco Antonio e Cesare. Sei nelle liste di proscrizione? Chiunque ti può uccidere e il suo atto resterà impunito. Vittima illustre delle liste di proscrizione fu l’oratore Cicerone. Siamo allo stesso livello oggi, potremmo chiamarle liste di proscrizione 2.0: se domani, dopodomani o fra un anno un rom, un nero o comunque un individuo “diverso” dovesse essere ucciso, non ci sarebbe da stupirsi se il nostro Ministro dell’Interno non condannasse l’omicidio, cosicché le masse siano sempre più legittimate a odiare. Pensiamo un momento a ottant’anni fa: lo stesso odio gratuito e di massa si riversava verso il popolo ebraico, e portò in Italia e in Germania alle leggi razziste, portò alla Notte dei Cristalli, portò alla Shoah. Peraltro, a proposito di ebrei, il primo e supremo leader del Movimento 5 Stelle è un individuo che a più riprese ha mostrato una preoccupante avversione all’ebraismo (per citare alcuni esempi: la sua banalizzazione del Giorno della Memoria e del suo significato oppure la sua autodefinizione di individuo “oltre Hitler”).

I due partiti che sono rappresentati nell’esecutivo non hanno nemmeno applaudito l’intervento, a mio dire eloquente e ineccepibile, della senatrice Liliana Segre, che in nome della barbarie nazista che ha vissuto in prima persona, ha dichiarato la sua più ferma opposizione a qualunque legge contro i rom e le minoranze in generale, attirandosi per altro gli insulti di un buon numero di commentatori seriali di Facebook che le hanno augurato di essere derubata da uno zingaro, affermando che è certamente peggio che vivere in un campo di concentramento. Ma su questo punto è meglio sorvolare e fingere di non aver letto, tenendo solo a mente che questi commentatori seriali sono in mezzo a noi e potremmo incontrarli per strada.

Piuttosto, prendendo spunto dall’intervento della stessa Liliana Segre, voglio lanciare il mio appello: qualunque ebreo che nel segreto dell’urna ha messo la propria croce sul simbolo della Lega (o peggio sul simbolo dei 5 Stelle), oggi deve mettere una mano sulla propria coscienza. Magari il voto alla Lega è andato in nome della (presunta?) amicizia del suo leader nei confronti dello Stato di Israele (da più parti ho visto su Facebook pagine simpatizzanti per Israele inneggiare all’attuale Ministro dell’Interno), ma il risultato di oggi è un governo che si avvicina molto allo squadrismo, un governo che non si farà scrupoli a isolare le minoranze e a far vivere loro quello che i nostri fratelli correligionari hanno vissuto ottant’anni fa quando, in fuga dalla persecuzione, si sono visti respinti alle frontiere. Non fa nemmeno onore a Israele avere come (sedicente) amico un individuo di valori umani così infimi e meschini.

Noi come ebrei siamo appena venticinquemila in tutta Italia, più o meno lo stesso numero di abitanti che ha Isernia, in Molise. Ma siamo pur sempre una minoranza estremamente integrata e “rumorosa”, e abbiamo il compito di opporci categoricamente a qualunque iniziativa di stampo razzista di questo governo, e far sentire la nostra voce ogni qualvolta ciò dovesse accadere. Chi dimentica è complice, chi dà loro il voto è complice di questa macchina, è un franco tiratore.

Oggi sono i rom, i musulmani e i migranti africani, ma domani potremmo essere nuovamente noi. Non servono proclami come “passaporto pronto” o simili. Serve piuttosto prestare costante attenzione, e magari avere pronto il microfono, prima del passaporto. Israele è certamente un punto fermo e fondamentale per la nostra vita di ebrei, ma non può e non deve essere l’unica ragione delle nostre scelte politiche in Italia e in Europa. Chi sceglie di continuare a vivere in Europa, deve lavorare nell’interesse primario di questa bellissima e fondamentale realtà: un’Europa che sia sicura, accogliente e che sappia sempre garantirci i valori e i diritti per la cui conquista le passate generazioni hanno dovuto lottare duramente. E questo significa combattere a ogni costo il razzismo, il nazionalismo e la xenofobia, anche laddove i partiti portatori di tali valori si dichiarassero amici e sostenitori dello Stato di Israele.

Simone Bedarida


Consiglio UGEIConsiglio UGEI4 giugno 2018
maxxi.png

6min472

“The Racist Law” è il nome del convegno tenutosi domenica 27 maggio a Roma, presso il MAXXI. Il tema della conferenza è stato l’antisemitismo, in particolare nel contesto della storia italiana.

