Piperno e Moscati: tutte le città d’Italia spengano un monumento per Shalit

Piperno e Moscati: tutte le città d’Italia spengano un monumento per Shalit
   
Rivolgiamo un invito a tutte le città d’Italia affinché seguano l’esempio di Roma e Milano spegnendo le luci del loro monumento simbolo il 24 giugno per Shalit -affermano in una nota congiunta Giuseppe Massimo Piperno e Angelo Moscati, rispettivamente Presidente dell’Unione Giovani Ebrei d’Italia e del Benè Berith Giovani- siamo grati ai Sindaci Alemanno e Moratti che hanno immediatamente accolto la nostra richiesta di spegnere le luci del Colosseo e del Castello Sforzesco per richiedere la liberazione di Gilad Shalit, ormai da quattro anni nelle mani dei terroristi di Hamas. A Roma alle ore 21.30 è prevista una grande manifestazione sotto l’arco di Costantino che vedrà la presenza del Ministro Ronchi, del Sindaco Alemanno, del Presidente della Provincia Zingaretti, dell’on. Cesa, del Presidente della Comunità Ebraica di Roma Riccardo Pacifici, del Direttore del Il Foglio Giuliano Ferrara e del padre di Gilad, Noam Shalit.
 
Queste le associazioni che hanno aderito:
 
Giovane Italia (PDL) Giovani democratici (PD), Il Foglio, Partito Repubblicano Italiano ,Giovani UDC Roma, Sinistra per Israele, Forum nazionale giovani, Associazione Romana Amici D’Israele, Informazione Corretta, American Jews Committe, Fondazione De Fonseca, Keren Kayemet LeIsrael, Assessorato ai giovani UCEI, Federazione delle Associazioni Italia – Israele, Associazione Medica Ebraica d’Italia, Sohnut Italia – Agenzia ebraica per Israele, Giovani Per il Futuro, Keren Hayesod, Associazione parlamentare di amicizia Italia-Israele, Comunità di Sant’Egidio, Benè Akiva Roma, L.U.I.S.S. Roma, A.N.P.I

 

 


«

»