Apologia di Ivanka

Da quando si è affacciata sulla scena politica statunitense a fianco del padre, Ivanka Trump è stata al centro dell’attenzione dell’ebraismo mondiale (e non solo). La neo-first daughter ha suscitato da subito grandi entusiasmi ma anche numerose critiche. I social network “ebraici” ne hanno esaltato il ruolo di promotrice degli interessi di Israele e del popolo ebraico per una nuova era post-Obama, ma non le hanno nemmeno risparmiato nulla, dal modo di vestire non rispettoso della tzniuth (modestia) alle accuse più infamanti di aver “comprato” la propria conversione all’unico scopo di poter sposare Kushner.

Se già aveva fatto discutere molto la decisione di partecipare al gala per l’inaugurazione della presidenza Trump, da quando l’aereo AirForceOne ha decollato alla volta di Riyad le critiche sono esplose. L’accusa? Ivanka ha dapprima volato di Shabbat per raggiungere l’Arabia Saudita con la famiglia e infine si è concessa un bel piatto di carbonara con il consorte in un lussuoso ristorante smaccatamente tarèf (non kasher) di Roma centro.

Senza dubbio violare lo Shabbat pubblicamente è una infrazione grave. La first daughter disponeva di tutti i mezzi economici per poter viaggiare il giorno che preferiva, oppure poteva altrettanto tranquillamente lasciare la sua graziosa presenza a Washington. Il fatto è più grave dato che si tratta di una convertita, sia perché nel ghiur (conversione) l’adesione alle mitzvot è frutto di una libera scelta sia perché in questo caso l’idea di una responsabilità collettiva è ancora più accentuata. Un gher (convertito) che trasgredisce finisce per gettare discredito verso tutta la categoria.

Altrettanto criticabile è la scelta di non optare per uno dei numerosi ristoranti provvisti di tehudà (certificazione di kasherut), dove i coniugi Kushner-Trump avrebbero potuto assaggiare – e senza colpo ferire – piatti ancora più autenticamente romani perché della tradizione culinaria di una comunità ebraica millenaria.

Eppure, qualcosa stride in questa narrazione. Da un lato, le critiche si sono concentrate unicamente su Ivanka, che è sempre stata molto riservata sulla sua conversione ma non ha mai nascosto che Jared Kushner, e la decisione di costruire una famiglia con lui, abbiano giocato un ruolo molto importante. Il marito, che si definisce un ebreo ortodosso, l’ha accompagnata durante questo viaggio eppure è inspiegabilmente uscito quasi illeso dalla grandine di critiche. Perché mai tutta questa differenza di trattamento?

Elena e Paride

Esiste, nell’ebraismo, un obbligo di rimproverare il prossimo, corollario di un’idea di responsabilità collettiva o meglio ancora condivisa, ma è senza dubbio un compito molto difficile, che richiede molta cautela. Prima di tutto, cosa abbiamo davvero in mano? Nessuno di noi era su quel volo e tantomeno al ristorante romano. Possiamo basare il nostro giudizio solo da quanto affermato dai giornalisti, che non sono però immuni da distorsioni: la celebre dispensa per volare di Shabbat che un rabbino avrebbe dato a Ivanka e marito, e che tanto ha agitato le coscienze, alla fine si è rivelata fake news. Persino la scandalosa carbonara, a quanto pare, è stata ordinata da un membro del team, mentre Ivanka si è accontentata di una pizza margherita.

Forse dovremmo riflettere di più su quella che diversi hanno definito la mitzvah più trasgredita, il divieto di lashon harà, o maldicenza. E’ un concetto distinto dalla diffamazione, e trova applicazione solo se i fatti diffusi corrispondono al vero. Ci ricorda come anche la verità, talvolta, possa essere usata per umiliare, e il rimprovero del prossimo trasformarsi in un agevole strumento di inconscia autoincensazione. L’ammonimento non può mai avere la finalità – o le conseguenze – di aprire una morbosa caccia agli errori o mancanze altrui: “Procurati un maestro, acquistati un compagno, e giudica ognuno dal lato del bene”, è l’invito dei Pirke Avot. Il beneficio del dubbio, forse, non è del tutto inappropriato.

Maria Savigni, 22 anni, vive nelle campagne lucchesi, dove, quando non è intenta a leggere o sfornare challot (o entrambe le cose), studia giurisprudenza


«

»