Hatikwà

Consiglio UGEIConsiglio UGEI4 giugno 2018
maxxi.png

6min485

“The Racist Law” è il nome del convegno tenutosi domenica 27 maggio a Roma, presso il MAXXI. Il tema della conferenza è stato l’antisemitismo, in particolare nel contesto della storia italiana.

Inizia con i saluti dell’Ambasciatore nonché capo della delegazione italiana IHRA (International Holocaust Remembrance Alliance) Sandro De Bernardin a della Presidentessa UCEI Noemi Di Segni, i quali introducono il tema dell’antisemitismo, ponendo come punto di domanda e riflessione, come e quando vederne i primi segnali nella nostra società. Sono seguiti gli interventi dei numerosi ospiti, che hanno affrontato l’argomento da diversi punti di vista. Steve Katz, esperto americano della storia della Shoah ha fornito un’introduzione storica dell’antisemitismo. Partendo dalla concezione apostolica degli ebrei, sviluppa un discorso in tappe storiografiche, passando per il medioevo, la rivoluzione francese, fino al XX secolo. Con il cristianesimo nasce la concezione metafisica dell’ebreo, quella parte di umanità che ha rifiutato la rivelazione messianica. Il deicidio come colpa ontologica rende l’ebreo colpevole e crudele per natura agli occhi della popolazione europea. La sua condizione di diverso e malvagio sembrerebbe apparentemente trovare la sua fine con le rivoluzioni americana e francese e la conseguente emancipazione; ma ne fa invece seguito un antisemitismo diverso, su base etniconazionale prima, per poi raggiungere il culmine fra le due guerre mondiali, con l’antisemitismo razzista su base biologica. Segue l’intervento dell’ex premier Giuliano Amato, che inizia il suo discorso ragionando sulla “differenziazione” e la “discriminazione” in ambito legale. La differenziazione non è un male di per sé, siamo tutti ugualmente diversi, ma lo diventa quando diventa presupposto di discriminazione, favorendo un gruppo e perseguitando un altro. Il percorso per l’uguaglianza è stato lungo e non è ancora completamente raggiunto. Riflette sull’importanza del linguaggio giuridico, non sempre rispecchiato nei comportamenti degli individui, ma comunque alla base della giustizia sociale. Sottolinea, infine, la differenza fra il razzismo usato nel corso dei secoli per la sottomissione dei popoli diversi dal proprio e l’antisemitismo del XX secolo; il primo con il fine di sfruttamento dei diversi e del consolidamento di società gerarchizzate; il secondo con il fine della totale eliminazione degli ebrei. Il discorso inizia quindi a focalizzarsi sulle leggi razziste. A contestualizzarle all’interno del regime fascista è l’intervento successivo della professoressa Lucia Ceci, insegnante di Storia a Tor Vergata, che descrive i “testi di legge organica su Eritrea a Somalia”, del 1933. E’ a partire da questi infatti che inizia a comparire il linguaggio razzista all’interno del regime. Con la conquista dell’Etiopia, l’Italia diventa razzista; la legislazione antiebraica rappresenta un salto di qualità, non considerabile una conseguenza inevitabile della legislazione razzista coloniale, ma nel clima culturale della quale si inserisce. Il professor Francesco Cassata ha invece spiegato il ruolo dell’eugenetica, soffermandosi sull’influenza del cattolicesimo nell’eugenetica italiana. A dare informazioni tecniche e dettagliate sulle leggi razziste del 1938 è Michele Sarfatti, con l’intervento conclusivo della prima sessione.

La seconda sessione inizia con l’intervento di Roberto Finzi, professore di storia economica, sulla sorte dei professori universitari ebrei cacciati con le leggi razziste. Il mondo universitario italiano non ha mai fatto i conti con questa vicenda. Un’occasione di rinnovamento mancato, quello che successe nel dopoguerra. Casi tragici come il caso Terni ne sono emblema. Una parentesi del rapporto fra Chiesa e persecuzioni razziste durante la seconda guerra mondiale viene fornita dal Professor Melloni (università di Modena). Gli speaker successivi riprendono una prospettiva più internazionale, con l’intervento di Michel Rosenfeld sull’antisemitismo e la discriminazione razzista in America, del professor Shaub sulla discriminazione nei confronti dei convertiti nel mondo ispanico e del Professor Ten Have sulle legislazioni razziste nei paesi occupati, con l’esempio particolare dell’Olanda. A concludere il seminario è l’intervento (fuori programma) di Yehuda Bauer, per decenni capo delle ricerche storiche dello Yad Vashem e fondatore di IHRA, con un sollecito legare tutta la teoria esposta durante la giornata con quello che è la realtà quotidiana: l’antisemitismo non è sempre presente e non va dato per scontato, ma quando c’è, è importante saperlo affrontare

Una conferenza dunque ricca di spunti di riflessioni e di ricordo degli eventi passati. L’antisemitismo va e viene nel corso della storia e dei popoli, ma conoscendo il passato e comprendendone le dinamiche saremo pronti ad affrontare il futuro.

