Shoah

Un giornale aperto al libero confronto delle idee

Ebraismo contro natura – La lezione di Jean Améry

Il tempo, è cosa nota, può rimarginare anche le ferite più profonde. Perché lo scorrere del tempo è naturale, e che cos’è la natura se non l’ambiente circostante che continuamente si rinnova, il ciclo della vita, l’erba che cresce, la pioggia che cade? Anche accanto ai crematori di Auschwitz, dove i cadaveri venivano ammassati uno sull’altro a mucchi, oggi cresce l’erba e le foglioline verde opaco delle betulle stormiscono al vento nelle giornate belle d’estate. […]

Continua a leggere »

Partire da Auschwitz – una riflessione sul significato del Viaggio della Memoria

Per il secondo anno di fila l’Ugei organizza un Viaggio della Memoria per i giovani ebrei italiani. Dal 29 ottobre al 1° novembre visiteremo Dachau e Monaco, Salisburgo e Mauthausen (qui per ulteriori informazioni e per procedere all’iscrizione). Ma prima di partire, forse, può essere utile riflettere sul significato di questa esperienza. Perché la prassi del Viaggio della Memoria è sempre più diffusa, e non di rado l’impressione è che si trasformi in un pellegrinaggio […]

Continua a leggere »

Il programma di Santoro su Hitler, una riflessione a freddo: democrazia non è dire ciò che si vuole

Le puntate di M, nuovo programma di Michele Santoro andato in onda il 22 e il 29 giugno, ci rivelano più di quanto sembra. Partendo dal format stesso, abbiamo assistito a un esperimento, un genere di trasmissione innovativa: attori in diretta, spezzoni di una – discutibile – mini serie, confronto tra esperti e giovani ragazzi di diverse estrazioni. Come è noto, quando ci sono molte variabili in gioco diventa difficile controllare il tutto. Infatti, la […]

Continua a leggere »

Il programma di Santoro e la Shoah: paragonare/comparare

Giovedì 22 e 29 giugno sono stato invitato, in qualità di rappresentante Ugei e responsabile di Hatikwà, al programma “M”, ideato e diretto su Rai 2 da Michele Santoro, dedicato alla figura di Adolf Hitler. Non mi interessa qui fare un’analisi della trasmissione o dare giudizi complessivi. Poiché mi è stato concesso uno spazio esiguo rispetto a quello che mi era stato assicurato prima della trasmissione, vorrei riprendere e dettagliare un po’ meglio il mio […]

Continua a leggere »

Il pogrom di Kielce e la Chiesa, 4 luglio 1946 – 4 luglio 2017

Nella città di Kielce, nella Polonia meridionale, nel 1941 vivevano 24.000 ebrei, più o meno tanti quanti gli iscritti oggi a comunità ebraiche italiane. Nei primi mesi del 1945 erano rimasti in due. Gli altri erano stati assassinati sul posto oppure deportati a Treblinka e uccisi all’arrivo con i gas. Nei mesi successivi alla fine della guerra tornarono circa 150 sopravvissuti, lo 0,6% della popolazione originaria. Passò poco più di un anno. Il 4 luglio […]

Continua a leggere »