Inizia con i saluti dell’Ambasciatore nonché capo della delegazione italiana IHRA (International Holocaust Remembrance Alliance) Sandro De Bernardin a della Presidentessa UCEI Noemi Di Segni, i quali introducono il tema dell’antisemitismo, ponendo come punto di domanda e riflessione, come e quando vederne i primi segnali nella nostra società. Sono seguiti gli interventi dei numerosi ospiti, che hanno affrontato l’argomento da diversi punti di vista. Steve Katz, esperto americano della storia della Shoah ha fornito un’introduzione storica dell’antisemitismo. Partendo dalla concezione apostolica degli ebrei, sviluppa un discorso in tappe storiografiche, passando per il medioevo, la rivoluzione francese, fino al XX secolo. Con il cristianesimo nasce la concezione metafisica dell’ebreo, quella parte di umanità che ha rifiutato la rivelazione messianica. Il deicidio come colpa ontologica rende l’ebreo colpevole e crudele per natura agli occhi della popolazione europea. La sua condizione di diverso e malvagio sembrerebbe apparentemente trovare la sua fine con le rivoluzioni americana e francese e la conseguente emancipazione; ma ne fa invece seguito un antisemitismo diverso, su base etniconazionale prima, per poi raggiungere il culmine fra le due guerre mondiali, con l’antisemitismo razzista su base biologica. Segue l’intervento dell’ex premier Giuliano Amato, che inizia il suo discorso ragionando sulla “differenziazione” e la “discriminazione” in ambito legale. La differenziazione non è un male di per sé, siamo tutti ugualmente diversi, ma lo diventa quando diventa presupposto di discriminazione, favorendo un gruppo e perseguitando un altro. Il percorso per l’uguaglianza è stato lungo e non è ancora completamente raggiunto. Riflette sull’importanza del linguaggio giuridico, non sempre rispecchiato nei comportamenti degli individui, ma comunque alla base della giustizia sociale. Sottolinea, infine, la differenza fra il razzismo usato nel corso dei secoli per la sottomissione dei popoli diversi dal proprio e l’antisemitismo del XX secolo; il primo con il fine di sfruttamento dei diversi e del consolidamento di società gerarchizzate; il secondo con il fine della totale eliminazione degli ebrei. Il discorso inizia quindi a focalizzarsi sulle leggi razziste. A contestualizzarle all’interno del regime fascista è l’intervento successivo della professoressa Lucia Ceci, insegnante di Storia a Tor Vergata, che descrive i “testi di legge organica su Eritrea a Somalia”, del 1933. E’ a partire da questi infatti che inizia a comparire il linguaggio razzista all’interno del regime. Con la conquista dell’Etiopia, l’Italia diventa razzista; la legislazione antiebraica rappresenta un salto di qualità, non considerabile una conseguenza inevitabile della legislazione razzista coloniale, ma nel clima culturale della quale si inserisce. Il professor Francesco Cassata ha invece spiegato il ruolo dell’eugenetica, soffermandosi sull’influenza del cattolicesimo nell’eugenetica italiana. A dare informazioni tecniche e dettagliate sulle leggi razziste del 1938 è Michele Sarfatti, con l’intervento conclusivo della prima sessione.

La seconda sessione inizia con l’intervento di Roberto Finzi, professore di storia economica, sulla sorte dei professori universitari ebrei cacciati con le leggi razziste. Il mondo universitario italiano non ha mai fatto i conti con questa vicenda. Un’occasione di rinnovamento mancato, quello che successe nel dopoguerra. Casi tragici come il caso Terni ne sono emblema. Una parentesi del rapporto fra Chiesa e persecuzioni razziste durante la seconda guerra mondiale viene fornita dal Professor Melloni (università di Modena). Gli speaker successivi riprendono una prospettiva più internazionale, con l’intervento di Michel Rosenfeld sull’antisemitismo e la discriminazione razzista in America, del professor Shaub sulla discriminazione nei confronti dei convertiti nel mondo ispanico e del Professor Ten Have sulle legislazioni razziste nei paesi occupati, con l’esempio particolare dell’Olanda. A concludere il seminario è l’intervento (fuori programma) di Yehuda Bauer, per decenni capo delle ricerche storiche dello Yad Vashem e fondatore di IHRA, con un sollecito legare tutta la teoria esposta durante la giornata con quello che è la realtà quotidiana: l’antisemitismo non è sempre presente e non va dato per scontato, ma quando c’è, è importante saperlo affrontare

Una conferenza dunque ricca di spunti di riflessioni e di ricordo degli eventi passati. L’antisemitismo va e viene nel corso della storia e dei popoli, ma conoscendo il passato e comprendendone le dinamiche saremo pronti ad affrontare il futuro.