Giulio Piperno


Consiglio UGEIConsiglio UGEI31 maggio 2018
image3.jpeg

2min6170

Si è conclusa il 27 maggio la 101esima edizione del Giro d’Italia: dopo tre intense settimana la Corsa Rosa è giunta al capolinea facendo l’ultima tappa nella città di Roma.

Palazzo Venezia, Altare della Patria, Campidoglio, Circo Massimo, Terme di Caracalla, Colosseo, Fori Imperiali, Trinità dei Monti, sono solo alcuni dei luoghi che i ciclisti hanno attraversato, percorrendo il circuito di 11,5 chilometri per dieci volte.

Moltissime le persone che si sono radunate a Piazza Venezia per sostenere la squadra israeliana Israel Cycling Academy, sventolando la bandiera d’Israele.

Gli atleti sono poi stati accolti ai giardini del Tempio Maggiore per un cocktail di benvenuto organizzato dall’UCEI, insieme alla Comunità Ebraica di Roma, alla Fondazione Museo della Shoà e alla Signora Gioia Bartali, in omaggio a Gino Bartali, riconosciuto Giusto tra le Nazioni, e a cui è stata conferita la cittadinanza onoraria postuma da parte dello Stato di Israele.

Dopo i saluti della Presidente della Comunità Ruth Dureghello, di Noemi Di Segni, Presidente dell’UCEI, di Mario Venezia, Direttore del Museo della Shoah e del Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni, i ciclisti hanno poi visitato la mostra “La bicicletta di Eva” esposta a Casina dei Vallati.

 

Giorgia Calò


Consiglio UGEIConsiglio UGEI23 maggio 2018
bassa_n-500x332.jpg

2min850

Il primo fine settimana di maggio per Lag Baomer si è tenuto l’evento UGEI rinominato Spring Baomer, sponsorizzato da Masa e Junction. Di seguito il pensiero di uno dei partecipanti.

Non è facile fare un resoconto di quei quattro giorni così pieni di attività ed emozioni.
Si potrebbe provare a descrivere la location, la campagna toscana nei dintorni di Firenze, bella come un quadro, ma ovviamente non sarebbe abbastanza.
Si potrebbero elencare le attività del programma che, sebbene siano state in parte condizionate dalle nuvole, hanno reso la permanenza non solo divertente e piacevole ma anche interessante e stimolante, ma ovviamente non sarebbe abbastanza.
Anche elogiare l’organizzazione e gli organizzatori non sarebbe abbastanza, non darebbe mai pienamente merito alla passione e all’impegno che tutti loro hanno messo dentro questo evento.
L’unica cosa potrebbe essere descrivere le relazioni umane, che si sono formate durante questo fine settimana, e forse nemmeno quello sarebbe abbastanza. Qualcuno si conosceva già, qualcuno non conosceva nessuno e qualcuno conosceva solo qualcuno, ma questo breve periodo così intenso di convivenza ha fatto nascere delle amicizie, di quelle vere, e mi ha fatto provare delle emozioni, così intense, che mi porto dietro per il resto della vita. E quando poi ripenso alle risate e alle situazioni passate assieme, ovunque io sia, il mio viso si apre in un sorriso. Nessuno di quelli che ho attorno può capire: e anche provassi a spiegarglielo, non sarebbe abbastanza.
Lo Spring Baomer è stato pazzesco, e lo so che questo resoconto è illeggibile, semplicemente perché non è abbastanza.

Il nipote di Tevye il lattaio


Consiglio UGEIConsiglio UGEI22 maggio 2018
lagbaomertoscana-500x318.jpg

4min720

Uno shabbaton Ugei in una comunità ebraica italiana è di solito un’occasione per avvicinarsi a una realtà ebraica, usi e bellezze locali che la maggior parte dei partecipanti non conoscono. Molto diverso è un evento di più giorni fuori da una comunità ebraica, come quello che si è svolto due settimane fa in Toscana, non lontano da Pontassieve, in un paesaggio da cartolina tra dolci pendii collinari chiazzati qua e là di papaveri rossi, cipressi e uliveti.

