Mondo ebraico

Un giornale aperto al libero confronto delle idee

Parliamo di Pesach

Da quando mi sono trasferita alla LUISS per la laurea magistrale di Scienze politiche, molti dei miei nuovi compagni mi fanno spesso domande sull’ebraismo. Nel mio corso, infatti, ci sono studenti provenienti da tutta Italia, anche da piccoli paesi, in cui la presenza ebraica è molto scarsa o nulla. Non passa giorno che qualcuno non mi chieda cosa io possa o non possa mangiare, se festeggi il Natale, cosa si faccia durante lo Shabat e […]

Continua a leggere »

A Hannukkà, le luci si riaccendono

  Pochi giorni fa abbiamo festeggiato la festa delle luci, accendendo i lumi di Hannukkà. Proprio in quei giorni, un’altra piccola fiammella si è riaccesa. Varsavia, anche se non paragonabile a ciò che fu prima della guerra, sta riscoprendo la sua identità ebraica e la comunità sta cercando di dare nuovo vigore alle sue attività. Tra le varie iniziative, una ha catturato la mia attenzione, perché per me simbolica. Domenica 14 dicembre sono ripartite ufficialmente […]

Continua a leggere »

How to survive a jewish mum

  Qualsiasi riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale. ………Lo so, lo so, di solito è una frase che si legge alla fine di un film o di una serie televisiva (nella maggior parte dei casi, fra l’altro, estremamente realistica). Ogni volta che la leggo, non riesco comunque ad evitare di cercare assurdi collegamenti con la realtà. Beh, onde evitare apocalittici litigi famigliari, vorrei precisare che non mi sto riferendo a mia […]

Continua a leggere »

Kippur

Al tramonto di Venerdì 3 ottobre, 10 giorni dopo Rosh Ha Shana (il capo d’anno), il popolo ebraico celebrerà il solenne giorno del Kippur. Come riporta anche la descrizione della ricorrenza tratta dal sito UCEI, Kippur “E’ un giorno di digiuno totale, in cui ci si astiene dal mangiare, dal bere e da qualsiasi lavoro o divertimento e ci si dedica solo al raccoglimento e alla preghiera”. Oltre quindi ad essere una giornata di digiuno […]

Continua a leggere »

Per non sembrare l’altro

Per non sembrare l’altro, la maggior parte delle persone preferisce diventare qualcosa che non è. Per non sembrare razzisti, ci sono paesi in Europa che vietano di coltivare ogni tipo di cultura legata alla religione: come l’Inghilterra, che già da qualche anno ha vietato di studiare l’Olocausto nelle scuole, perché secondo loro può sembrare discriminazione verso altre minoranze presenti nel paese. Per non sembrare razzisti. Per non sembrare ingrati verso le loro tradizioni, ci sono […]

Continua a leggere »