Giulio Piperno


Consiglio UGEIConsiglio UGEI26 aprile 2018
25apriletorino.a.jpg

4min180

“Il fascismo non esiste perché Israele alleato dell’Europa non spara con i cecchini ai palestinesi”, scandisce sarcasticamente tale Leonardo Baroni, “rappresentante dei giovani antifascisti”, sul palco che a Torino celebra il 25 aprile. A simili amenità ormai ci stiamo abituando, direbbe qualcuno. E non si può dire che l’uscita non fosse nell’aria, perché Baroni, che gli organizzatori della manifestazione hanno piazzato sul palco, ha tenuto per una decina di minuti una lunga arringa nel perfetto stile dell’insalata mista. Nella scodella del fascismo ha versato un po’ di tutto: da Minniti a Casa Pound, dalle tensioni al confine francese alle differenze di genere, dall’assenza di corridoi umanitari alla “repressione del movimento No Tav”, dal lavoro per chi non ce l’ha a quello mal pagato di chi consegna pizze a domicilio, dall’omofobia a piazza Fontana, l’Italicus, la stazione di Bologna e l’anarchico Pinelli. E, naturalmente, Israele che spara con i suoi cecchini.

E prima? Prima c’era stata la bella marcia con le fiaccole di duemila persone da piazza Arbarello a piazza Castello, con la consueta consistente presenza della Comunità ebraica. C’era stata la solita ventina di fanatici a margine del corteo che, con bandiere e striscioni di odio, sostengono esplicitamente le medesime posizioni dei terroristi arabi palestinesi. C’erano le istituzioni, con la sindaca Chiara Appendino che però se ne è tranquillamente andata subito dopo la fiaccolata, prima che cominciassero i discorsi delle autorità. Prima c’era stato, soprattutto, l’intervento di Bruno Segre, classe 1918, che con un breve e vibrante discorso ha messo in guardia dagli “analfabeti della democrazia e i nostalgici della dittatura” e ha concluso citando “La resistibile ascesa di Arturo Ui” di Bertolt Brecht: “il grembo da cui nacque il mostro è ancor fecondo”.

E dopo? Dopo c’è ancora stato tempo per assistere all’incredibile villania di coloro che spesso troppo bonariamente vengono definiti “antagonisti”, che hanno intonato “Bella ciao” durante l’inno nazionale e slogan sulla Resistenza durante “Bella ciao”.

Ma torniamo all’insalata mista e ai cecchini israeliani. Leonardo Baroni è certamente libero di pensare quello che preferisce, come sono libero io di definire le sue parole una sequenza di ignobili mascalzonate che sbiadiscono l’identità del fascismo e dell’antifascismo, per non dir niente della criminalizzazione di Israele. Sarei più interessato a sentire che cosa ne pensano gli organizzatori, Anpi in testa, della bella prova di eloquio del virgulto antifascista a cui è stato offerto di diventare voce del 25 aprile cittadino. Chiedo loro, semplicemente e sommessamente, spiegazioni. Perché è stato un 25 aprile umiliante e, su questo non ho dubbi, non solo per me. Questo non significa che sia disposto a rinunciare alla festa della Liberazione: fra un anno sarò di nuovo qui, ne sono certo, con molti ebrei torinesi. Con la speranza, a dire il vero abbastanza flebile, che nel frattempo l’Anpi risponda.

Giorgio Berruto

Da Moked.it


Consiglio UGEIConsiglio UGEI20 aprile 2018
Mostra_Ebrei_per_l_Italia-500x311.png

3min240

Il 16 gennaio 1916, nell’aula magna dell’Università di Padova, il senatore Vittorio Polacco e il deputato Salvatore Barzilai intervengono per commemorare Giacomo Venezian, professore universitario caduto presso San Martino del Carso. Giacomo Venezian era ebreo triestino, convinto interventista prima del 24 maggio e volontario nell’esercito italiano dopo, dunque traditore agli occhi di chi allora governava la sua città. Anche Salvatore Barzilai e Vittorio Polacco sono ebrei. Eppure nei loro discorsi non si trova un solo cenno all’identità ebraica di Venezian. È solo un episodio, eppure è rappresentativo del sentire di tanti ebrei italiani, che partecipano alla Grande Guerra come italiani, non come ebrei e anzi, non di rado, nascondo di essere ebrei per essere come gli altri, tra gli altri, sul sottile confine tra integrazione e assimilazione.