Sono convinto che l’estensione dell’evento da giovedì a domenica e la location isolata abbiano favorito lo sviluppo di legami di conoscenza e amicizia più di quanto facciano i più frequenti eventi Ugei di tre giorni, da venerdì sera a domenica. Un secondo aspetto significativo apprezzato dai circa 80 partecipanti da tutta Italia è stato l’ottima organizzazione, frutto non casuale di un notevole lavoro. E’ inutile dire che le variabili da tenere sotto controllo in un evento di quattro giorni sono molto numerose: tanto più va apprezzata la gestione da parte dei consiglieri Ugei. Altro motivo che ha caratterizzato la quattro giorni toscana è stata la bellezza del luogo, apprezzata anche grazie a un tempo atmosferico inaspettatamente clemente. Inoltre il programma ha incluso attività numerose e varie: giochi di socializzazione, discussioni informali su argomenti di attualità ebraica (quelli che da anni chiamiamo “caffè dilemma”), partite di calcetto e preparazione delle challot, sessioni dinamiche sulle sfide dell’ebraismo contemporaneo (per esempio quella di Junction sul pluralismo), l’usuale festa del sabato sera e la piscina a disposizione. Per non dir nulla della grigliata domenicale.

Molto significativa la presenza del presidente EUJS (l’unione europea degli studenti ebrei, che comprende la stessa Ugei) Alina Bricman, che ha tenuto una sessione sul tema “PanEuropean Judaism”, ma i momenti di approfondimento interattivo che ho preferito sono stati quelli gestiti dall’israeliana Inbar Amir “The whole world’s a stage” e soprattutto “Why tell tales”. Già, perché tutte le sessioni si sono tenute in inglese, una scelta per me vincente che ha consentito tra l’altro di coinvolgere ragazzi provenienti da Austria, Germania, Francia, Svizzera e Israele. Le esperienze raccontate da alcuni di loro hanno portato una salutare ventata di pluralismo in un ambiente, quello ebraico italiano, che anche a livello giovanile spesso rischia di chiudersi su se stesso. Conoscere gli ebraismi, con la “i” finale, diffusi altrove in Europa, insieme alle storie di successo, crescita e anche traumatiche di nostri coetanei, è invece, a mio avviso, un momento indispensabile per confrontarci non solo con idee e realtà che non conosciamo, e che magari rifiutiamo in base a informazioni per sentito dire, ma anche per trarre dal confronto stimoli capaci di mettere in discussione o eventualmente rinforzare le nostre convinzioni.

Giorgio Berruto


Consiglio UGEIConsiglio UGEI16 maggio 2018
thorpe1-1024x640-500x313.jpg

2min810
A sinistra, Esther Thorpe

Nel villaggio di Otterburn, in Inghilterra nordorientale, la comunità Liberal di York ha celebrato per la prima volta in Inghilterra un bnei mitzvah. La festeggiata, Esther Thorpe aveva da poco fatto un coraggioso coming out spiegando alla propria famiglia di riconoscersi nel genere non-binario o genderqueer e dunque di non riconoscersi nella categoria sessuale maschile o femminile. La giovane di religione ebraica avrebbe dovuto celebrare il bat-mitzvah quest’anno. La famiglia preoccupata che il nome della celebrazione, ‘Bat’-Mitzvah (figlia dell’obbligo), avrebbe potuto far sentire Esther emarginata, discriminata o esclusa dalla comunità, ha cercato di trovare una soluzione. La comunità Liberal di York, ha aiutato Esther a studiare e a prepararsi per la celebrazione che si è svolta a dicembre 2017 preoccupandosi anche di come il rabbino avrebbe dovuto rivolgersi ad Esther, che preferisce l’uso del pronome ‘they’ (loro) a quelli maschili o femminili.

Anche se diversi Bnei Mitzvah sono stati celebrati negli Stati Uniti, è la prima volta che ne viene celebrato uno in Inghilterra, mostrando dunque come la sensibilità e il rispetto verso la comunità LGBTQ da parte di comunità ebraiche non ortodosse, cresca di anno in anno.

La notizia del Bnei Mitzvah di Esther, è stata ripresa di giornali israeliani, ebraici ma anche britannici non solo per la particolarità della celebrazione, ma anche per il fatto che si è trattato del primo Bar/Bat/Bnei Mitzvah celebrato a York da oltre cinquant’anni.

Sarah Tagliacozzo



UGEI

L’Unione Giovani Ebrei d’Italia coordina ed unisce le associazioni giovanili ebraiche ed i giovani ebrei che ad essa aderiscono.


Contattaci