Giacomo Venezian

Fino a qui niente di troppo strano, eppure bisogna fare i conti con i numeri. E i numeri dicono che tanti ebrei partecipano al conflitto da volontari, e tantissimi, in proporzione, sono gli ufficiali (50% contro 4% di media nazionale) e i decorati (12,7% contro 4%). Certo, è necessario considerare la correlazione tra queste cifre: i decorati in assoluto sono molto più numerosi tra gli ufficiali, i cui quadri sono composti in larga misura dalla media borghesia urbana, e di questa fanno parte molti ebrei nel nostro Paese. Eppure la partecipazione al conflitto, ma anche l’adesione all’esperienza complessiva della guerra, nuova e traumatica, è evidentemente di massa nel mondo ebraico. Sembra di percepire lo sforzo di dare di più al proprio Paese, forse anche per dimostrare a se stessi prima ancora che agli altri una appartenenza che è anche riconoscenza? Impossibile non pensare ai diritti, ottenuti pochi decenni prima e nuovamente persi appena venti anni dopo la conclusione della guerra, di questa guerra, quando le leggi razziste volute dal regime fascista apriranno le porte verso le deportazioni e lo sterminio. La mostra fotografica “1915-1918 Ebrei per l’Italia”, curata dal Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (CDEC) con preciso intento didattico, a Torino fino al 4 maggio, consente di porre e porsi questi e numerosi altri interrogativi. È una tappa indispensabile per riflettere sulla nostra identità di ieri e di oggi, di italiani ed ebrei.

Giorgio Berruto

Da Moked.it


Consiglio UGEIConsiglio UGEI15 aprile 2018
felice-almansi-345x500.jpg

3min240

“Cassetta della nonna” c’è scritto, piccolo piccolo, sulla targhetta delle minuscole chiavi tubolari. Qui nella cantina della zia, una cantina grande, come quelle delle vecchie case, di casse ce ne sono diverse, ma nessuna è chiusa a chiave, tranne quella su uno scaffale lassù in alto, rettangolare e disadorna, coperta dalla polvere di anni, di decenni forse. La tiro giù con attenzione, per evitare di rovesciarmi addosso un groviglio di ragnatele antiche e di sporco, ed eccola qui. Proviamo le chiavi.

Due morbidi sacchi di tela fine leggermente consunta con appuntati sopra due biglietti scritti a mano con bella grafia femminile matura. Sfilo gli spilli arrugginiti, leggo: “Divisa da ufficiale del mio adorato Felice – felice di correre ai pericoli della guerra”, “Divisa da garibaldino del mio adorato Aldo umanitario”. Sciolgo le cordicelle, apro i pacchetti. Sono uniformi militari. La prima è di Felice Almansi, morto in trincea nel 1917, probabilmente di spagnola. La seconda del fratello Aldo, volontario in Grecia con Ricciotti Garibaldi, caduto nel 1914. Ci sono anche i berretti militari, incartati con giornali che portano la data: anno XIV, dunque 1936. La camicia rossa di Aldo, con la fascia bianca della croce rossa, è avvolta con tutti gli altri indumenti nella bandiera garibaldina. Tranne qualche strappo sugli involucri di tela e i berretti sformati, è tutto in perfette condizioni, certo grazie alla cura con cui la madre dei giovani, Fortuna Formiggini, ha conservato quello che la patria le rendeva, insieme al pallido, davvero pallido onore di essere l’unica donna di tutta Scandiano, tra Reggio Emilia e Modena, ad aver perso entrambi i figli maschi nella Grande guerra. In nome della patria, quella stessa patria che solo pochi anni dopo, con le leggi razziste del 1938, avrebbe tradito in modo irrimediabile chi, ebreo, per essa aveva combattuto. Soltanto cento anni fa: un tempo che sembra lontanissimo, sul punto di svanire e forse anche già svanito altrove ma non qui, in questa cantina.

Giorgio Berruto

Da Moked.it

La lapide in memoria di Felice Almansi nel cimitero ebraico di Scandiano


UGEI

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono.


Contattaci